...

Educare alla scelta - Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Educare alla scelta - Convitto Nazionale Vittorio Emanuele II
Educare alla scelta
PIEMONTE
LAVORO
2004
Iniziativa di comunicazione istituzionale cofinanziata dal Fondo Sociale Europeo
GUIDE
Formazione Professionale
Spunti metodologici per l'orientamento
scolastico e professionale.
Materiali di lavoro per i docenti
delle scuole medie inferiori
Educare alla scelta
PIEMONTE
LAVORO
2004
Iniziativa di comunicazione istituzionale cofinanziata dal Fondo Sociale Europeo
GUIDE
Formazione Professionale
Spunti metodologici per l'orientamento
scolastico e professionale.
Materiali di lavoro per i docenti
delle scuole medie inferiori
Assessorato alle Politiche Sociali
e alla Formazione Professionale
Educare alla scelta
Spunti metodologici per l'orientamento
scolastico e professionale.
Materiali di lavoro per i docenti
delle scuole medie inferiori
PIEMONTE
LAVORO
2004
GUIDE
Il presente manuale è stato realizzato
dalla Cooperativa O.R.So.
(Organizzazione per la Ricreazione Sociale Società Cooperativa Sociale a r.l.)
a cura di
Patrizia Rossi
Angelo Sismondi
Giorgia Odorico
Barbara Faussone
Maria Josè Fava
Direzione Formazione Professionale Lavoro
della Regione Piemonte:
Paolino Cipolla
Liris Schiavi
Progetto grafico e stampa:
L’Artistica Savigliano - maggio 2004
Cari docenti,
la scelta del titolo di questo libro non è casuale: sottintende un
approccio preciso alle attività di orientamento scolastico e professionale, che punta l’attenzione sulle risorse psico-sociali delle persone coinvolte in una fase di passaggio, di transizione, di “scelta”
appunto.
Naturalmente le persone coinvolte sono nella fattispecie i ragazzi e le ragazze inserite nei percorsi scolastici, con le loro specifiche esigenze e potenzialità: ciò incide notevolmente sulle metodologie che possiamo adottare, oltre che sulle basi teoriche.
Nel volume che state sfogliando troverete alcuni spunti per inquadrare l’educazione alla scelta all’interno delle numerose possibilità di azione orientativa: da un excursus storico sull’orientamento, si giunge sino ai riferimenti normativi in cui le azioni si
inseriscono.
Nel presentare un percorso di educazione alla scelta, con alcuni strumenti cartacei da utilizzare, abbiamo privilegiato un approccio pragmatico; l’intento è di rendere questo volume complementare alle altre edizioni del manuale, prodotte negli anni passati.
Le precedenti edizioni del “manuale per i docenti delle scuole
medie inferiori” presentavano in maniera esaustiva e chiara i principali costrutti psicologici che entrano in gioco ed alcuni spunti
metodologici per riconoscerli e quindi utilizzarli nelle attività scolastiche e di sostegno alla scelta della scuola superiore o dei percorsi di formazione professionale; per questo abbiamo scelto di non
approfondire ulteriormente quegli aspetti nel presente testo.
Rimandiamo quindi, per un approfondimento, al volume: Lavorare
per l’orientamento, Fondazione Centro di Orientamento di Alessandria (2002), Regione Piemonte.
Questo lavoro non ha l’ambizione di essere completo, ma vuol
essere un contributo, che nasce dalla nostra esperienza di questi
anni, per stimolare l’attenzione e la ricerca sull’approccio psicosociale all’orientamento e sullo scambio di “buone pratiche”
orientative.
l
Mariangela COTTO
Assessore alle Politiche Sociali
e alla Formazione Professionale
della Regione Piemonte
3
L’orientamento, storia degli approcci
e delle definizioni;
cenni sui dispositivi orientativi
Diversi contesti, diversi significati
na, legata alle attuali esigenze di definizione continua delle risorse personali, delle competenze
professionali, delle abilità cognitive e “sociali”.
Tale ridefinizione continua è legata ai cambiamenti del lavoro e delle sue leggi, che richiedono
un apprendimento “che dura tutta la vita” (longlife learning), per far fronte alla velocità dei cambiamenti tecnici ed organizzativi.
Tali cambiamenti prefigurano quindi un orientamento “continuo” per fronteggiare adeguatamente ed efficacemente contesti e situazioni mutevoli.
«Il mercato del lavoro, instabile ed incerto per
definizione non cessa di richiedere profili professionali capaci di coniugare in modo virtuoso saperi elevati e competenze diffuse e non parcellizzate. In questa prospettiva l’orientamento professionale deve ancora di più essere in grado di sostenere l’ingresso in un mondo del lavoro altamente selettivo e competitivo» (Grimaldi, a cura
di, op. cit., 2002, pag. 17).
Il significato del termine orientamento, all’interno della comunità scientifica e degli “addetti ai
lavori” si è costruito sull’esperienza ed il lavoro di
insegnanti, consulenti, operatori dei servizi per il
lavoro, fino a pervenire ad un insieme di pratiche
che sempre più condivise, hanno dato origine ad
una definizione ampia di orientamento come “insieme di azioni a sostegno di una scelta, formativa o professionale”.
Tale definizione generale deve però essere
contestualizzata in un percorso storico ed epistemologico, nonché declinata nelle differenti accezioni particolari che derivano dai diversi contesti
nei quali tali azioni vengono erogate.
L’orientamento è “scolastico”, quando è un insieme di azioni per supportare scelte legate ai cicli di studio mentre è “professionale” quando supporta l’ingresso nel mercato del lavoro o sostiene
comunque un cambiamento di status, cambiamento che comprometta un equilibrio e si configuri
come crisi.
Nell’accezione che ci interessa, all’interno dei
percorsi scolastici e formativi in genere, possiamo
facilmente declinare la definizione di orientamento come “azione di sostegno alla definizione delle
scelte scolastiche” ma come si è arrivati ad una
concezione delle azioni di orientamento come
azioni di sostegno nelle transizioni?
Un’interessante trattazione di questo tema è
stata effettuata da I.S.F.O.L. attraverso il lavoro a
cura della dottoressa Anna Grimaldi, Modelli e
strumenti a confronto: una rassegna sull’orientamento (Franco Angeli, 2002, Milano), al quale ci
riferiremo all’interno del presente lavoro ed al
quale rimandiamo per ulteriori approfondimenti.
Le prime fasi storiche:
industriale e attitudinale
Tale necessità era sicuramente minore nella
fase pre-industriale quando non esisteva il problema della formazione professionale, né tanto
meno quello della scelta lavorativa. Era infatti la
famiglia che si occupava di tramandare il lavoro
di generazione in generazione e di fornire ai giovani le competenze necessarie per svolgerlo (M.L.
Pombeni, 1990).
È nella fase post-industriale che l’orientamento comincia a trovare una giustificazione:
• nell’aumento delle possibilità di scelta offerte al
singolo
• nell’esigenza dell’industria di reperire manodopera adeguata
• nell’urgenza di provvedere ad un’opportuna preparazione culturale e professionale dei lavoratori.
L’evoluzione storica
del concetto di orientamento
La concezione di orientamento come sostegno
alle scelte è sicuramente una concezione moder-
4
Gli interessi professionali
e le tendenze vocazionali
Agli inizi del Novecento si fa strada una concezione particolare della persona come detentrice
di disposizioni naturali, ereditarie, presenti in misura diversa da soggetto a soggetto e rilevabili attraverso l’uso di test predisposti allo scopo. Grazie
all’uso di test era considerato possibile determinare verso quale mestiere o professione indirizzare l’individuo.
Questa concezione “attitudinale” dell’orientamento doveva permettere di effettuare una selezione quasi “matematica”: l’uomo giusto al posto
giusto, attraverso l’utilizzo di strumenti psicometrici si potevano misurare tali attitudini e quindi
individuare la professione “giusta” per l’individuo, una volta per tutte nel suo percorso di formazione o di lavoratore.
Questo tipo di approccio aveva sicuramente
una sua efficacia nel contesto economico del periodo, che si presentava statico o per lo meno poco
variabile dal punto di vista delle professioni, che
erano considerate sempre quelle, immodificabili
nelle attitudini che richiedevano e nelle caratteristiche che i lavoratori dovevano possedere per
svolgerle.
Con i cambiamenti legati al modo di intendere
le organizzazioni e soprattutto con i cambiamenti
tecnologici che sarebbero intervenuti negli anni
seguenti, tale modello non poteva che essere in
parte abbandonato, soprattutto nella pretesa di misurare una volta per tutte delle componenti per
loro natura poco concrete, come le attitudini.
« Il fermento sperimentale per la misurazione e
l’oggettivazione dei comportamenti umani attraversa in modo sistematico i primi trent’anni del secolo scorso, segnando le origini dalle quali rintracciare i “debiti” concettuali e di metodo
dell’orientamento professionale. (…) L’impostazione tecnicista degli autori di inizio secolo, prevalentemente orientati a studiare l’intelligenza generale e a differenziare il normale dal patologico,
viene progressivamente ampliata e arricchita dal
concetto di interesse professionale, che di fatto
non sostituisce l’idea che esistano dei tratti stabili e profondamente radicati nell’esperienza di ogni
persona che concorrono a definire gli elementi
fondanti la sua personalità. All’idea di predire la
prestazione più adatta e al bisogno di controllare
le varianze comportamentali si aggiunge il desiderio di conoscere gli interessi personali e professionali, in altre parole, ciò che piace o non piace
alle persone di una determinata attività». (Grimaldi, a cura di, op. cit., 2002, pag. 23).
Attorno agli anni ’30 l’enfasi si sposta gradualmente sugli interessi. Ipotizzando un legame
tra abilità possedute, gli interessi manifestati e il
successo formativo e professionale (Baumgarten,
1949), si intende valutare l’interesse, che nei vari
soggetti mette in azione e potenzia le attitudini,
con l’obiettivo di sviluppare nel soggetto la coscienza degli interessi vocazionali. «Un possibile
legame soddisfacente tra rendimento e attitudini,
dimostratosi poco predittivo della riuscita in ricerche successive da Crites (1969) e Hansen
(1984) per citare le principali, portò così a insistere sulle dimensioni di personalità di natura “affettiva” come gli interessi o i valori professionali
e professionali delle persone. Tutti questi fattori
furono interpretati come elementi selettivi per la
futura scelta scolastica o lavorativa, e in parte prognostici di un eventuale successo, in ragione essenzialmente di due evidenze evolutive: la loro genesi precoce, già in età adolescenziale e la loro
stabilità nel percorso della vita adulta» (Grimaldi,
a cura di, op. cit., 2002, pag. 26).
Nel periodo storico tra il 1945 e il 1960 cominciano ad essere considerate incisive anche le
tendenze istintive profonde. Si predispongono
strumenti che siano in grado di indagare ad un
livello più profondo le tendenze vocazionali del
soggetto; si presta attenzione alla personalità del
soggetto, al modo in cui essa si sviluppa, alle relazioni emotive e cognitive su cui si fonda. La ricerca di un legame tra le disposizioni personali
più profonde e le scelte professionali viene ricondotta ad un approccio psicodinamico che vede
centrale il ruolo degli psicologi come esperti
orientatori e diventa decisivo il significato delle
scelte scolastiche e formative iniziali (Novara,
Sarchielli, 1996).
Sulla base delle intuizioni di Maslow (1943),
sulla gerarchia dei bisogni e sulla motivazione,
l’approccio dinamico si integra con riferimenti fenomenologici e soprattutto umanisti e con la concezione di “relazione d’aiuto” di C. Rogers (1959,
1963).
Il risultato di queste integrazioni è l’avvio di
numerose esperienze di sviluppo di quelle che potremmo definire competenze trasversali e di fronteggiamento, in questa fase definite life skills, riconducibili al costrutti di empowerment (Putton,
2000; Piccardo, 2001).
5
esiste fra classe sociale, condizioni ambientali e
culturali, esperienza familiare, iter scolastico e
scelta professionale ed ha sottolineato la necessità
di collegare la scelta lavorativa agli sbocchi occupazionali, all’analisi del mercato del lavoro e al problema della progettazione economica e formativa.
Da questo periodo storico si approda, negli anni
tra i ’50 e i ’60, ad un approccio che M.L. Pombeni
(1990) definisce: «plurifattoriale alla spiegazione
della scelta scolastico-professionale, questo evento fino ad un certo momento considerato come un
fattore circoscritto e legato all’influenza di un fattore dominante (le attitudini, gli interessi, le inclinazioni) di tipo soggettivo comincia a configurarsi
come processo influenzato in parte da variabili di
ordine personale ed in parte da condizionamenti di
carattere socioculturale» (p. 19).
Arriviamo quindi a circoscrivere un raggio di
azione orientativa che si caratterizza, influenzato
dalle riflessioni precedentemente illustrate, come
approccio educativo.
Le pratiche che negli anni sessanta cominciano a mettersi in atto nelle scuole e nei centri di
orientamento avevano l’obiettivo di stemperare un
intervento quasi esclusivamente psico-attitudinale con una serie di azioni più educative.
Una forte impronta alle azioni orientative deriva dal lavoro di D.E. Super (1975), psicologo americano che si è concentrato nello studio delle psicologia applicata al lavoro ed allo sviluppo delle
carriere.
I suoi lavori descrivono l’identità personale e
professionale come una costruzione attraverso tappe definite. Per affrontare queste tappe è necessario un aiuto a maturare e crescere, per affrontare
scelte più complesse. Super accentua la componente personale dell’orientamento partendo da
un presupposto: è possibile individuare delle tappe evolutive di maturazione alla scelta. Il soggetto,
opportunamente aiutato attraverso adeguate strategie didattico-operative, decide il proprio futuro.
L’adolescenza viene individuata in un primo
momento come fase centrale del processo di scelta; in seguito si allarga questa fase a tutto l’arco
dell’esperienza lavorativa del soggetto. L’assunzione di decisioni è il meccanismo per cui la propria filosofia di vita viene tradotta in azioni.
Emporwerment e approccio psicodinamico
Il termine empowerment è usato per indicare un
«processo di aumento di potere, inteso come patrimonio personale di chi lo possiede, lo ha in sé, lo
può usare nel rapporto con le cose e le persone importanti nella sua vita. È il potere di fare e di essere, di scegliere, di usare in maniera ottimale le
proprie risorse, di interagire al meglio con il mondo circostante quale che sia» (Bruscaglioni, 1994).
Empowerment è quindi sia uno stato psicologico (del potere interno), sia il processo di “aumento delle possibilità” percorribili, necessario
ad acquisire i fattori propri di questo potere interno che consente di fare in una determinata situazione la scelta più responsabile e soddisfacente
tra quelle possibili, di sentirsi responsabili e protagonisti di sé, e che non va confuso con l’inclinazione all’ottimismo (Scandella, 2002, pag. 94).
«In accordo con questa concezione psicodinamica, l’attività di orientamento professionale inizia a riconoscere nella motivazione l’elemento
centrale per lo studio della personalità, ma non
esclude l’importanza dell’ambiente e dell’interazione sociale come fattore di crescita e cambiamento individuale» (Grimaldi, a cura di, op. cit.,
2002, pag. 27).
Sinteticamente quindi in questa fase si passa
dalla ricerca de “l’uomo giusto al posto giusto” all’idea che “il lavoro debba soddisfare i bisogni
dell’uomo”, il contributo scientifico di riferimento
è la psicanalisi; il passato assume un ruolo essenziale per spiegare il presente.
