...

Cenni sulla gestione del panico e psicologia delle emergenze

by user

on
Category: Documents
7

views

Report

Comments

Transcript

Cenni sulla gestione del panico e psicologia delle emergenze
Cenni sulla gestione
del panico e
psicologia delle
emergenze
Dott. Marco Tyrolt
[email protected]
…..
Marco Tyrolt
…..
Marco Tyrolt
…..
Marco Tyrolt
…..
Marco Tyrolt
Il nostro percorso
Psicologia dell’emergenza: cosa intendiamo?
Cosa sono l’ansia e il panico
Quali sono le cause?
Come si manifestano?
Come si affrontano?
Disturbo Post Traumatico da Stress
I quattro sostegni del volontario
Esercitazione pratica
Marco Tyrolt
PSICOLOGIA DELL’EMERGENZA
Marco Tyrolt
Negli ultimi anni si sta assistendo ad un
aumento di interesse verso le reazioni dei
soccorritori che intervengono in eventi
particolarmente traumatici.
Solitamente l'operatore in emergenza sviluppa una
soglia di tolleranza abbastanza elevata nei
confronti di situazioni che, occasionalmente o
cronicamente, possono mettere a rischio il suo
equilibrio psicologico.
Marco Tyrolt
DEFINIZIONE
La psicologia dell’emergenza riassume
una serie di misure da adottare , il prima
possibile, in circostante di tragica
esperienza, allo scopo di evitarne le
potenziali ripercussioni riscontrabili a lungo
termine ( De Felice, Colaninno2003).
Marco Tyrolt
COSA INTENDIAMO?
La psicologia dell'emergenza si rivolge
alle persone colpite da una catastrofe, da un
lutto, da un trauma, ma anche ai soccorritori,
cioè alle persone che intervengono per
prime e che, assieme ai sopravissuti,
sperimentano sentimenti di impotenza,
angoscia, ansia, disperazione.
Marco Tyrolt
Scopo principale della psicologia
dell’emergenza è di:
occuparsi di normali reazioni di
Individui normali ad eventi ed
esperienze anormali o estreme.
estreme
Marco Tyrolt
Definizioni
ANSIA
L'ansia è una complessa combinazione di
emozioni negative come apprensione e
preoccupazione, ed è spesso accompagnata da
sensazioni fisiche come palpitazioni, dolori al
petto e/o respiro corto, nausea, tremore interno.
Correlato fisiologico di varie emozioni,
corrispondente all’attivazione generale
dell’organismo che si prepara ad affrontare un
compito
Marco Tyrolt
Definizioni
PAURA
Emozione derivante dall’essere esposto, o dal
pensare di esserlo, a presunte situazioni di
pericolo, reputate dall’individuo come
minacciose o dannose.
La paura è quindi causata dalla percezione
cognitiva di una minaccia; ed è di solito
accompagnata da un'accelerazione del battito
cardiaco e delle principali funzioni fisiologiche di
difesa.
Marco Tyrolt
Definizioni
PANICO
Stato di terrore per lo più collettivo e
improvviso, non dominato dalla riflessione,
che nasce a fronte di un pericolo reale o
presunto, portando irresistibilmente ad atti
avventati o inconsulti.
Timore improvviso che nasce senza
motivo, accompagnato da tentativi frenetici
di garantirsi la sicurezza.
Marco Tyrolt
Sintesi
- Tutte le volte che la nostra mente ci rivela o ci
informa che stiamo per affrontare un dato
compito, positivo o negativo (un esame, una
vacanza, una gara, un matrimonio…), il nostro
organismo si attiva, preparandoci ad affrontare
al meglio la situazione (modifiche psichiche e
fisiologiche) e va in ansia.
- Davanti ad un evento ritenuto, reale o virtuale,
minaccioso il nostro organismo reagisce con la
paura.
- Il panico è una reazione fisiologica improvvisa
che può accompagnare o meno l’esposizione ad
un evento minaccioso (paura). Si manifesta
come una crisi di ansia acuta.
Marco Tyrolt
Come si manifesta l’ansia
Essendo l’ansia uno stato di attivazione generale
dell’organismo che si prepara ad affrontare un compito:
-
Abbiamo bisogno della massima energia:
Il cuore batte più velocemente
Aumenta la pressione del sangue
La temperatura aumenta
Effetto del sudore freddo
-
I riflessi devono essere pronti:
I nervi sono più tesi
Si pensa solo al compito da affrontare
Non si riesce a stare fermi
Marco Tyrolt
Marco Tyrolt
Come si manifesta il panico
Il panico è una reazione ansiosa acuta ed improvvisa
dovuta ad una situazione pericolosa inaspettata
L’organismo non si è preparato e va in tilt:
- Il cuore batte fortissimo (cuore in gola)
- L’aumento della pressione provoca giramenti di testa
- Il viso impallidisce
- Difficoltà a respirare, senso di asfissia
- Tremori provocati dall’improvvisa stimolazione
muscolare
La mente non preparata va in tilt:
- Sensazione di catastrofe imminente
- Paura di perdere il controllo
- Le azioni sono confuse e illogiche, i pensieri annebbiati