L’orientamento in questa fase storica tiene conto dell’evolversi della struttura della personalità,
non deve limitarsi a un singolo momento e non
deve concentrarsi in un unico consiglio valido una
volta per tutte. È in questo ambito teorico che si
sviluppano le prime procedure del counseling.
L’approccio socio-culturale e plurifattoriale:
un approccio educativo
Nel secondo dopoguerra si afferma un approccio definibile come socio-culturale, che valorizza
anche gli aspetti condizionanti dell’ambiente sociale, non solo le scelte degli individui, vengono
mosse critiche agli psicologi per aver trascurato
l’importanza dell’ambiente come fattore condizionante l’individuo nella possibilità di scelta e nella formazione degli interessi personali e per non
aver considerato l’orientamento come fatto pubblico e politico.
Questo approccio ha focalizzato il legame che
L’orientamento “continuo”
Negli anni settanta orientare significa porre
l’individuo in grado di prendere coscienza di sé e
di progredire per l’adeguamento dei suoi studi e
della sua professione alle mutevoli esigenze della
6
vita con il duplice obiettivo di contribuire al progresso della società e di raggiungere il pieno sviluppo della persona.
Al centro degli interessi dell’orientamento viene posto l’individuo che si deve orientare e il problema della formazione della sua personalità complessiva. Si diffonde il rifiuto della delega ad altri
delle decisioni concernenti il destino professionale di ognuno.
L’individuo diviene il protagonista del proprio
processo di orientamento; prendendo consapevolezza della situazione in cui vive può percepire la
natura dei vincoli ai quali è sottomesso e sviluppare una adeguata strategia per superarli.
L’orientamento è percepito come processo continuo; non un insieme di interventi occasionali o
legati a delle urgenze specifiche ma uno strumento d’aiuto nella formazione delle scelte che le persone si trovano a fare nelle situazioni di transizione tra formazione e lavoro, tra lavoro e formazione,
tra lavoro e lavoro.
sinergia auspicata tra i sistemi della scuola,
della formazione, dell’università e del lavoro
richiede di progettare e realizzare percorsi di
orientamento integrati, individualizzati e capaci di favorire la costruzione di un percorso di
apprendimento lifelong.
Oggi il panorama lavorativo è caratterizzato da
una complessità crescente: le nuove generazioni
intraprendono, sempre più frequentemente, più di
una professione nel corso della vita lavorativa.
L’Orientamento deve essere quindi un supporto dato all’individuo per risolvere i problemi relativi alla professione, alla scelta o al cambiamento
della stessa, tenendo in considerazione le sue caratteristiche e le sue opportunità nel mercato del
lavoro.
È una scelta nel tempo, continua. Il soggetto è
l’attore protagonista di questo processo, supportato dall’orientatore che ha la funzione di aiutarlo a
collocarsi, informarsi ed elaborare strategie finalizzate alla costruzione del proprio progetto professionale. L’obiettivo: portare le persone a individuare il proprio progetto personale, attraverso un
incremento delle loro capacità di scelta.
L’azione orientativa (Pombeni, 1994) persegue
essenzialmente quattro ordini di obiettivi:
– l’elaborazione dei vissuti individuali e l’esplicitazione delle rappresentazioni sociali connesse
alla situazione critica
– l’attivazione del conflitto socio-cognitivo e l’ampliamento delle informazioni che il soggetto possiede a proposito di se stesso, la formazione, la
scuola, il lavoro
– lo sviluppo di competenze metodologiche, finalizzate ad analizzare e impostare correttamente
il problema da risolvere
– l’elaborazione di strategie di coping finalizzate a
fronteggiare le difficoltà che ostacolano la risoluzione del problema
In questo si sostanzia la prospettiva psico-sociale, in cui l’orientamento è un processo volto a
mettere il soggetto nelle condizioni di sapersi
muovere in modo consapevole ed adeguato soprattutto nelle transizioni.
Le situazioni di transizione sono l’insieme degli eventi concreti che portano alla luce differenti bisogni orientativi dell’individuo a che necessitano dello sviluppo di adeguate competenze per
farvi fronte.
Gli interventi orientativi tendono a far percepire la “crisi” della transizione non solo come minaccia per l’equilibrio, ma anche come occasione
di sviluppo ed emancipazione. Tendono a far individuare delle strategie di superamento della
transizione.
Elementi fondamentali dell’orientamento
Durante gli anni ottanta tendono ad affermarsi
le teorie sintetizzate da Maria Luisa Pombeni
(1990) che sono caratterizzate da quattro elementi fondamentali (da Modelli e strumenti a confronto: una rassegna sull’orientamento, Isfol, 2002):
1. la centralità del soggetto e della responsabilità di scelta: l’attenzione degli studiosi e
degli operatori è definitivamente rivolta all’individuo, alla sua capacità di scegliere in modo
responsabile e autonomo, sino a promuovere
l’idea che l’orientamento sia innanzitutto auto
diretto;
2. la crucialità degli stadi di vita e delle fasi di
transizione: se l’orientamento diventa un concetto che attraversa il ciclo di vita, risulta soprattutto cruciale nelle fasi di passaggio quando le risorse individuali e del contesto sono
primariamente sollecitate ad attivarsi e a sostenere nuovi assetti e configurazioni di vita
personale e professionale;
3. la possibilità di evoluzione e di cambiamento degli interessi e della carriera professionale: il lavoro cessa di essere per la vita,
diventa flessibile, a termine, interinale e spesso itinerante. La possibilità di crescita sembrano quindi sempre più legate alla capacità di
recuperare e valorizzare tutto il patrimonio di
competenze di una vita;
4. l’interdipendenza con il sistema dell’educazione e della formazione professionale: la
7
Approcci all’Orientamento
Approccio diagnostico
Approccio educativo
PUNTUALE
CONTINUO
Accoppiamento tra profilo individuale e profilo di lavoro
Accoppiamento tra individuo in divenire e ambiente professionale in evoluzione
Desiderio professionale innato
Desiderio professionale da creare
Soggetto passivizzato (applicazione di procedure)
Soggetto attivato, nella sue costruzione personale
Importante la “scelta buona”:
Importante apprendere a realizzare il compromesso migliore tra desiderabile e realizzabile:
CHE COSA SCEGLIERE
COME SCEGLIERE
Valori fondamentali
dell’Approccio educativo all’Orientamento
– lo sviluppo delle conoscenze e competenze atte
a consentire di effettuare scelte formative e professionali efficaci;
– il sostegno individuale per favorire l’introspezione, l’analisi della realtà esterna, le possibili
opzioni e per valutare le conseguenze di eventuali scelte;
– l’aiuto nell’inserimento in nuovi contesti organizzativi (formativi, lavorativi)
La responsabilità personale
– La persona in orientamento gioca un ruolo attivo nella risoluzione del suo problema, sia nella
ricerca di soluzioni, sia nello sforzo da fornire
per applicare queste soluzioni
La qualità della relazione
– Consulente e persona in orientamento hanno un
rapporto di collaborazione
– Il consulente è un esperto di metodo non di contenuti
– La persona in orientamento viene ritenuta capace di risolvere il suo problema
Queste aree sono riconducibili, per consenso
diffuso negli anni Novanta, a tre macrodimensioni: formazione orientativa, informazione orientativa, consulenza orientativa (per la regione Piemonte cfr: Decreto Giunta Regionale 10-28141
allegato A; 1999).
Le azioni di formazione orientativa sono necessarie per le sviluppo delle competenze orientative, quelle che consentono agli individui di farsi
carico del problema della scelta (percepirlo, sentirlo importante per il proprio sviluppo, attivarsi
per trovare soluzioni) e di affrontare l’esperienza
di transizione con esiti positivi. Tali azioni devono integrarsi con i percorsi della formazione iniziale, ma anche di quella permanente e continua.
Le azioni di informazione sono indispensabili per la conoscenza della realtà esterna, delle sue
opportunità e dei suoi vincoli: condizione per effettuare scelte personali realistiche e con possibilità di realizzazione. La consulenza è azione di
prevenzione e di sostegno qualora si evidenzi il bisogno di un supporto individualizzato.
Il contratto
– Il processo di orientamento appartiene tanto alla
persona quanto al consulente
– La persona in orientamento deve avere una comprensione il più possibile piena degli obiettivi e
della metodologia
Le aree di attività dell’orientamento
Le dimensioni dell’orientamento, così come sono
descritte da Bellamìo e Scardella (2002) sono relative ad alcune aree di attività, necessarie per favorire il processo di orientamento:
– l’erogazione di informazioni obiettive, concrete
aggiornate;
8
Macroaree di attività di orientamento
Decreto Giunta Regionale 10-28141 allegato A; 1999
Informazione
orientativa
Azioni di informazione orientativa:
1. Predisposizione e aggiornamento delle banche dati.
L’operatore deve avere competenze in materia di:
– reperimento delle fonti
– catalogazione delle informazioni
– uso dei linguaggi informatici
2. Relazione con l’utente finalizzata a fornire informazioni fruibili e rispondenti a
diverse tipologie di utenti.
L’operatore deve essere in grado di:
– gestire un colloquio informativo utilizzando strategie comunicative efficaci
– progettare modalità di consultazione autonoma delle informazioni da parte degli utenti
– mettere a punto strategie comunicative rivolte a gruppi di utenti sia all’interno
del servizio, sia all’esterno (ad esempio nelle scuole)
3. Funzione di filtro in ingresso alla struttura
L’operatore deve sviluppare competenze per:
– operare una prima decodifica della domanda espressa dall’utente
– presentare / informare sui servizi offerti dalla struttura
– indirizzare, in presenza di condizioni specifiche dell’utente, verso altre tipologie di servizi territoriali che possono garantire risposte più mirate
Formazione
orientativa
Azioni di formazione orientativa:
1. Progettazione di una gamma di azioni strutturate finalizzate a promuovere nell’utente un insieme di competenze orientative a sostegno del fronteggiamento di
eventi significativi della propria esperienza formativa e di transizione dalla formazione al lavoro e dal lavoro al lavoro (esempi: moduli di educazione alla scelta, preparazione e rielaborazione di stage o di tirocini, percorsi di sviluppo delle tecniche di ricerca del lavoro, ecc.)
Ai fini della progettazione l’operatore deve possedere competenze per:
– analizzare i bisogni orientativi connessi alle diverse finalità dell’intervento
(esempio: il problema della scelta scolastica o il problema dell’inserimento lavorativo);
– articolare le specificità (caratteristiche, risorse, attese, ecc.) dei diversi target
di utenza (adolescenti, giovani, adulti; studenti, inoccupati, disoccupati; uomini, donne; immigrati, ex-tossicodipendenti ecc.);
– costruire i percorsi, distinguendo finalità - obiettivi - attività - metodologie strumenti;
– prefigurare modalità di valutazione dei risultati conseguiti, sia attraverso modalità di verifica del grado di soddisfazione/insoddisfazione dell’utente, sia attraverso griglie di osservazione/valutazione da parte dell’operatore.
2. Gestione della situazione formativa di piccolo gruppo.
Le competenze dell’operatore riguardano:
– la conduzione del gruppo, cioè le strategie di comunicazione, la regolazione delle interazioni orizzontali e verticali, il fronteggiamento di eventi critici (fenomeni di leadership o di esclusione, ecc.);
– le metodologie di attivazione per la realizzazione di singoli obiettivi,
– la predisposizione e l’utilizzo efficace di strumenti orientativi finalizzati (griglie stimolo, giochi di simulazione, ecc.)
9
3. Monitoraggio individualizzato del perseguimento dell’obiettivo orientativo da
parte di ogni membro del gruppo.
L’operatore deve essere in grado di :
– valutare in itinere lo sviluppo delle competenze orientative maturate;
– rielaborare eventuali criticità di percorso attraverso momenti di confronto personale (colloquio) ;
– accompagnare la realizzazione del progetto personale con alcuni momenti di
verifica successivi alla conclusione del percorso formativo di gruppo (specialmente nei confronti delle fasce deboli).
Consulenza
orientativa
Azioni di consulenza orientativa:
1. Diagnosi del compito orientativo, intesa come analisi articolata del bisogno di
supporto professionale al processo di auto-orientamento dell’utente;
Le competenze dell’operatore riguardano:
– la valutazione approfondita del bisogno orientativo dell’utente;
– la conoscenza delle variabili psicosociali in gioco nel fronteggiamento dei diversi compiti orientativi (scelta, inserimento, re-inserimento, ecc.);
– l’analisi di tempi e modalità necessarie al percorso di consulenza.
2. Gestione del/dei colloquio/i di orientamento, inteso come relazione di aiuto
finalizzata a fornire all’utente strumenti di analisi e strategie di azione per progettare lo sviluppo della propria esperienza formativa / lavorativa.
L’operatore deve possedere :
– competenze comunicative (uso di linguaggi adeguati, clima empatico, centratura sulla persona, ecc.);
– tecniche di riformulazione per facilitare il processo di rielaborazione della propria esperienza formativa/lavorativa da parte dell’utente;
– capacità di sintesi per permettere all’utente di identificare gli elementi strategici su cui fondare lo sviluppo della propria progettualità.
3. Monitoraggio del progetto di sviluppo elaborato nel percorso di consulenza.
L’operatore deve essere in grado di:
– aiutare l’utente a valutare risultati, difficoltà ecc. nella fase di attuazione del
piano operativo (finalizzato alla scelta, alla ricerca del lavoro, al re-inserimento
lavorativo, ecc.);
– aiutare l’utente ad elaborare nuove strategie o a intensificare/correggere strategie già sperimentate;
– responsabilizzare l’utente rispetto agli impegni assunti e rimotivare rispetto a
eventuali insuccessi.
Sostegno
Azioni di sostegno:
all’inserimento 1. Sviluppo di abilità/tecniche per la ricerca attiva del lavoro.
lavorativo
2. Predisposizione di strategie per l’accompagnamento all’inserimento lavorativo.
Per quanto riguarda le competenze dell’operatore, si fa riferimento in parte ad abilità di gestione di interventi di gruppo e in parte a modalità di conduzione di colloqui individuali.
Da sottolineare come specificità di quest’area le competenze in ambiti di politiche
attive del lavoro:
– competenze di carattere normativo e legislativo;
– competenze in tecniche e strumenti di analisi del sistema economico locale;
– il lavoro in rete (nel rapporto fra servizi e/o fra soggetti istituzionali e non);
– competenze in politiche integrate relative a bacini territoriali.
10
Normativa di riferimento per le attività di orientamento
Lo specchietto seguente riassume cronologicamente le tappe principali della normativa nazionale e
regionale in materia di orientamento.
Riferimento legislativo
Contenuti e principali aspetti
Legge regionale n. 63
del 13 aprile 1995
Disciplina le attività di formazione e orientamento professionale.
La legge individua le seguenti azioni di orientamento professionale:
1) servizi e supporti informativi sulle opportunità formative e lavorative
2) unità didattiche, moduli e stages di orientamento nei percorsi scolastici e
di formazione professionale
3) consiglierato ed azioni di supporto.
Le azioni possono essere poste in essere dai Comuni, dalle Comunità montane, dalle Province che provvedono sia direttamente o tramite Enti da essi costituiti, dalle Agenzie di formazione professionale
Le Province si avvalgono delle risorse e svolgono il coordinamento con i Centri
per l’impiego, l’Agenzia Piemonte Lavoro, con la Consigliera di parità e con
gli organismi scolastici
Le azioni di orientamento regionali devono essere coordinate con gli interventi
di politica del lavoro
Legge regionale n. 41
del 14 dicembre 1998
Organizzazione delle funzioni regionali e locali in materia di lavoro.
Art. 2: sono attribuite alla Province (…) la gestione e l’erogazione dei servizi
individuali e collettivi connessi alle attività di collocamento, quali l’informazione, l’orientamento, la preselezione e l’incontro domanda e offerta; tali compiti vengono svolti tramite i Centri per l’impiego (art. 15).
Art. 68 Legge n. 144
del 17 maggio 1999
Co. 3° … I servizi per l’impiego decentrati organizzano, per le funzioni di propria competenza, l’anagrafe regionale dei soggetti che hanno adempiuto o assolto l’obbligo scolastico e predispongono le relative iniziative di orientamento.
Quadro di riferimento per le attività di orientamento: principali macro-aree di
D.g.r. 10 - 28141
del 13 settembre 1999 attività.
Conferenza Unificata
2 marzo 2000
Paragrafo 3, Organizzazione dei servizi per l’impiego:
(…) I servizi per l’impiego convocano, per un colloquio di informazione e di
orientamento i giovani soggetti ad obbligo formativo e che hanno comunicato
l’intenzione di abbandonare il percorso scolastico o formativo, ovvero hanno
cessato di frequentare la scuola o le attività formative
I colloqui di informazione ed orientamento sono finalizzati a:
– individuare le competenze, le capacità, le attitudini e gli interessi dei giovani
– ad informare i giovani sulle opportunità formative e di lavoro in apprendistato esistenti sul territorio
– assicurare l’iscrizione ad un percorso di formazione professionale.
D.lgs. n. 181 /2000
Disposizioni per agevolare l’incontro fra domanda ed offerta di lavoro:
– (...) colloquio di orientamento per i giovani e gli adolescenti entro sei mesi
dallo stato di disoccupazione
– proposta di reinserimento lavorativo o di formazione e/o riqualificazione professionale per le donne in cerca di reinserimento lavorativo entro sei mesi
dallo stato di disoccupazione.
11
Riferimento legislativo
Contenuti e principali aspetti
D.p.r. n. 257
del 12 luglio 2000
Regolamento di attuazione dell’art. 68 legge 144/1997:
Art. 4 - Gli istituti di istruzione secondaria superiore attivano le iniziative finalizzate al successo formativo, all’orientamento e al riorientamento coordinandosi o integrandosi con l’attività dei servizi per l’impiego
Regione Piemonte
Manuale operativo
sinottico per l’accreditamento delle strutture di orientamento
Approvato dal
Comitato Guida per
la qualità in data
20.12.2002
Contiene gli indicatori per l’accreditamento delle strutture di orientamento.
Consiste in una Tavola sinottica delle macroaree (definite ex D.g.r. 10 - 28141
del 13 settembre 1999):
– informazione orientativa
– formazione orientativa
– consulenza orientativa
– sostegno all’inserimento lavorativo
comprensiva dei parametri volontari e per l’espansione futura
12
I dispositivi:
l’orientamento di gruppo
Le attività di formazione orientativa all’interno
della scuola, ma non solo in questo contesto, sono
caratterizzate dal dispositivo con il quale vengono
erogate: il gruppo. Nel particolare ambiente della
scuola esso è per la maggior parte delle volte un
gruppo classe, è quindi importante conoscere in
quale modi considerare questo una risorsa, per utilizzare al meglio il dispositivo orientativo gruppo.
Di seguito presentiamo alcuni cenni dalla letteratura sui gruppi, in particolare quella sui gruppi in orientamento. Tali cenni possono aiutare a
creare una cornice teorica, da integrare con la particolarità del gruppo all’interno della scuola: il
gruppo classe. Tale specifica è naturalmente delegata agli insegnanti, esperti nella gestione dei
gruppi classe; ci limiteremo quindi ad indicare alcune note sui gruppi in orientamento, tenendo sullo sfondo le peculiarità dei gruppi nella scuola.
Secondo Pombeni (1994, p. 76), non si tratta
di contrapporre le due modalità (individuale e di
gruppo) nello sterile tentativo di individuare quale sia migliore, quanto piuttosto di comprendere
che siamo in presenza di strategie diverse in grado di rispondere ad esigenze e bisogni differenti.
K. Lewin, (1961) definisce il gruppo come un insieme dinamico costituito da individui che si percepiscono come più o meno interdipendenti per
qualche aspetto e che perseguono un obiettivo comune; vale a dire che il gruppo è un fenomeno psicosociale unitario e non è una somma di fenomeni rappresentati dall’agire e dal pensare dei suoi
membri.
Inoltre dimostra, tramite i suoi studi, che il metodo basato sulla decisione di gruppo è superiore al
metodo delle conferenze, ai fini della modifica degli atteggiamenti.
Secondo Moreno (1964) il gruppo è il luogo del
superamento delle percezioni stereotipate nei confronti di sé e degli altri e l’ambito privilegiato per
l’acquisizione di ruoli diversi.
Rogers (op. cit.) ha sottolineato l’importanza di
creare condizioni emotive ottimali, caratterizzate
da spontaneità e fiducia, per mettere i soggetti
nelle condizioni di massima apertura nei confron-
ti degli stimoli provenienti dall’ambiente esterno
(gruppo, ed in generale relazione di aiuto, come
palestra per fronteggiare l’esterno).
Ancora Pombeni, op. cit., specifica che «non
tutte le persone possono trarre gli stessi benefici
dal rapporto di consulenza individuale. Per alcune di loro, in particolare per le fasce deboli, è necessario pensare ad una dimensione più articolata di intervento in cui sia possibile attivare delle
strategie di rimotivazione e di recupero verso nuovi percorsi, attraverso un processo di analisi e rilettura delle proprie esperienze e di introduzione
di nuove informazioni, in grado di stimolare la ricerca di soluzioni più soddisfacenti...».
Tale dimensione è stata individuata nel gruppo, inteso come ambiente privilegiato che consente al singolo di attivare un processo di confronto
con gli altri e di allargare cognitivamente le rappresentazioni alla base del proprio progetto professionale e di vita.
Sui processi di confronto sociale possiamo dire
con Festinger (1997) che i membri di un piccolo
gruppo sono fondamentali per la valutazione delle capacità del soggetto e per la conferma delle
sue opinioni: il gruppo è centrale per l’autovalutazione del singolo. Certamente però la possibilità
di riconoscere gli altri come confrontabili con sé
è legata ad una differenza di capacità non troppo
vistose, diventa quindi importante l’omogeneità
dei gruppi. Tuttavia il gruppo espone il soggetto in
termini di autostima, il gruppo di per sé può essere un setting positivo ma anche negativo per le
persone che vi partecipano (se ci sono disomogeneità forti, problemi individuali quasi patologici,
soggetti destabilizzanti, macroerrori del conduttore...).
Il gruppo, quindi, è un luogo di espressione e
di potenziamento della ricerca attiva individuale,
è un’esperienza per potenziare il proprio cambiamento ed aiutare gli altri a cambiare; ma questa
situazione non rappresenta una condizione naturale nella vita dei gruppi, deve invece essere perseguita in modo consapevole da chi progetta e realizza interventi di gruppo.
13
insieme di persone che costituiscono un’unità organizzativa di dimensioni ridotte e con un certo
grado di autonomia gestionale operativa, al fine di
raggiungere l’obiettivo operativo, il lavoro di gruppo è un metodo che implica l’esistenza di un obiettivo operativo da conseguire, coordinando l’azione
di persone con scopi, bisogni, desideri interdipendenti.
Il contenuto, ossia il compito del gruppo in
orientamento, è la produzione individuale del progetto professionale
Il gruppo come risorsa
Le attività classiche del gruppo si possono individuare in:
1. CONTENUTO, ovvero il compito da svolgere.
2. RELAZIONE e cioè le dinamiche di gruppo.
La relazione incide sugli aspetti del contenuto,
influenzando quindi il risultato del lavoro del
Gruppo.
Quali relazioni esistono tra i “gruppi di lavoro” ed il “gruppo in orientamento”? Ricordiamo
anzitutto la distinzione canonica tra gruppo di lavoro e lavoro di gruppo: il gruppo di lavoro è un
Il gruppo di lavoro in un’organizzazione è diverso dal gruppo in orientamento:
Gruppo di lavoro
Gruppo in orientamento
1. deve produrre un prodotto di gruppo
1. deve produrre un prodotto individuale la persona deve fare il suo progetto, usando le risorse
che ci sono nel gruppo
2. il conduttore tira le fila sul prodotto di gruppo
2. il conduttore tira le fila sul prodotto individuale
Il gruppo in orientamento è:
• un gruppo in apprendimento
• un gruppo centrato sul compito (intervengono
gli aspetti della relazione, ma non è su quelli
in specifico che si lavora)
• un gruppo strutturato (ha dei compiti, non viene lasciato spazio al libero manifestarsi delle
dinamiche)
• un piccolo gruppo, 8-15 persone
• un gruppo omogeneo, in relazione a età, curricolo di studi, condizione sociale, bisogno orientativo alias tipologia di transizione; il concetto di
omogeneità va declinato soprattutto in relazione
al fatto che i membri del gruppo abbiano la percezione di essere simili e confrontabili rispetto al
compito da affrontare (che è, ricordiamo, la costruzione del progetto professionale individuale).
Le fasi del gruppo
Il gruppo in orientamento attraversa, secondo
Pombeni (1994, pp. 84 segg.) alcune fasi:
• la fase preparatoria
• il contratto iniziale
• la conoscenza dei partecipanti
• l’esecuzione del compito
• lo scioglimento del gruppo
Mettendo in relazione le diverse fasi del gruppo con gli stati soggettivi della persona, gli stati
preminenti del gruppo ed i diversi tipi di compiti
suggeribili per ciascuna fase si può tracciare la
seguente tabella, utile per la progettazione di
un’azione di gruppo e per sapere a che cosa deve
fare attenzione un conduttore nella gestione del
gruppo:
Fase costituente
Fase di identificazione
Fase di coagulo
Fase di maturità
STATI SOGGETTIVI
(come si sente
la persona)
incertezza
esposizione
confronto
appartenenza
STATI PREMINENTI
del gruppo
appropriazione
del territorio
censimento
delle risorse
(che cosa mi possono
dare le persone
del gruppo?)
gestione delle
risorse e conflitto
(di idee diverse)
gestione del potere
TIPI DI COMPITI
SUGGERIBILI
informazione
e valutazione
elaborazione
decisione
14
progetto
separazione
Nelle diverse fasi si utilizzano strumenti adeguatamente pensati per facilitare il passaggio alle
fasi successive; il conduttore che conosce queste
fasi può capire se il gruppo sta progredendo oppure no.
Ad esempio lo sfogo, manifestazione dell’incertezza, dell’appropriazione del territorio, deve
venire prima della decisione, altrimenti la decisione non può essere presa dal gruppo e non si arriva alla costruzione del progetto.
• la dimensione socio educativa: deve mantenere
alto il livello dell’attenzione e la motivazione;
deve cercare di diversificare strumenti e metodologie per questo scopo; deve aiutare il gruppo
a raggiungere l’obiettivo, a fargli raggiungere le
fasi.
Le caratteristiche dei gruppi efficaci
I gruppi efficaci sono caratterizzati dal manifestarsi di alcuni elementi osservabili:
• hanno un’alta produttività
• si manifesta una buona soddisfazione dei componenti
• il numero di idee generate è elevato
• si rileva una notevole intensità di partecipazione emotiva
• c’è un gran numero di problemi risolti ed una
buona qualità delle soluzioni adottate per risolverli.
Il ruolo del conduttore, alcuni cenni
In questa trattazione consideriamo il gruppo in
orientamento come decontestualizzato, in realtà
nell’esperienza i gruppi in orientamento variano
molto a seconda dei contesti in cui le azioni orientative vengono erogate: nella scuola ci riferiamo
naturalmente al gruppo classe, ed il conduttore del
gruppo di orientamento può essere, relativamente
alle diverse situazioni, un consulente esterno o
l’insegnante individuato come referente per l’orientamento.
Il conduttore del gruppo è un agevolatore, ossia aiuta il gruppo a fare il suo percorso (cfr.
Pombeni, cit., 1994, pp. 82 segg).
È un esperto di metodo più che di contenuti, il
che ha diverse conseguenze, anche sul piano dell’etica professionale di questa figura: non deve
giudicare le scelte dei partecipanti, perché non sa
lui che cosa è meglio per le persone, lo sanno loro;
lui sa come farle arrivare a sapere che cosa vogliono.
Uno stile orientativo:
cenni sulla relazione di aiuto
Le azioni di orientamento si caratterizzano anche dal punto di vista dello stile comunicativo e
di relazione che si sceglie di adottare. Nella realtà
dell’approccio educativo e psico-sociale, che abbiamo presentato in questa introduzione, risulta
efficace la scelta di impostare le azioni orientative e le relazioni che esse sottendono, secondo le
teorie della relazione di aiuto.
Si ha relazione di aiuto (Folgheraiter, Mucchielli , 1987) quando c’è un incontro fra due persone, di cui una si trovi in condizioni di sofferenza/conflitto/confusione/disabilità (disorientamento) ed un’altra persona, dotata di un grado “superiore” di adattamento/competenza/abilità, rispetto
a queste situazioni o tipi di problema.
Se, fra queste due persone, si riesce a stabilire un contatto che sia effettivamente di aiuto, allora è probabile che la persona in difficoltà inizi
qualche movimento di maturazione/chiarificazione/apprendimento che lo porti ad avvicinarsi all’altra persona o comunque a rispondere in modo
più soddisfacente al proprio ambiente ed alle proprie esigenze interne ed esterne.
La centratura sul cliente (così infatti Rogers definisce i destinatari della consulenza ) non ha un
motivo etico (o non solo etico); ha un motivo tecnico. La relazione di aiuto ha per sua principale finalità quella di restituire autonomia, dignità ed autostima alla persona. Risulta allora “tecnicamente”
necessario che la persona venga trattata in modo
Le aree di competenza del conduttore sono:
• la comunicazione: non deve essere egocentrica,
ma adattata alle persone che compongono il
gruppo; il linguaggio deve essere semplice, sono
da bandire i tecnicismi. Ci si deve sempre assicurare che le persone abbiano capito. Su questo
versante ci sono due elementi fondamentali:
l’empatia (mettersi nei panni dell’altro) e l’ascolto
• la gestione e la regolazione del gruppo: il conduttore non deve temere le dinamiche di gruppo
e deve credere nella loro efficacia; deve favorire lo stabilirsi di una rete comunicativa aperta,
fare attenzione a che tutti si possano esprimere
e si esprimano, anche tra di loro e non solo con
lui; deve fare attenzione a come si danno i giudizi, a non dare giudizi sulle persone (la sua parola vale più di quella di tutti gli altri) e a che
le persone non siano tra loro giudicanti; non
deve mai perdere di vista l’obiettivo
15
cultura e per non risultare emarginati. (…).
Compito della scuola media nella formazione
orientativa è il potenziamento delle “valenze
orientative delle discipline” e delle iniziative a sostegno delle scelte, anche attraverso “attività a carattere trasversale” per “promuovere capacità di
lavoro comune” e la conoscenza critica del mondo contemporaneo; nell’ultimo anno la scuola, per
agevolare la scelta consapevole, cura il consolidamento delle “conoscenze disciplinari di base” e il
rinforzo delle capacità e competenze; promuove,
inoltre, “iniziative di informazione sulle prospettive occupazionali presenti nel territorio” e sul
“percorso formativo successivo”
che possa sperimentare, già nel processo di aiuto,
un adeguato ed autentico clima di autodeterminazione, responsabilizzazione, valorizzazione.
Vale a dire che una relazione riuscita mette il
soggetto in grado di attivarsi. Il processo di aiuto
va inteso come un allenamento all’autonomia che
la persona andrà, attraverso lo stesso processo di
aiuto, a conquistare.
L’orientamento nel sistema scolastico
(F. Marostica, Irssae IRRE, 2003)
«Nel corso degli anni Novanta il concetto di
orientamento si è molto modificato ed ha acquistato sempre più il significato di processo in cui si
impara a cimentarsi con la complessità, l’incertezza, la crescente complessità della vita sociale,
i continui cambiamenti dell’organizzazione e delle caratteristiche del lavoro, il peso crescente delle agenzie extrascolastiche nei processi di acculturazione: si apprende, infatti, spontaneamente di
continuo, ma con modalità diverse da quelle in cui
si apprende a scuola in cui si lavora con i saperi
formali e chi frequenta la scuola è portatore di una
cultura e di logiche conoscitive che continuano a
funzionare anche quando le persone apprendono i
saperi formali.
Di conseguenza le riflessioni e le proposte relative al sistema scolastico hanno cercato un nesso più stretto tra la cultura scolastica e la cultura
della vita quotidiana, della partecipazione alla
vita civile, del lavoro e delle professioni. Se si incontrano e si intrecciano i saperi quotidiani, i saperi formali e i saperi didattici, la scuola può diventare il luogo della consapevolezza, il luogo
in cui si impara a pensare, in cui l’apprendimento spontaneo si incontra con l’apprendimento
dei “vincoli”, delle discipline che possono fornire
gli strumenti, le competenze culturali durature in
grado di sorreggere e rendere attive e autonome le
persone: vincoli come punti di vista diversi a cui
adattarsi per leggere i fenomeni e muoversi nella
realtà e quindi potenti strumenti conoscitivi che
sono veicolo di nuove libertà conoscitive. Le discipline, intese come modelli d’uso, si sostituiscono o si integrano con il senso comune sia nelle attività lavorative che nella vita quotidiana e così
anche i saperi quotidiani vengono arricchiti dall’incontro con i saperi formali che attribuiscono significato all’esperienza quotidiana e sono in grado di organizzarla. Le discipline così intese sono
uno strumento che serve non solo a chi ha la testa
e la voglia di studiare, ma sono uno strumento per
tutti, indispensabile per raggiungere il diritto alla
Orientamento formativo
o didattica orientativa
È senza dubbio compito esclusivo delle scuole
e dovrebbe essere attivato in tutte le scuole di ogni
ordine e grado durante l’intera durata di tutti i corsi, anche se con le dovute differenziazioni in relazione alle diverse tappe dell’età evolutiva e ai bisogni del tutto peculiari degli adulti.
Nel progetto del Ministero per Istruzione per la
scuola media (ma valido per tutto l’obbligo) orientamento formativo significa testualmente:
«formare abilità e capacità funzionali al “saper
scegliere” nelle situazioni del quotidiano come
nelle situazioni a maggior grado di complessità;
promuovere capacità di impostazione e di soluzione dei problemi;
individuare nel soggetto prime manifestazioni
attitudinali e interessi per specifiche esperienze disciplinari;
riconoscere le competenze di base acquisite e
motivare ad ulteriori approfondimenti;
fornire adeguare conoscenze ed esperienze per
una lettura analitica e di interpretazione del
contesto locale socio-economico e culturale,
nella prospettiva della mondializzazione;
migliorare, ristrutturare e integrare i curricoli
disciplinari, accentuando l’attenzione agli ambiti di contenuti funzionali alle conoscenze strategiche delle discipline e alle loro applicazioni in
materia di lavoro, impresa, professione anche
nell’ottica dello sviluppo sostenibile».
In altri documenti si usa piuttosto l’espressione didattica orientativa, ma i significati si equivalgono in quanto in entrambi i casi ci si riferisce
non alle attività organizzate e mirate di orientamento svolte da persone o organismi dedicati, ma
alla pratica didattica quotidiana attraverso le di-
16
rienze di apprendimento funzionali alla costruzione delle competenze.
scipline in cui nei fatti si orienta, si esplica una
funzione di orientamento in almeno tre modi, nei
primi due in modo indiretto involontario casuale e
spesso eccezionale (ma non meno reale) e nel terzo in modo diretto e consapevole (su questo si può
lavorare):
I curricoli possono essere tanto più efficaci
quanto più sono attuati con una grande attenzione
relazionale per realizzare una relazione educativa
costruttiva e in grado di fare i conti con l’emotività e il bisogno fondamentale di autostima.
• attraverso l’attrazione (docente significativo che
trasfonde la sua passione)
• attraverso la repulsione (orientamento in negativo, non motivazione all’apprendimento)
• attraverso una attività mirata di attribuzione di
senso a ciò che si fa nell’attività didattica (competenze professionali del docente).
I processi decisionali:
come avviene la scelta
Quali sono i fattori che determinano una scelta di successo? Per capire se un certo elemento è
un fattore, può essere utile chiedersi: «È un elemento che determina la scelta? Da questo elemento dipende che cosa sceglierò?». Ad esempio
il Possesso di parecchie informazioni determina la
scelta, è un fattore.
Vi presentiamo di seguito un elenco di fattori
che, secondo la nostra esperienza e la letteratura
in merito, sono determinanti per le scelte di successo relative al proprio futuro scolastico e professionale.
Per scelta di successo intendiamo la scelta di
un percorso post-obbligo nella quale si abbiano
buoni risultati ed un buon grado di soddisfazione
intesa come corrispondenza tra le proprie attese e
la realtà. È evidente che non si equiparano le scelte portate comunque avanti, senza interruzioni,
con le scelte di successo (ad esempio: ho scelto il
liceo artistico su consiglio dell’insegnante, che riteneva fossi troppo debole nella materie letterarie,
ma avrei voluto fare lo scientifico: il mio livello di
soddisfazione è basso, ma porto avanti la scuola
con buoni risultati; non riteniamo questa scelta
una scelta di successo).
Ai fattori di successo individuati abbiamo provato ad abbinare i fattori di insuccesso reciproci,
nonché alcuni esempi concreti nella storia di due
allievi ed alcune indicazioni, molto sintetiche, sul
ruolo dell’insegnante. Infine abbiamo inserito alcuni cenni sui riferimenti teorici, utili per eventuali approfondimenti successivi.
Solo sul terzo si può agire per fare orientamento attraverso le discipline e i curricoli.
Al di là della ovvia diversità delle discipline
occorre individuare una base comune che funga da
sfondo omogeneo sul quale inserire le specificità
disciplinari e sulla quale lavorare nelle singole discipline in modo similare; in altre parole occorre
vedere cosa si può ricavare dalle discipline che
serva ad orientare e quindi individuare conseguentemente le strategie didattiche più idonee.
Le caratteristiche irrinunciabili di un curricolo in grado di dare strumenti funzionali all’orientamento nella complessità del presente sono dunque:
• attenzione alle conoscenze: attenta scelta delle
conoscenze più idonee, frutto della ricerca
contemporanea e funzionali alla comprensione
del mondo contemporaneo
• attenzione cognitiva: potenziamento degli operatori cognitivi e delle capacità di usare il pensiero astratto
• attenzione metacognitiva: sviluppo di strategie
di fronteggiamento e della consapevolezza metacognitiva
• attenzione ai diversi stili cognitivi, emotivi, relazionali e valorizzazione dell’intelligenza visiva, uditiva, operativa
• centralità assoluta degli esercizi/attività/espe-
17
Fattori che
determinano scelte
di successo
Fattori che
determinano scelte
di insuccesso
Situazioni concrete
Possibile ruolo
dell’insegnante
Far esplicitare le rappresentazioni.
Allargare i punti di vista.
Lalla: dice che andare a Far confrontare le rapscuola è una gran fatica. presentazioni con la
realtà.
Rappresentazioni posi- Rappresentazioni nega- Luca: pensa che avere
tive dello studio, della tive dello studio, della un titolo di studio dia
scuola e del lavoro.
maggiori opportunità
scuola e del lavoro.
di carriera lavorative.
Passato (vissuto) di Vissuti negativi, insuc- Luca: non andava molsuccessi e/o insuccessi cessi non rielaborati, a to bene in matematica,
volte rammentati.
ma grazie ad alcune lerielaborati.
zioni di recupero è migliorato ed ora la materia non è più un
problema per lui.
Lalla: è convinta che
tutte le scuole che frequenterà andranno allo
stesso modo, cioè male.
Sensazione di determinare le proprie azioni,
auto efficacia, stile attributivo (locus of control) interno.
Sensazione di non determinare le proprie
azioni, scarsa percezione di auto efficacia locus of control esterno.
Luca pensa di andar
bene a scuola perché
mette molto impegno
nel fare i compiti.
Evitare i paragoni con
le esperienze scolastiche negative pregresse,
evitare di rammentarle
di continuo, usarle invece come incentivo al
miglioramento.
Valorizzare le acquisizioni.
Aiutare a cogliere il
lato positivo e di apprendimento degli insuccessi.
Valorizzare gli apprendimenti extrascolastici.
Riferimenti
teorici
Psicologia sociale, le
rappresentazioni sociali.
A. Palmonari, Psicologia dell’adolescenza, Il
Mulino, 1993.
Psicologia dinamica, le
rappresentazioni individuali.
E. Frydenberg, Far fronte alle difficoltà, strategie di coping negli adolescenti, ITER GiuntiOS, 2000.
Far riflettere i ragazzi Psicologia cognitiva.
sulla possibilità di deBandura e i concetti di
terminare i loro risulSelf-efficacy e Locus of
tati.
control.
Lalla pensa di aver preso “ottimo” in italiano
perché ha avuto molta
fortuna!
Ferrari, Nota, Soresi (in
corso di stampa) Le
credenze di efficacia in
studenti dai 15 ai 19
anni: lo strumento
“Quanta fiducia ho in
me?”, Giornale Italiano
di Psicologia dell’Orientamento.
Nota, Soresi, Autoefficacia nelle scelte, ed.
ITER Giunti OS.
C. Messana, Valutazione
formativa e personalità,
ed. Carocci, 1999.
Corrispondenza tra l’oggetto della scelta e interessi, attitudini, valori motivazioni, aspirazioni.
Mancata corrispondenza tra l’oggetto della
scelta e interessi, attitudini, valori motivazioni, aspirazioni, scarsa consapevolezza degli
stessi.
Luca: sin da piccolo ha
avuto una forte passione per l’elettronica: ha
sempre pensato che
avrebbe dovuto occuparsene, da grande.
Lalla: non ha mai saputo rispondere alla fatidica domanda: “cosa
vuoi fare da grande?”.
In ogni caso, pensa di
non essere poratata per
un lavoro “di testa”,
glielo dicono tutti!
18
• Far lavorare i ragazzi
sull’individuazione di
interessi e attitudini,
nonché sui loro valori
e motivazioni rispetto
al lavoro…
• Far lavorare i ragazzi
sulle loro aspirazioni
(far sperimentare dei
successi e valorizzarli).
• Evitare di affrontare
la tematica delle attitudini in modo deterministico (le attitudini
R. De Beni, A. Moè, Motivazione ed apprendimento, Il Mulino.
Soresi, Nota, Interessi e
scelte, ITER Giunti-OS.
M. Viglietti, Il metodo
dell’attivazione
dello
sviluppo
vocazionale
personale (ADVP), in
“Orientamento scolastico e professionale”
n. 3/1991.
Fattori che
determinano scelte
di successo
Fattori che
determinano scelte
di insuccesso
Situazioni concrete
Possibile ruolo
dell’insegnante
Riferimenti
teorici
non sono tratti immodificabili e devono esere lette in positivo, come ciò che realizza di
più la persona); stimolare i ragazzi a non ritenerle immodificabili.
• Evitare contrapposizioni sterili con un
modo di valori, su lavoro e studio, differente da quello dell’insegnante.
Proiezione positiva di
se stessi nell’esperienza, “io posso farcela”,
autostima.
Proiezione negativa di
se stessi nell’esperienza, “io non posso farcela”, scarsa autostima.
Luca affronta con decisione ed entusiasmo
tutti i compiti, soprattutto quelli nuovi.
Se una cosa le sembra
troppo difficile, Lalla
lascia perdere; tanto sa
che non ce la potrà
fare!
• Verificare il grado di
autostima dei ragazzi.
• Valorizzare tutte le
acquisizioni, sottolineare più le acquisizioni che le mancanze.
• Stimolare i ragazzi a
rintracciare nella propria esperienza, anche
extrascolastica, i successi ottenuti.
• Organizzare attività
che possano far sperimentare un successo ai
ragazzi, adeguate a
ciascuno di loro.
• Nella verifica delle
attività, trovare sempre
aspetti positivi.
• Nella sottolineatura
di aspetti negativi,
centrare il discorso sull’oggetto, non sulla
persona.
A. Pope, S. McHale, E.
Craighead, Migliorare
l’autostima, Centro Studi Erickson.
Ottimismo tendenziale. Pessimismo tendenzia- Luca pensa che da • Stimolare i ragazzi a
grande farà un sacco di pensare in positivo, a
le.
rileggere il più possibicose interessanti!
le i fatti e le persone
Lala spera di non sofda un punto di vista
frire in campo affettianche positivo.
vo…
Equilibrio tra le diverse
dimensioni (centratura
sulla realizzazione professionale, sulla vita
affettiva, sulla dimensione politico-sociale,
sul benessere personale).
Mancato equilibrio tra
le diverse dimensioni
(centratura sulla realizzazione professionale,
sulla vita affettiva, sulla dimensione politicosociale, sul benessere
personale).
• Far esplicitare le idee Pombeni, Il colloquio di
dei ragazzi sul loro fu- orientamento, 1992.
turo, senza giudicarle,
confrontandosi.
• Farli riflettere sulla
Lalla vuole vivere delle
realizzazione di sé cobelle storie d’amore.
me composizione di diverse dimensioni, senza giudicare le loro
posizioni, stimolando
al confronto ed alla
scoperta.
Luca vorrebbe avere
una bella famiglia, un
bel lavoro, una bella
casa e dei buoni amici!
19
Fattori che
determinano scelte
di successo
Fattori che
determinano scelte
di insuccesso
Capacità di mettere a Scarsa valorizzazione
frutto e di combinare data all’apprendimento
apprendimento scola- scolastico.
stico ed extrascolastico.
Situazioni concrete
Possibile ruolo
dell’insegnante
• Capire quali sono le AA.VV., La scuola che
attività extra scolasti- orienta, La nuova Itache dei ragazzi.
lia, 2002.
• Capire se possono essere fonte di attività in
A Lalla piace tantissiaula, collegate alle
mo cucinare… peccato
questioni delle scelte.
che a scuola serva
• Capire come possono
poco!
essere utilizzate a livello singolo per far ottenere successi.
Luca gioca volentieri
col computer e scrive
spesso le sue relazioni
al PC.
• Rilevare il livello di
ansia dei ragazzi.
• Evitare accuratamente di creare situazioni
ansiogene, soprattutto
Certe volte al mattino
a livello di aula; gestiLalla ha il mal di panre eventuali situazioni
cia.
di crisi con discrezione,
a livello individuale.
• Essere accoglienti.
Kendall P.C. e Di Pietro
M., Terapia scolastica
dell’ansia, Edizioni Erickson, Trento, 2003.
• Trasmettere fiducia in
loro più che prefigurazioni delle professioni
da svolgere.
• Rassicurare circa il
fatto che ciascuno può
trovare la propria strada nel lavoro e nello
studio.
• Evitare le battute o le
approssimazioni, essere molto prudenti nell’esprimersi circa il futuro degli allievi.
• Far compiere un percorso ai ragazzi in
modo da facilitare loro
nell’individuare alcune
piste su cui muoversi;
senza un percorso di
questo tipo è molto
dannoso
esprimersi,
occorre evitare di farlo
basandosi solo sulle
proprie impressioni o
sulla presunta conoscenza del ragazzo.
C. Rogers, La terapia
centrata sul cliente.
Livello di ansia tenuto Livello di ansia elevato. Luca è un ragazzino sereno, la mattina presto
a bada.
ha sonno ma va a scuola volentieri.
Sostegno esterno, fiducia da parte delle rete
sociale (adulti, insegnanti ecc.).
Assenza di sostegno
esterno, di fiducia da
parte delle rete sociale
(adulti, insegnanti ecc.).
Riferimenti
teorici
A Luca tutti, genitori
ed insegnanti, hanno
sempre detto: “Ah, di
sicuro tu diventerai un
ingegnere!”.
Lalla si è spesso sentita dire: “Dài, tanto ti
troverai un marito che
ti mantiene, anche se
non continui a studiare
è lo stesso”.
F. Folgheraiter, La relazione di aiuto nel counseling e nel lavoro sociale, introduzione a R.
Mucchielli, Apprendere
il counseling, Trento,
Erickson, 1987, p. 18.
• Capire quali rapporti A. Palmonari, Psicolohanno i ragazzi con i gia dell’adolescenza, Il
loro amici, se hanno Mulino, 1993.
compagnie di riferimento esterne alla
scuola.
• Verificare il livello di
soddisfazione dei raNella compagnia di Lal- gazzi sulle stesse e se
la studiare è piuttosto le scelte per il futuro
Incidenza positiva del Incidenza non positiva Anche gli amici di Luca
gruppo dei pari.
del gruppo dei pari.
si iscriveranno alla sua
scuola, vogliono costituire un gruppo di futuri ingegneri che progetteranno l’automobile ad acqua!
20
Fattori che
determinano scelte
di successo
Fattori che
determinano scelte
di insuccesso
Situazioni concrete
Possibile ruolo
dell’insegnante
Riferimenti
teorici
out, si sono sopranno- sono oggetto di discusminati le facce dell’i- sione.
gnoranza.
Percezione della spen- Percezione di inutilità Luca pensa che gli in- • Organizzare incontri Pubblicazioni sul merdibilità sul lavoro del del titolo di studio sul gegneri non saranno per i ragazzi con esper- cato del lavoro, regioti del mercato del lavo- nali.
mai senza lavoro.
lavoro.
titolo di studio.
ro e con i lavoratori
Lalla ha scelto “segresull’utilità generale del
taria d’azienda” ma
titolo di studio, ben al
tutti le dicono ci sono
di là del suo valore
milioni di segretarie dispecifico.
soccupate, allora per• Evitare di favorire i
ché impegnarsi tanto?
luoghi comuni, offrire
concrete opportunità
di incontro e confronto
con la realtà.
Capitale culturale ed
economico della famiglia almeno medio (informazioni e modelli).
Basso capitale culturale ed economico delle
famiglia (informazioni
e modelli).
A casa di Luca si ascolta il telegiornale e c’è
una bella libreria. Ci
sono anche i fumetti!
A casa di Lalla si guarda il Telequiz; ogni
tanto sua sorella compra qualche giornale.
Possesso di informazio- Possesso di scarse in- Luca sapeva che quella
scuola gli sarebbe piaformazioni.
ni.
ciuta, aveva letto tutto
il possibile ed aveva
chiesto a tre ragazzi
cha la frequentavano!
Se Lalla avesse immaginato che si faceva
matematica, non ci sarebbe mai andata!
21
• Cercare di capire, in
modo discreto il capitale culturale ed il flusso di informazioni della famiglia.
• Raccogliere queste
informazioni, eventualmente, a livello individuale, per scoraggiare i
confronti.
• Verificare il livello di
possesso delle informazioni da parte dei ragazzi, senza giudicarlo.
• Evitare di fornire
informazioni se non
sono complete ed
esaurienti (se consistono solo della nostra
opinione).
• Favorire la raccolta
delle informazioni daparte dei ragazzi, stimolare un lavoro cooperativo di classe.
Fondazione Centro di
Orientamento di Alessandria, Lavorare per
l’orientamento, Regione Piemonte, 2002.
Promuovere l’autostima negli allievi:
la centralità della relazione
L’autostima determina l’autoefficacia, ossia la
percezione di efficacia che il soggetto si attribuisce (il soggetto pensa di determinare le sue azioni, oppure ritiene, ad esempio, che le sue azioni
siano frutto della sorte buona o cattiva). Una bassa autostima determina una bassa capacità di attivazione, perché il soggetto ritiene che comunque
le sue azioni non siano efficaci.
La bassa autostima nei processi di scelta può
manifestarsi in alcuni modi:
a. nella difficoltà ad immaginare scenari futuri possibili, o nella difficoltà ad immaginarne più
di uno
b. nella proiezione negativa in relazione ad una
certa serie di scelte/scuole/professioni/scenari futuri possibili, nella percezione di fallimento in relazione ad essi
c. nella sensazione di non essere “padrone”
delle proprie scelte, di non possederne le chiavi,
di non conoscere né tantomeno controllare tutte le
variabili
Pope, McHale e Craighead così definiscono
l’autostima:
L’autostima è una valutazione circa le informazioni contenute nel concetto di sé (…). L’autostima di un individuo è dunque basata sulla
combinazione di: a) informazioni oggettive riguardo a se stesso e b) valutazione soggettiva di
quelle informazioni. Possiamo esaminare la formazione dell’autostima pensando al Sé percepito ed al Sé ideale. Il Sé percepito equivale al
concetto di sé: una visione oggettiva di quelle
abilità, caratteristiche e qualità che sono presenti e assenti. Il Sé ideale è l’immagine della
persona che si vorrebbe essere… il desiderio di
possedere determinate abilità. È la discrepanza
tra il Sé percepito ed il Sé ideale che crea problemi di autostima. Che cosa , dunque, si vuole indicare con “alta” o “bassa” autostima?
Un’alta autostima viene considerata una visione “sana” di sé: avere realisticamente carenze
e difetti, ma non essere ipercritici nel considerarli. Una persona con un’autostima positiva si
valuta in modo positivo e si sente bene in virtù
dei suoi punti di forza, quali che siano. Se un
individuo è in gran parte soddisfatto di se stesso, questo non implica che egli non desideri in
alcun modo essere differente; al contrario, una
persona che ha fiducia in se stessa spesso lavora sodo per migliorare le sue aree di debolezza, e tuttavia “si perdona” se talvolta manca
il bersaglio e non riesce in un intento.
Le piste possibili di lavoro sull’autostima, per
gli insegnanti e gli operatori sociali, sono molteplici:
a. lavorare per attivare la capacità di instaurare relazioni positive, lavorare sulla relazione,
prendere spunto dalle teorie sulla “relazione
d’aiuto”
b. lavorare sull’importanza di far vivere esperienze di successo (commisurate su ciascun allievo): si tratta di lavorare sulla didattica
c. lavorare sull’importanza di promuovere l’auto conoscenza e la riflessione sulle proprie capacità, acquisendo strumenti e capacità di articolarli in percorsi, lavorare quindi con un “approccio
metacognitivo: ovvero la predisposizione di un
contesto di apprendimento che aiuti a riflettere sui
processi cognitivi attivati nel lavoro disciplinare e
a svilupparne consapevolezza. Ciò significa dedicare tempo a esplicitare il funzionamento della
mente: a descrivere cioè le operazioni compiute
per fronteggiare un compito, per risolvere un problema, per imparare una lezione, facendole ripercorrere mentalmente dallo studente” (AA.VV.,
2002).
La dimensione dell’autostima è strettamente
legata ai processi di scelta.
L’autostima infatti si costruisce a partire da
una serie di aspetti:
a. l’idea che gli altri (genitori, insegnanti,
amici, adulti di riferimento, persone che si incontrano…) hanno di me, il rimando che mi danno,
il rinforzo positivo, la valorizzazione di me
b. le esperienze di successo che si vivono
c. le occasioni di riflessione sulle proprie capacità, la conoscenza di sé
d. un buon equilibrio tra il Sé percepito ed
il Sé ideale.
Il ruolo dell’insegnante
nel lavoro sull’autostima
(da M. Miceli, L’autostima, Il Mulino)
Questi aspetti possono intervenire in modo casuale nella vita di un adolescente, oppure essere
oggetto di attenzione/progettazione/programmazione da parte di alcune figure (genitori, insegnanti,
operatori sociali a vario titolo…).
• Verificare il grado di autostima dei ragazzi.
• Valorizzare tutte le acquisizioni, sottolineare più
le acquisizioni che le mancanze.
22
2. agire sull’autostima specifica per aumentare
l’autostima globale: fornire successi, ridimensionare l’importanza di un’autostima specifica
3. effettuare interventi mirati, a partire dalla
comprensione di qual è il problema di autostima
in questione:
• Stimolare i ragazzi a rintracciare nella propria
esperienza, anche extrascolastica, i successi ottenuti.
• Organizzare attività che possano far sperimentare un successo ai ragazzi, adeguate a ciascuno
di loro.
• Nella verifica delle attività, trovare sempre
aspetti positivi.
• Nella sottolineatura di aspetti negativi, centrare
il discorso sull’oggetto, non sulla persona (evitare di trarne conclusioni sulla persona).
autostima
alta o bassa
realistica o irrealistica
autentica o inautentica
stabile o instabile
dipende da come si combinano tra loro questi fattori…
1. far sentire la persona importante per qualcuno…
23
Perché parlare di competenze nella scuola
riodo adolescenziale, il passaggio fra cicli di studio e la scelta del ciclo successivo all’istruzione
obbligatoria.
Il far fronte al compito di sviluppo che si può
definire “transizione fra cicli di studio”, costituisce per l’adolescente un’occasione per verificare
le proprie capacità ed il superamento delle difficoltà incontrate rassicura il soggetto circa il fatto
di essere all’altezza delle richieste poste dalla
nuova situazione. Ne deriva una conferma in termini di autostima che incrementa la fiducia di essere in grado di affrontare con successo ulteriori
compiti che si presentano.
La decisione concernente il proprio futuro scolastico o lavorativo rappresenta, nei primi anni
dell’adolescenza, il momento culminante di un
processo di riflessione su se stesso elaborato progressivamente dal soggetto nel corso della propria
storia.
Compiti di sviluppo ed empowerment
Palmonari (1993, cap. 9), in Psicologia dell’adolescenza definisce gli anni della piena adolescenza come cruciali per l’esperienza scolastica;
l’andamento di questa esperienza è infatti in grado di incidere profondamente sul processo di costruzione dell’identità del soggetto,
I compiti di sviluppo, in psicologia dell’adolescenza, rappresentano dei problemi che gli individui devono affrontare in determinati momenti
del ciclo di vita. La loro adeguata soluzione, oltre
a favorire l’aumento del senso di empowerment
personale, permette di affrontare con successo i
compiti di sviluppo successivi. Gli adolescenti attribuiscono una notevole importanza al superamento dell’insieme dei compiti di sviluppo connessi alla scuola e si dimostrano consapevoli
dell’importanza di concludere positivamente il
proprio percorso formativo.
La scuola, se paragonata ad altri compiti di sviluppo che impegnano il soggetto nella piena adolescenza, viene considerata come una delle esperienze più difficili da affrontare.
La letteratura considera come compiti di sviluppo, connessi alla scuola e riconducibili al pe-
Il momento della scelta, in altre parole, obbliga l’adolescente a riflettere su di sé (in termini di
caratteristiche personali, di risorse, di competenze, di interessi ed aspirazioni) e lo spinge ad esplicitare, almeno a se stesso, le proprie aspettative
per il futuro.
Immagine di sé
Qualità
Interessi
Aspettative
per il futuro
Competenze
Aspirazioni
24
Scelta
to paragonabile sul piano culturale al suo capitale genetico.
Di questo habitus sociale, prodotto dall’esperienza personale, fanno parte la rappresentazione
che l’adolescente costruisce di se stesso, l’immagine che elabora nei confronti della scuola (atteggiamenti, idee, valori attribuiti ad essa) e, in parallelo, la rappresentazione che si costruisce nei
confronti del lavoro.
Non sempre le aspettative riescono a tradursi
in progetti articolati: sulla possibilità per l’adolescente di giungere a progetti articolati per il proprio futuro incidono esperienze individuali pregresse e influenze dirette, esercitate da persone
significative presenti nel suo ambiente di vita, in
primo luogo la famiglia, la scuola frequentata, il
gruppo dei pari.
L’habitus sociale e l’immagine di sé
HABITUS SOCIALE
Costruire un’immagine positiva di se stessi, intesa come “insieme strutturato di elementi e di
informazioni significative, ricevute dagli altri e
contemporaneamente costruite dall’individuo a
proposito di se stesso, rappresenta un obiettivo importante per ogni individuo; solo in questo modo
la persona percepisce di possedere delle qualità
socialmente valorizzate e di essere in grado di intervenire attivamente nei rapporti con le persone
e con gli eventi, in breve si convince di poter interagire positivamente con l’ambiente sociale in
cui vive.
L’immagine di sé elaborata nel quadro dell’esperienza si alimenta attraverso l’interazione prolungata con adulti significativi (gli insegnanti) ed
il confronto con alcuni coetanei che mostrano di
superare con maggiore o minore difficoltà i diversi problemi posti dalla scuola; è rispetto a loro che
il soggetto valuta i propri risultati.
L’insuccesso scolastico viene avvertito dallo
studente come una minaccia di svalorizzazione
della propria identità.
L’esperienza scolastica è come una specie di
specchio strutturato e strutturante nel quale l’adolescente impara a vedersi, a valutare ciò che sa,
ciò che non sa e ciò che potrà imparare ; egli giunge così a rappresentarsi in un certo modo il proprio futuro, passando progressivamente da una
presa di coscienza delle proprie risorse e dei propri limiti in termini di competenze e abilità, ad un
giudizio su di sé come persona, arrivando così a
definire chi è e chi potrà essere in futuro.
Guichard sostiene che l’esperienza scolastica
porta l’adolescente a strutturare delle griglie di
lettura della realtà sociale contrassegnate dal marchio dell’istituzione che le ha generate e da criteri interpretativi fondati sulle categorie di pensiero e di azione che sono proprie ad essa.
Lo stesso autore per spiegare come si possa
esercitare questa influenza, utilizza il concetto di
habitus sociale, inteso come insieme duraturo di
schemi cognitivi e comportamentali (non consapevoli) che costituiscono una specificità del sogget-
Rappresentazione
di Sé
Atteggiamenti,
idee, valori
attribuiti
alla scuola
Atteggiamenti,
idee, valori
attribuiti
al lavoro
La scuola, in alcuni casi può rischiare di mettere in atto un processo sommario di categorizzazione degli studenti, che li differenzia in due tipologie generali: l’adolescente adatto per lo studio e
l’adolescente adatto per il lavoro.
Un’eventuale articolazione interna a ciascuna
tipologia utilizza inoltre gli schemi di genere per
consolidare percorsi scolastici prevalentemente
maschili o prevalentemente femminili o per sostenere preferenze lavorative in funzione delle variabili “uomo” o “donna”.
È indicativo l’esempio degli adolescenti precocemente usciti dal circuito scolastico, che considerano se stessi privi di capacità e si rappresentano il lavoro come alternativa alla propria inadeguatezza nei confronti dello studio, ritenendo l’attività produttiva una situazione che non richiede
apprendimento e competenze. Per questi ragazzi le
nozioni di progetto professionale e di carriera lavorativa sono vuote di ogni significato.
Le competenze: come intenderle?
Solo l’adolescente che percepisce se stesso
come qualificato da un capitale di competenze può
progettare ed investire le proprie energie in esperienze di apprendimento e di attività lavorative
che rendono possibile l’incremento di tale capitale; ma questo soggetto avrà sviluppato una rappresentazione della scuola (o meglio, dell’istruzione)
ancorata a significati di espressione e di valorizzazione di sé in una prospettiva di sviluppo individuale e sociale.
Ornella Scandella, in La scuola che orienta
(2002, La nuova Italia) propone utili spunti per la
valutazione delle competenze nella scuola:
25
per esempio nel percorso di verifica della scelta fatta, per riflettere sulle connessioni tra caratteristiche personali, specificità del percorso
di studio e caratteristiche delle figure professionali collegate.
Valorizzare le competenze nel processo formativo comporta ripensare alle pratiche formative per la loro acquisizione e rivedere le pratiche di valutazione anche in funzione del
riconoscimento delle competenze possedute in
ingresso e di quelle acquisite in itinere
I motivi principali per i quali si rende necessario adottare opportune modalità di valutazione sono connessi al concetto stesso di competenza, frutto dell’insieme dinamico di conoscenze, capacità (dimensione cognitiva, operativa) e di motivazioni, atteggiamenti, emozioni
(dimensione affettiva); ma anche dalla natura
complessa di alcune competenze sulla base di
una singola prestazione» (Scandella, in
AA.VV., 2002).
«La nuova valenza che le competenze vanno assumendo nel mondo della scuola, dell’università, della formazione professionale ed
aziendale dipende in buona parte dalla loro funzione. In campo educativo e formativo le competenze vengono sempre di più intese come
unità di riferimento per progettare curricola, valutarne gli esiti, e come indicatori per la continuità educativa.
Per l’individuo esse sono strumento di autoregolazione dello sviluppo formativo e professionale. Sulla base del loro riconoscimento egli
può infatti decidere o accettare interventi di recupero e di rinforzo; può scegliere e costruire
percorsi composti anche da momenti di alternanza tra scuola e lavoro, da uscite e rientri nei
diversi sistemi formativi.
Aiutare il soggetto a riconoscere le competenze possedute è utile affinché sappia definire
scelte formative e di lavoro, oltre che per sostenere la motivazione. È particolarmente utile in
alcuni momenti del processo di orientamento,
Dimensione cognitiva
Conoscenze
Capacità
Dimensione affettiva
Motivazioni
Competenza
Atteggiamenti
Emozioni
Fare orientamento:
gli strumenti e le tecniche
competenze, infatti, «è una metodologia utilizzata
per aiutare l’individuo ad elaborare un bilancio
delle risorse possedute attraverso un percorso articolato in momenti di gruppo ed individuali. Può
essere utile per la scuola farvi ricorso in situazioni particolari, per esempio di riorientamento, affidandone la realizzazione a personale esperto, ma
anche per attingere spunti metodologici per i percorsi di orientamento» (Scandella, 2002).
La questione degli strumenti utili agli operatori dell’orientamento nella scuola è annosa e complessa, se in fatti esistono metodologie importanti
e valide, come ad esempio il bilancio delle competenze, e altrettanto vero che esse non sono direttamente applicabili ai nostri scopi come orientatori all’interno della scuola. Il bilancio delle
26
scenza e adolescenza rappresentazioni della scuola e del lavoro: significati attribuiti, opinioni, valori, atteggiamenti.
Anche l’esperienza della formazione professionale può aiutare la scuola a desumere spunti e
strumenti efficaci per sostenere i ragazzi in transizione nella individuazione e scoperta delle proprie competenze, per lo meno per quelle utili ad
affrontare il compito di sviluppo orientativo.
Il percorso di orientamento in classe, quindi,
deve dare l’opportunità ai ragazzi di esplorare ed
acquisire elementi fondamentali utili a “riempire
la cassetta degli attrezzi” per cominciare a costruirsi un identità, riconoscendo le proprie competenze. Questi elementi sono quindi relativi alla
conoscenza di sé e della realtà esterna.
Conoscenza della realtà esterna:
• contesto sociale, economico (a partire da quello
locale)
• mondo del lavoro, com’è, come cambia, (primo
approccio all’organizzazione e cultura del lavoro a partire dalle conoscenze possedute, funzione del lavoro, settori economici, professioni)
• opportunità formative e lavorative
Entrambi questi gruppi di elementi di conoscenza devono trovare spazio all’interno di un intervento organizzato di orientamento, senza che l’uno sia prevalente sull’altro. In questo volume
presenteremo a questo proposito un percorso di
orientamento ideal tipico come stimolo ed esempio.
Approfondiamo ora la questione della conoscenza della realtà esterna, ovvero la necessità di
approfondire e esplorare il mondo del lavoro.
Conoscenza di sé
(immagine del sé reale, ideale e sociale):
risorse acquisite in situazioni formative formali e informali: capacità, competenze, senso di auto
efficacia, livello di autonomia; propensioni: aspirazioni, desideri, interessi (scolastici ed extra scolastici) caratteristiche evolutive della pre adole-
27
Perché parlare di mercato del lavoro
nei percorsi di orientamento
propria realtà di più immediato riferimento, individuando gli elementi che costituiscono un vincolo e quelli che costituiscono un’opportunità, quelli modificabili e quelli non modificabili (…).
Occorrerà anche esaminare i vincoli e le opportunità che emergono dal contesto di riferimento del soggetto e che possono derivare dalle caratteristiche del territorio in cui abita, dai livelli di
sviluppo economico del suo ambiente, dall’andamento del mercato del lavoro a livello locale, allargando la prospettiva, a livello nazionale, dalle
politiche occupazionali in atto, dai livelli di innovazione tecnologica, dalle trasformazioni in atto
nel sistema produttivo, ecc.».
Per la giovane età dei soggetti a cui si rivolge
l’orientamento è importante, allora, collegare il discorso sulla scelta a quello sul mercato del lavoro
e sul mondo delle professioni; ciò non tanto perché la struttura del mercato del lavoro locale debba influenzare in maniera netta le scelte, ma proprio perché al contrario le scelte possano partire
dagli interessi e dalle caratteristiche dei ragazzi.
Inoltre, proprio perché le scelte compiute a
questa età possono subire delle variazioni nel tempo, a fronte dell’esperienza e dell’acquisizione/
scoperta di nuove capacità/attitudini, è importante consegnare ai ragazzi un minimo metodo per la
conoscenza di sé e per la raccolta di informazioni,
elementi necessari alla costruzione di un progetto
professionale, corredati da una serie di supporti
che possono favorire poi localmente la composizione di tale progetto.
Nel mercato del lavoro odierno ci sono vistose
difficoltà, ma anche occasioni che spesso non vengono colte o per difetto di strumenti o per l’assenza di un progetto che chiarisca “che cosa” cercare, in quali direzioni rivolgere i propri sforzi.
Dal punto di vista dei ragazzi impegnati nella
transizione fra cicli di studio la necessità di avere un progetto di massima appare tanto più urgente, dato che senza una meta è assai complesso
organizzare i passaggi intermedi, quali ad esempio la scuola superiore o il percorso formativo da
frequentare.
Come abbiamo già visto, l’ambito della conoscenza della realtà esterna, unita alla conoscenza
di sé, è uno dei perni delle azioni orientative mirate alla costruzione di un progetto orientativo;
Sangiorgi (2000) pertanto ritiene «imprescindibile la riflessione su una ulteriore dimensione individuale: quella del proprio sistema di riferimento.
Occorrerà dunque che il soggetto esplori quegli
elementi obiettivi che fanno parte imprescindibile della propria realtà: a partire dalla biografia e
dal curriculum per includere i vincoli e le opportunità che possono derivare dal proprio sistema familiare, dalle proprie risorse economiche e sociali. (…) senza un’appropriata analisi di questi
elementi di fatto potremmo essere indotti a ritenere che i desideri e le potenzialità possano prevalere su tutto.
Ciò non è sempre vero e dunque occorrerà che
i ragazzi ricostruiscano, con l’aiuto ed il feedback
dell’orientatore o dell’insegnante, la mappa della
28
Il percorso di educazione alla scelta
In questa fase il ruolo dell’insegnante-orientatore sarà quello di un facilitatore: egli infatti si limiterà ad illustrare gli strumenti e le tecniche che
servono allo scopo, senza mai interferire o formulare giudizi di merito sulle elaborazioni. Sarà un
accompagnatore nell’esplorazione, sempre al fianco del ragazzo, ma mai al suo posto nell’identificare quei tasselli fondamentali per un lavoro di
progettazione e quindi di scelta, che è sempre individuale.
Ogni risultato in questa e nelle altre fasi è accettabile e corretto, non esistono infatti “fotografie di sé” giuste o sbagliate, esistono invece analisi magari poco obiettive o troppo enfatiche, in
questo caso è compito dell’adulto orientatore sottolineare incongruenze o esagerazioni, sempre
senza imporre un opinione.
Per i motivi sopra elencati, il percorso di educazione alla scelta che qui presentiamo utilizza,
riadattandoli all’età ed alla condizione dei partecipanti, gli strumenti propri del percorso
“Bilancio orientamento” desunti e rielaborati dal
Centro di Bilancio CLIP 1 di Parigi.
Le scelte operate in precedenza dai ragazzi
contribuiscono come parte integrante per la riuscita; rispetto ad esse il percorso di educazione
alla scelta si pone come un rinforzo, nel caso di
scelte di cui i ragazzi sono convinti, o come supporto alla conferma o alla ricerca di nuove strade,
nel momento in cui i ragazzi sono maggiormente
esitanti sulle scelte compiute.
Materialmente il percorso sia articola in quattro fasi:
1. Esplorazione del sé.
2. Esplorazione delle rappresentazioni sulla
scuola, la formazione ed il lavoro.
3. Esplorazione della realtà - raccolta di informazioni.
4. Progettazione del percorso formativo/scolastico/professionale.
2. Esplorazione delle rappresentazioni sulla
scuola, la formazione ed il lavoro
In questa fase i ragazzi vengono invitati ad
esprimere le loro idee in merito all’importanza di
formarsi per inserirsi nel mercato del lavoro.
Anche se può sembrare un discorso distante, manca ancora molto per l’inserimento nel mondo del
1. Esplorazione del sé
Obiettivo di questa fase è quello di esplorare
le componenti personali delle “competenze” degli
allievi: attraverso semplici stimoli (vedi schede,
1-A: Da grande vorrei diventare; 1-B: Qualità,
1-C: Criteri, 1-D: Gli interessi professionali) si invitano i ragazzi a identificare ed isolare quelle che
possiamo definire le qualità, gli interessi e le attitudini, che il ragazzo si riconosce; ma anche quelle che il mondo esterno gli rimanda: l’opinione di
un compagno e l’opinione di un adulto significativo, infatti, saranno parte integrante di una fotografia di se che sarà il punto di partenza per ulteriori elaborazioni.
1
Il Carrefour Local pour l’Insertion Professionnelle Centre de Bilan de Competences (CLIP) è un’associazione,
non a scopo di lucro, nata nel 1986. Opera nel campo dell’orientamento e dell’accesso all’impiego di occupati e di disoccupati giovani e adulti.
A partire dal 1989, CLIP realizza bilanci di competenze,
attività che si è sviluppata in Francia grazie alla Legge del
1991 sul bilancio di competenze.
CLIP organizza anche “club” per la ricerca dell’impiego
e sessioni d’orientamento.
Svolge inoltre attività di ricerca, pubblica opere pedagogiche sul tema dell’orientamento, l’analisi delle competenze e
la ricerca del lavoro. Sito internet: www.cbc-clip.org.
29
lavoro, in realtà le rappresentazioni che si possiedono su questo particolare contesto sono determinanti nel compimento delle scelte, per questo è
fondamentale riconoscerle e sapere giustamente
dimensionare (vedi scheda 2-A: Per me il lavoro
è…). Il meccanismo di disvelamento di stereotipi
o di accrescimento di informazioni su determinate questioni relative all’importanza delle formazione (professionale e scolastica) è fondamentale
quindi per una serena, ed efficace, scelta (vedi
scheda 2-B: Formati e contenti).
parte a pieno titolo. L’intervento dell’insegnante,
che spesso è anche colui che propone e gestisce
le attività di orientamento, è allora da considerare attentamente.
Per le motivazioni riportate sopra, relative alla
creazione dell’habitus sociale, ma anche per le implicazioni legate sull’autostima, è fondamentale
creare un ambiente non giudicante, che accolga,
senza giudicarle, le scelte verbalizzate dai ragazzi durante le attività.
Questo può avvenire, ad esempio, utilizzando
interventi verbali che eventualmente invitino ad
un ulteriore riflessione del ragazzo, qualora le
scelte che si delineano sembrassero troppo “distanti” dall’idea che ci siamo fatti, in quanto adulti ed insegnanti, sulle potenzialità e risorse dell’allievo.
Un altro ruolo di chi gestisce le attività di
orientamento, più tecnico questa volta, è quello di
favorire la conoscenza di quelle che comunemente vengono definite le fonti informative: siti internet, repertori professionale, servizi informativi,
guide… tutto ciò che può essere utilizzato dai ragazzi per ampliare e integrare le loro conoscenze
rispetto alla realtà del lavoro e delle professioni,
per poter attivare un confronto con le loro risorse
o aspettative, con la loro “fotografia del sé”.
3. Esplorazione della realtà - raccolta di informazioni
Dopo aver definito le risorse e le aspirazioni
l’azione di orientamento si indirizza verso l’esterno, verso il mondo della scuola e delle professioni, per raccogliere le informazioni necessarie per
progettare un percorso formativo/scolastico.
L’incontro con testimoni privilegiati del mondo
della scuola e delle professioni è sicuramente il
cuore di questa fase.
Questo incontro, infatti, viene preparato ed i
ragazzi scoprono l’attrezzatura idonea per raccogliere le informazioni in maniera efficace. Nel
gruppo vengono infatti definite le scuole e le professioni da indagare, per poi mettere a punto delle interviste dettagliate o delle griglie di raccolta
di elementi ritenuti necessari per compiere una
scelta efficace (vedi schede 3-A: Intervista e
3-B Carta scuola).
Il Tecnico di orientamento nella scuola,
un nuovo profilo professionale
Nella comunità scientifica italiana che si occupa dei temi dell’orientamento è in atto un percorso di definizione e descrizione dei diversi profili professionali dedicati all’orientamento. L’Isfol,
istituto di ricerca che si distingue per il “servizio”
offerto ad una efficace cristallizzazione teorica
dell’esperienza realizzata da anni nel sistema dei
servizi all’orientamento ed all’educazione e formazione, ha recentemente pubblicato i primi esiti di una ricerca nazionale sui profili professionali dell’orientamento nei diversi sistemi organizzativi 2. La proposta contenuta nei risultati di questa
ricerca individua alcuni profili, descrivendone
mansioni e competenze, tutti relativi e caratterizzati dall’inserimento in particolari sistemi organizzativi ( la scuola, la formazione professionale, i
servizi all’impiego).
4. Progettazione del percorso formativo/scolastico/professionale
È la fase finale: i ragazzi hanno esplorato e riconosciuto le loro risorse. I loro criteri nella scelta di un obiettivo professionale sono stati chiariti,
si sono raccolte informazioni sulle scuole desiderate e sulla professione che sperano di poter un
giorno fare. Si tratta ora di cominciare un lavoro
di progettazione dei passi futuri da compiere per
avvicinarsi sempre di più all’obiettivo.
In questa fase l’orientatore rimanda alle fasi
precedenti, facendo da filo conduttore e sintetizzando i diversi passaggi, sostiene nella compilazione fisica di quello che sarà “il primo progetto”
(vedi scheda 4-A: Il mio primo progetto).
Ruolo degli insegnanti
Nelle attività di orientamento scolastico, come
più volte ricordato, sono fondamentali gli apporti
del “mondo adulto” del quale gli insegnanti fanno
A. Grimaldi (a cura di), Profili professionali per l’orientamento: la proposta Isfol, Milano, Franco Angeli, 2003.
2
30
•
•
•
•
I profili individuati sono:
Operatore dell’informazione orientativa
Tecnico dell’orientamento
Consulente di orientamento
Analista di politiche e servizi di orientamento.
3.
4.
Per le caratteristiche che lo definiscono e che
lo avvicinano molto al ruolo che gli insegnanti
possono avere nei percorsi di educazione alla scelta che stiamo presentando, ci sembra importante
presentare in questo manuale il profilo che l’Isfol
ha denominato tecnico dell’orientamento, rimandando al volume che presenta l’intera ricerca per
la trattazione degli altri profili, tutti centrali e non
meno importanti.
Il tecnico dell’orientamento, così come lo descrive Isfol, è un professionista che opera all’interno del contesto organizzativo-scuola, che conosce in maniera approfondita «sia sotto il profilo
degli obiettivi e finalità (competenze istituzionali,
normativa, mission di servizio, ecc.) sia per quanto concerne funzioni e cultura organizzativa» (Grimaldi, 2003). Le sue funzioni attengono al monitoraggio e tutorato orientativo di un’esperienza in
atto, all’accompagnamento in itinere dei diversi
percorsi, a partire dalla definizione degli obiettivi
sino ad arrivare alla realizzazione dell’intervento
orientativo. Ulteriori compiti e mansioni di questo
profilo professionale sono legati alla «prevenzione
e recupero di comportamenti inefficaci».
«Nella scuola il tecnico dell’orientamento svolgerà prevalentemente attività di monitoraggio dei
percorsi scolastici (come, ad esempio, le azioni di
accoglienza nelle fasi di ingresso nei nuovi cicli
di studio; o azioni volte alla riorganizzazione dei
percorsi scolastici attraverso lo strumento delle
passerelle fra indirizzi di studio)» (Grimaldi,
2003, pag. 111).
5.
6.
7.
8.
9.
intervento per specifiche esigenze e per specifiche popolazioni di utenti;
competenza nel monitoraggio e nella valutazione dell’efficienza ed efficacia dell’azione
orientativa;
competenza a definire obiettivi e progettare
percorsi di orientamento anche di carattere innovativo in riferimento alle specifiche situazioni;
competenza a relazionarsi sia all’interno dell’organizzazione nella quale si opera, sia con
gli enti del territorio e con i soggetti organizzativi ed istituzionali con i quali si interagisce
competenza a costruire e gestire reti sociali;
competenza ad ascoltare e a comunicare con
singoli individui e gruppi di individui (sia intra sia inter-organizzativi);
competenze a gestire una relazione interpersonale di aiuto;
competenze in ambito giuridico, amministrativo ed economico per la gestione di progetti di
intervento.
Strumenti per il percorso di educazione
alla scelta, una proposta
Di seguito presentiamo alcuni strumenti che
vengono abitualmente utilizzati nei percorsi di
educazione alla scelta.
Questi strumenti sono stati selezionati dalla
letteratura specifica o costruiti ex novo a partire
dall’esigenza di rispondere ai bisogni orientativi
legati alle diverse fasi del percorso (vedi sopra),
L’utilizzo di questi strumenti è naturalemente
subordinato alla chiarezza ed alla fluidità delle
azioni. Pertanto si consiglia di utilizzarli come
spunto e punto di avvio per una riflessione più ampia ed approfondita, con il gruppo classe o con il
singolo partecipante al percorso.
Le aree di competenza caratteristiche di questo profilo sono:
• Competenze di lettura del contesto e di progettazione delle attività di orientamento.
• Competenze comunicativo-relazionali con i
soggetti interni ed esterni all’organizzazione
nella quale si opera.
• Competenze giuridiche, amministrative e informatiche.
Elenco degli strumenti:
1-A:
1-B:
1-C:
1-D:
Da grande vorrei diventare...
Le mie qualità.
I miei interessi professionali.
I miei criteri di scelta.
2-A: Per me il lavoro è…
2-B: Formati e contenti?
Più nello specifico le diverse aree potranno
comprendere:
1. competenza di lettura ed analisi del contesto,
degli obiettivi, della cultura organizzativa;
2. competenza a definire obiettivi e procedure di
3-A: Carta della scuola.
3-B: Intervista.
4-A: Il mio primo progetto.
31
1-A
Da grande
vorrei diventare...
Hai appena incontrato il “Genio della Lampada” che è pronto ad esaudire due
tuoi desideri...
Il primo desiderio riguarda il tuo lavoro futuro.
Che lavoro desidereresti fare da grande?
Il secondo desiderio riguarda le caratteristiche del tuo futuro lavoro.
Come immagini il lavoro che hai scelto?
(Più elementi dirai al Genio, più completa sarà la realizzazione del tuo sogno!)
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
32
1-A
★
Adesso
★
i l G e n i o★
ha bisogno di qualche elemento in più!
Perché hai scelto questa professione?
(Ricorda che il Genio non accetterà risposte come “mi piace” o ”è bella”...
ha bisogno di motivazioni più precise!)
★
★
Quali desideri, sogni, aspirazioni pensi di poter realizzare con questa professione?
★
★
...Il Genio è sicuro che potrai realizzare i tuoi sogni
(altrimenti che Genio sarebbe!?)...
e ti ricorda che ci vuole un pizzico di magia...
e TANTO IMPEGNO!
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
33
1-B
Le mie qualità
Leggi con attenzione l’elenco delle qualità:
Amichevole
Sincero
Educato
Coraggioso
Abile
Veloce
Volenteroso
Preciso
Ambizioso
Artista
Buono
Lavoratore
Generoso
Perseverante
Autonomo
Intelligente
Inventivo
Responsabile
Socievole
Riflessivo
Attivo
Capace
Sognatore
Organizzato
Originale
Comprensivo
Serio
Cooperativo
Vigoroso
Ora che hai letto tutto l’elenco scegli 6 QUALITÀ che descrivono meglio la tua personalità.
ATTENZIONE!
CERCA DI DESCRIVERE ESATTAMENTE COME SEI,
E NON COME TI PIACEREBBE ESSERE.
Esempio: se penso di essere generoso cerchio quell’aggettivo;
se vorrei essere generoso, ma non lo sono, allora non lo cerchio.
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
34
1-B
Le mie qualità
...secondo GLI ALTRI!!!
Chiedi ad un amico o amica, ad un insegnante e ad un familiare (mamma, zia, sorella,
cugino...) di leggere l’elenco e di scegliere 6 qualità che ti appartengono.
La prossima volta faremo il confronto, non dimenticare la scheda a casa!
Attivo
Vigoroso
Originale
Volenteroso
Organizzato
Responsabile
Serio
Comprensivo
Preciso
Socievole
Sognatore
Capace
Perseverante
Educato
Autonomo
Inventivo
Cooperativo
Ambizioso
Abile
Intelligente
Lavoratore
Amichevole
Generoso
Veloce
Artista
Riflessivo
Sincero
Coraggioso
Buono
Elenca le qualità scelte
dall’amico/amica
Elenca le qualità scelte
dall’insegnante
Elenca le qualità scelte
dal familiare
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
35
1-C
I miei interessi professionali
Quali sono gli aspetti del lavoro che ti attirano di più?
Di seguito troverai una serie di affermazioni raggruppate in base alle differenti caratteristiche
del lavoro.
Leggi con attenzione ogni gruppo di frasi.
Dopo aver letto tutto l’elenco decidi
se per te le affermazioni nel complesso sono
MOLTO INTERESSANTI o POCO INTERESSANTI
e segnalo con una crocetta.
lavorare con DATI può significare:
•
•
•
•
•
•
•
•
Coordinare le informazioni che circolano tra uffici diversi
Elaborare dati tecnici con l’uso di apparecchiature elettroniche
Prendere appunti precisi e dettagliati
Raccogliere e classificare informazioni
Confrontare i dati del proprio lavoro con quelli di altri lavoratori
Valutare le informazioni a disposizione
Raccogliere ed organizzare dati relativi alla contabilità
Raccogliere ed elaborare dati per una ricerca
PER TE queste attività SONO:
MOLTO INTERESSANTI ❏
POCO INTERESSANTI
❏
lavorare con OGGETTI può significare:
•
•
•
•
•
•
•
•
Produrre oggetti
Controllare il funzionamento di una macchina automatica
Riparare e collaudare macchinari
Fare un lavoro soprattutto manuale
Lavorare con strumenti e attrezzi
Azionare e controllare macchinari
Guidare veicoli
Usare degli strumenti per controllare la temperatura dei materiali
PER TE queste attività SONO:
MOLTO INTERESSANTI ❏
POCO INTERESSANTI
❏
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
36
1-C
lavorare con PERSONE può significare:
Avere contatti con le persone
Svolgere attività di consulenza
Istruire le persone
Trattare affari
Coordinare, guidare l’attività di un gruppo di persone
Occuparsi di vendite al pubblico
Svolgere una attività in cui è necessario accogliere
ed intrattenere le persone
• Svolgere una attività di pubbliche relazioni
•
•
•
•
•
•
•
PER TE queste attività SONO:
MOLTO INTERESSANTI ❏
POCO INTERESSANTI
❏
lavorare con IDEE può significare:
Scrivere articoli di un giornale
Progettare una ricerca scientifica
Svolgere una indagine storica
Fare attività politiche e sindacali
Fare la critica di un evento o di un lavoro di qualcun’altro
(mostre, concerti, libri pubblicati, …)
• Presentare un libro ad un gruppo di persone
• Presentare una relazione ad un convegno o durante
una riunione di lavoro
• Studiare l’organizzazione della società
•
•
•
•
•
PER TE queste attività SONO:
MOLTO INTERESSANTI ❏
POCO INTERESSANTI
❏
Adesso fai sintesi...
Segna con una crocetta quegli aspetti del lavoro che per te sono risultati MOLTO INTERESSANTI:
LAVORARE
LAVORARE
LAVORARE
LAVORARE
CON
CON
CON
CON
DATI
OGGETTI
PERSONE
IDEE
❏
❏
❏
❏
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
37
1-C
Dagli interessi alle professioni...
A questo punto hai individuato le aree di
interesse per te più importanti.
Prova ad elencare tutti i mestieri e le professioni che
corrispondono alle preferenze che sono emerse dall’esercitazione.
Se sei in difficoltà chiedi un aiuto
agli insegnanti ed agli operatori!!
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
38
1-D
I miei criteri di scelta
Quante volte ti è capitato di dover prendere una decisione?
Tutti giorni ci capita di dover prendere delle decisioni, anche “piccole”!
Forse non ce ne accorgiamo, ma ogni volta che prendiamo una decisione, che facciamo una scelta,
utilizziamo dei CRITERI.
Infatti: i criteri di scelta sono gli elementi in base ai quali compiamo le nostra scelte.
Più è importante la decisione che dobbiamo o vogliamo prendere, più è importante avere chiari
quali sono i nostri criteri di scelta.
A questo punto prova a rispondere a questa domanda:
in base a quali elementi ti piacerebbe poter scegliere il tuo “lavoro ideale”?
Leggi tutto l’elenco e sottolinea i criteri che per te sono MOLTO importanti:
Lavorare in cantiere o in officina
Essere indipendente
Fare un lavoro redazionale
Lavorare in campo artistico
Fabbricare
Avere ritmi ed orari irregolari
Riparare/fare manutenzione
Lavorare in équipe
Sorvegliare/proteggere
Fare un lavoro di precisione
Lavorare con i numeri
Occuparsi degli altri
Consigliare
Aver forza fisica
Entrare in contatto con il pubblico
Spostarsi spesso
Lavorare all’aperto
Essere a contatto con la natura
o con gli animali
Utilizzare una o più lingue straniere
Lavorare in ufficio
Fare ricerca
Lavorare da solo
Lavorare all’estero
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
39
2-A
Per me il lavoro è...
Leggi con attenzione le affermazioni contenute nella scheda.
Decidi con attenzione quanto ogni frase è adatta a spiegare quello che tu pensi
del lavoro, la tua IDEA di lavoro.
I numeri indicano la scala di importanza.
Per ogni affermazione metti una crocetta sui numeri, sapendo che:
1 = per niente adatta ad esprimere la tua idea di lavoro
5 = perfetta per spiegare la tua idea di lavoro
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
Attraverso il lavoro la persona si realizza
Il lavoro serve per guadagnarsi da vivere
Il lavoro garantisce il progresso della società
Il lavoro è soprattutto fatica
Il lavoro dà soddisfazione
Attraverso il lavoro si raggiunge il successo
Il lavoro è un diritto di tutti
Il lavoro provoca stress
Il lavoro deve essere interessante
Il lavoro permette di essere indipendenti
L’uomo e la donna sono uguali di fronte al lavoro
Nel lavoro bisogna fare dei sacrifici
Il lavoro richiede un coinvolgimento personale
Il lavoro dà sicurezza
Attraverso il lavoro partecipi allo sviluppo della società
Il lavoro è principalmente un dovere
Il lavoro richiede impegno
Attraverso il lavoro si diventa importanti, si acquista prestigio
Il lavoro non deve danneggiare la salute
Il lavoro è causa di infelicità
Attraverso il lavoro costruisci un progetto di vita
Nel lavoro conta soprattutto la stabilità
Il lavoro aiuta il cambiamento della società
Il lavoro è una noia
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
1
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
2
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
3
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
4
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
5
Tratto da: “Progetto Rete”.
Amministrazione Provinciale di Bologna, Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna, 1992.
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
40
2-A
Per me il lavoro è...
Ora che hai completato la scheda, con molta cura prosegui nel tuo lavoro!
Ogni affermazione ha una parola chiave (o un verbo !):
la riconosci perché è stata evidenziata!! Le stesse parole chiave tu le troverai nello schema ...
Devi: Controllare, affermazione per affermazione, il “voto” che hai segnato.
Rintracciare nello schema la parola chiave.
Colorare lo spicchio corrispondente alla parola chiave di tanti quadratini quanto alto è il
punteggio che hai assegnato a quella frase…
Facciamo un esempio…
Immagina di aver dato punteggio 3 alla prima affermazione, la parola chiave è REALIZZA.
Nello schema colorerai di 3 quadratini lo spicchio corrispondente alla parola REALIZZAZIONE (a
partire dal centro…).
Emancipazione personale
Disagio individuale
Esperienza strumentale
Sviluppo della società
Tratto da: “Progetto Rete”.
Amministrazione Provinciale di Bologna, Dipartimento di Scienze dell’Educazione dell’Università di Bologna, 1992.
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
41
Formati e contenti?
Una persona istruita ha più possibilità nella vita.
Sono d’accordo
...perché
Non sono d’accordo
...perché
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
Formati e contenti?
Per trovare lavoro è importante saper fare delle cose, e non studiare.
Sono d’accordo
...perché
Non sono d’accordo
...perché
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
42
Formati e contenti?
Per trovare lavoro può essere di aiuto avere un titolo di studio superiore
alla licenza dell’obbligo (una qualifica professionale, un diploma...)
Sono d’accordo
...perché
Non sono d’accordo
...perché
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
Formati e contenti?
Studiare stimola la persona a pensare e ad impegnarsi.
Sono d’accordo
...perché
Non sono d’accordo
...perché
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
43
Formati e contenti?
Studiare ti permette di mantenerti aggiornato (ad esempio sulle nuove tecnologie)
Sono d’accordo
...perché
Non sono d’accordo
...perché
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
Formati e contenti?
Studiare è solo una perdita di tempo.
Sono d’accordo
...perché
Non sono d’accordo
...perché
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
44
3-A
Carta della scuola
Istituto
Indirizzi
(nome, indirizzo,
città...)
Materie
previste
Orario lezioni
Laboratori
attivati
Prospettive
professionali
(cosa si può fare
dopo?)
Altro
(es. Stages,
sportelli,
viaggi studio...)
Raggiungibilità
dell’istituto
(con quali mezzi?)
Cosa vorrei
ancora sapere?
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
45
3-B
INTERVISTA!
Intervista a
Professione scelta
Mansioni/attività
Che cosa fa? Di che cosa si occupa? Quali sono i compiti che le vengono assegnati?
Rapporti di lavoro
Con chi ha rapporti durante l’esecuzione dei suoi compiti? Con quali colleghi deve lavorare?
Lavora da solo o con una squadra o con un’équipe? Ha contatto diretto con i clienti?
Ambiente di lavoro
Dove lavora (fabbrica, ufficio, negozio) Com’è fatto il suo ambiente di lavoro (grande, piccolo,
all’aperto…)?
Strumenti
Con quali strumenti e macchinari lavora?
46
Titoli di studio
Quale titolo di studio bisogna possedere per fare questa professione? Ci sono possibilità di formazione all’interno della ditta? Ci sono percorsi particolari? (apprendistato, corsi specializzazione).
Capacità/Attitudini
Quali caratteristiche personali, attitudini bisogna possedere per fare questa professione? Per che
cosa bisogna essere portati? Occorrono dei requisiti anche fisici (es. acutezza visiva, niente allergie ecc.)?
Stipendio
Qual è lo stipendio medio? Qual è agli inizi, quale può diventare dopo un po’ di tempo?
Dopo quanto tempo?
Carriera
Quale carriera può fare?
Cosa le piace
Cosa le piace del suo lavoro? Perché?
Pari opportunità
A partire dalla sua esperienza ci sono più uomini o più donne che svolgono questa professione?
Secondo lei perché?
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
47
4-A
Il mio primo progetto...
Avere un obiettivo professionale ti può aiutare
a capire quale percorso formativo seguire…..
Scrivi il nome del tuo lavoro ideale, oppure il settore che ti interessa di più:
Qual è, secondo te, la scuola superiore che può aiutarti a raggiungere questo
“lavoro ideale” o che può aiutarti ad inserirti nel settore che hai indicato? Scrivilo
nel riquadro.
Se pensi che ci possano essere più scuole utili, scrivile tutte!!!
La scuola (o le scuole!) che hai indicato ti potrebbe piacere perché…
Ti sei già informato sulla scuola (o sulle scuole) che hai indicato?
Che cosa hai scoperto?
48
bilancio
Prova a fare un
delle tue caratteristiche personali, aiutandoti
con le scheda che hai compilato durante il percorso di orientamento:
che q u a l i t à , i n t e r e s s i , a t t i t u d i n i hai? Quali sono le materie per cui ti senti portato, gli argomenti che ti piacciono e che ti piacerebbe approfondire?
Rispondi ora alla seguente domanda: quali sono, secondo te, i tuoi punti forti, le
caratteristiche che possiedi e che potrebbero aiutarti nell’affrontare la nuova
scuola superiore?
Quali sono invece i tuoi punti da migliorare, gli aspetti su cui devi lavorare per
riuscire ad affrontare al meglio la scuola superiore?
Rileggi i punti da migliorare che hai segnato e prova a scrivere che cosa puoi
concretamente fare per affrontarli e superarli:
Pensi che la scuola che hai indicato sia adatta a te ed al raggiungimento del
tuo lavoro ideale? Motiva la tua risposta!!
Organizzazione per la Ricreazione Sociale s.c.s. a r.l.
49
Bibliografia
Bellamìo, Scandella (2002), in AA.VV., La scuola che
orienta, La nuova Italia, pp. 94.
Baumgarten (1949), Orientation et selection professionnelles par l’examen psycologique du caractèr, Dunod,
Paris.
Bruscaglioni (1994), Orizzonte empowerment: panoramica su significati ed applicazioni dell’empowerment,
“Rivista Uomo”, 2-3.
C. Messana (1999), Valutazione formativa e personalità,
ed. Carocci.
Crites I.O. (1969), Vocational psychology, Mcgraw-Hill,
New York.
R. De Beni, A. Moè (2002), Motivazione ed apprendimento, Il Mulino.
Festinger L. (1997), La dissonanza cognitiva, Milano,
Angeli (ed. orig. 1957).
Fondazione Centro di Orientamento di Alessandria
(2002), Lavorare per l’orientamento, Regione Piemonte.
Grimaldi A. (2002), a cura di, Modelli e strumenti a
confronto: una rassegna sull’orientamento, Franco
Angeli, Milano.
Hansen J.C. (1984), The measurement of vocational interest: issues and future directions, in Brown S.D.,
Lent R.W. (a cura di), Handbook of counselling
Psychology, Wiley, New York.
K. Lewin (1961), Principi di psicologia topologica, ed.
Organizzazioni Speciali, Firenze (ed. or. 1936).
Maslow A.H. (1943), A theory in Human Motivation,
trad. it. Bollati Boringhieri, Torino, 1986.
Moreno J.L. (1964), Principi di sociometria, ed. Etas
Kompass, Milano.
Novara F., Sarchielli G. (1996), Fondamenti di psicologia del lavoro, Il Mulino, Bologna.
Piccardo C. (2001), Sviluppo organizzativo per l’empowerment, Sviluppo & Organizzazione, 183, pp. 6988.
Pombeni M.L. (1990), Orientamento scolastico e professionale, NIS, Roma.
Pombeni M.L., D’Angelo M.G. (1994), L’orientamento
di gruppo, NIS, Roma.
A. Pope, S. McHale, E. Craighead, Migliorare l’autostima, Centro Studi Erickson.
Putton, 2000, Orientamento di vita e strategie di empowerment, “Quaderni di orientamento”, 16, pp. 4-9.
Rogers (1973), Libertà nell’apprendimento, Giunti, Firenze.
Ferrari, Nota, Soresi (in corso di stampa), Le credenze
di efficacia in studenti dai 15 ai 19 anni: lo strumento “quanta fiducia ho in me?”, “Giornale Italiano di Psicologia”.
Nota, Soresi, Autoefficacia nelle scelte, ed. ITER Giunti
OS.
D.E. Super (1957), The Psychology of career, HarperCollins, New York.
Folgheraiter F., La relazione di aiuto nel counseling e
nel lavoro sociale, introduzione a Mucchielli R., Apprendere il counseling, Trento, Erickson, 1987, p. 18.
M.Viglietti, Il metodo dell’attivazione dello sviluppo vocazionale personale (ADVP), in “Orientamento scolastico e professionale” n. 3/1991.
F. Marostica, L’orientamento nel sistema scolastico in
Emilia Romagna, atti convegno 2003, in http://
www.regione.emiliaromagna.it/formazione/AERL/
Materiali/RelazionemarosticaOrientamento.doc
50
Indice
Premessa
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
L’orientamento, storia degli approcci e delle definizioni; cenni sui dispositivi orientativi
Diversi contesti, diversi significati . . . . . . . . . . . . . .
L’evoluzione storica del concetto di orientamento . . . . . . . . . . .
Le prime fasi storiche: industriale e attitudinale
. . . . . . . . . .
Gli interessi professionali e le tendenze vocazionali . . . . . . . . . .
Emporwerment e approccio psicodinamico . . . . . . . . . . . .
L’approccio socio-culturale e plurifattoriale: un approccio educativo . . . . . .
L’orientamento “continuo”
. . . . . . . . . . . . . . .
Elementi fondamentali dell’orientamento . . . . . . . . . . . . .
Approcci all’Orientamento . . . . . . . . . . . . . . . .
Valori fondamentali dell’Approccio educativo all’Orientamento . . . . . . . .
Le aree di attività dell’orientamento . . . . . . . . . . . . . .
Macroaree di attività di orientamento
. . . . . . . . . . . . .
Normativa di riferimento per le attività di orientamento
. . . . . . . . .
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
4
4
4
4
5
6
6
6
7
8
8
8
9
11
I dispositivi: l’orientamento di gruppo . . . . . .
Il gruppo come risorsa
. . . . . . . . .
Le fasi del gruppo
. . . . . . . . . .
Il ruolo del conduttore, alcuni cenni . . . . . .
Le caratteristiche dei gruppi efficaci . . . . . .
Uno stile orientativo: cenni sulla relazione di aiuto
. . .
L’orientamento nel sistema scolastico . . . . . . .
Orientamento formativo o didattica orientativa . . . .
I processi decisionali: come avviene la scelta . . . . .
Promuovere l’autostima negli allievi: la centralità della relazione
Il ruolo dell'insegnante nel lavoro sull’autostima
. .
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
»
13
14
14
15
15
15
16
16
17
22
22
Perché parlare di competenze nella scuola
Compiti di sviluppo ed empowerment
.
L’habitus sociale e l’immagine di sé . .
Le competenze: come intenderle?
. .
Fare orientamento: gli strumenti e le tecniche
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
»
»
»
»
»
24
24
25
25
26
Perché parlare di mercato del lavoro nei percorsi di orientamento
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
pag. 3
.
.
.
.
.
»
28
Il percorso di educazione alla scelta . . . . . . . . . .
1. Esplorazione del sé . . . . . . . . . . . . .
2. Esplorazione delle rappresentazioni sulla scuola, la formazione ed il lavoro
3. Esplorazione della realtà - raccolta di informazioni . . . . .
4. Progettazione del percorso formativo/scolastico/professionale . . .
Ruolo degli insegnanti . . . . . . . . . . . . .
Il Tecnico di orientamento nella scuola, un nuovo profilo professionale . .
Strumenti per il percorso di educazione alla scelta, una proposta . . .
Elenco degli strumenti . . . . . . . . . . . .
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
»
»
»
»
»
»
»
»
»
29
29
29
30
30
30
30
31
31
Bibliografia
.
.
.
.
.
»
50
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
.
51
.
.
.
.
.
La Cooperativa sociale O.R.So. opera nell’ambito del sostegno alla transizione delle fasce deboli dal 1989. In questo ambito ha maturato specifiche competenze nei settori:
➧ informazione (ad esempio: gestione servizi Informagiovani, Vetrina per Torino, servizi di comunicazione)
➧ politiche giovanili (ad esempio: Consiglio comunale dei ragazzi, moduli formativi nelle scuole di educazione alla cittadinità e alla pace)
➧ orientamento
➧ sostegno all’inserimento lavorativo
➧ politiche attive del lavoro.
Nel giugno 2003 la O.R.So. ha conseguito la Certificazione di Qualità e l’accreditamento della
Regione Piemonte come sede idonea alla gestione di servizi di orientamento. Aderisce a
Confcooperative.
Gli ambiti nei i quali si collocano i percorsi di orientamento sono quelli definiti dagli standard nazionali e della Regione Piemonte:
➧ l’informazione orientativa, all’interno di percorsi orientativi integrati
➧ la consulenza orientativa: attività di colloquio individuale per la definizione dei propri obiettivi scolastici o professionali e di sostegno alla ricerca del lavoro
➧ la formazione orientativa: attività di gruppo legata all’acquisizione di strumenti per l’auto
orientamento e la ricerca del lavoro.
Spesso gli ambiti descritti si integrano e concorrono a formare un percorso complesso , articolato a seconda delle esigenze della committenza, dei destinatari e del territorio di riferimento. I
principali prodotti relativi agli ambiti citati sono:
➧ gestione di sportelli di informazione orientativa; progettazione e gestione di giornate informative su formazione, orientamento e primo lavoro (Salone della formazione e del lavoro di
Saluzzo - Cuneo, InfoOrienta DAY Comune di Orbassano - Torino); seminari di formazione sui
temi dell’orientamento rivolti a giovani, disoccupati, genitori ed insegnanti; coordinamento e gestione “Osservatorio Scuola e Lavoro” sulle scelte lavorative post obbligo;
➧ consulenza orientativa individuale per la definizione dell’obiettivo professionale; percorsi di
Educazione alla scelta, per la progettazione del piano di assolvimento dell’obbligo scolastico
o la costruzione del progetto personale professionale; Bilancio di Orientamento; Consulenza
individuale di sostegno alla ricerca del lavoro;
➧ moduli formativi: corsi di abilità sociali per la ricerca del lavoro, Educazione alla sicurezza,
Sostegno alle Competenze trasversali, Orientamento al Mercato del lavoro, Preparazione agli
stages, Jobclub - ricerca attiva del lavoro, Bilancio di competenze.
Sede legale e operativa di Torino
Via Bobbio 21/A - 10141 Torino - tel. 011.19831418 - fax 011.19831323
Sede operativa di Alba
Via Coppa 3/B - 12051 Alba (Cn) - tel. e fax 0173.366779
Sede operativa di Asti
Via Carducci 22 - 14100 Asti - tel. e fax 0141.593201
email: [email protected] - sito www.cooperativaorso.it
52
Fly UP