Marco Tyrolt
Marco Tyrolt
LE CAUSE DEL PANICO
>L’organismo si trova in una situazione minacciosa
imprevista.
Marco Tyrolt
LE CAUSE DEL PANICO
> L’organismo si trova in una situazione minacciosa
imprevista.
> Per salvarsi bisogna reagire in fretta e spesso non c’è
tempo per riflettere.
Marco Tyrolt
LE CAUSE DEL PANICO
> L’organismo si trova in una situazione minacciosa
imprevista.
> Per salvarsi bisogna reagire in fretta e spesso non c’è
tempo per riflettere.
> La ragione viene sostituita dall’istintività e dall’emotività
che hanno reazioni più veloci.
Marco Tyrolt
LE CAUSE DEL PANICO
> L’organismo si trova in una situazione minacciosa
imprevista.
> Per salvarsi bisogna reagire in fretta e spesso non c’è
tempo per riflettere.
> La ragione viene sostituita dall’istintività e dall’emotività
che hanno reazioni più veloci.
> La persona perde il controllo volontario delle proprie
azioni.
Marco Tyrolt
COME SI GESTISCE IL
PANICO
Imparare a riconoscere le
manifestazioni
- Comprendere la differenza tra paura e
panico
- Riconoscere i segnali :
Palpitazioni
Aumento della frequenza del respiro
Giramenti di testa
Marco Tyrolt
Prevenire reazioni incontrollate
- Allenarsi mentalmente a possibili traumi
Chiedersi “cosa dovrei fare se mi accadesse?”
“cosa non dovrei fare..”
- Immedesimarsi nelle persone che hanno
vissuto un trauma
Cercare di mettersi nei panni di chi ha vissuto
personalmente un evento negativo, dimostrare empatia.
- Abbandonare il desiderio di controllare tutto
Spesso le reazioni sono eccessive e immotivate: è il
nostro sistema di convinzioni ed interessi che ci fa
interpretare un evento come più disastroso di quanto in
realtà lo sia.
Marco Tyrolt
GESTIRE L’EMERGENZA
- Evitare l’eccessiva attivazione
Cercare di respirare profondamente per
calmarsi
Ripetere frasi di incoraggiamento
Cercare appigli sicuri (persone, rifugi..)
- Individuare il fattore più preoccupante
Analizzare la situazione e sorvolare sui fattori
ininfluenti
Individuare le varie soluzioni e scegliere la più
efficace
Marco Tyrolt
GESTIRE L’EMERGENZA
- Cercare di agire e non solo di reagire
Essere disposti a sacrificare qualcosa pur di
salvare ciò che ha più valore
Dopo avere intrapreso una strada per uscire dal
problema, non tornare indietro e non aderire ai
dubbi, a meno che non ci siano motivi giustificati
Comprendere quando è meglio non reagire
Marco Tyrolt
COME PREPARARSI ?
Tutti coloro che svolgono un lavoro rischioso
sono allenati a gestire l’emergenza.
Cosa imparano?
1. RILASSAMENTO
Sono molte le tecniche per rilassarsi
(traning autogeno, meditazione, yoga..).
2. CONDIZIONAMENTO PER IMMAGINI
Insegnano all’organismo a sostituire le reazioni
istintive innate con altre più efficaci, attraverso
la visione di filmati e di casi reali, ecc..
3. CONDIZIONAMENTO IN VIVO
Attraverso esercitazioni, allenamenti fisici e
psichici e interventi simulati.
Marco Tyrolt
COSA POSSIAMO FARE NOI?
Ci sono alcune piccole cose che non ci
garantiscono niente, ma che aumentano le
possibilità di fronteggiare l’emergenza.
- IMPARARE A RILASSARSI
- PARTECIPARE A CORSI DI PRONTO
SOCCORSO
- FARE ESPERIENZE DI “SOPRAVVIVENZA”
- GUARDARE FILM E LEGGERE ROMANZI UTILI
Marco Tyrolt
DISTURBO POST TRAUMATICO
DA STRESS (ptsd)
Marco Tyrolt
DISTURBO POST TRAUMATICO DA
STRESS (ptsd)
Il disturbo post-traumatico da stress (o Post-Traumatic
Stress Disorder, PTSD) è l'insieme delle forti sofferenze
psicologiche, a volte perduranti anche per molti anni, che
in alcuni casi - possono strutturarsi come conseguenza a
medio-lungo termine di un evento traumatico, catastrofico o
violento.
Questo disturbo rappresenta dunque la possibile risposta di
un soggetto ad un evento critico abnorme (terremoti,
incendi, nubifragi, incidenti stradali, abusi sessuali, atti di
violenza subiti o di cui si è stati testimoni, attentati, azioni
belliche, etc.
Marco Tyrolt
DISTURBO POST TRAUMATICO
DA STRESS (ptsd)
Il PTSD non colpisce le persone più "deboli“
o "fragili": spesso persone apparentemente
"fragili" riescono ad attraversare senza
conseguenze eventi traumatici abbastanza
importanti, mentre persone "solide" si
trovano in difficoltà dopo eventi che hanno
un significato personale o simbolico
particolarmente difficile da elaborare.
Marco Tyrolt
VOLONTARIATO E DISTURBI DA
STRESS POSTPOST-TRAUMATICO:
COSA FARE?
Televisione e giornali contribuiscono non
poco ad aggravare la situazione con un
allarmismo quotidiano e immagini
angoscianti che vanno a sedimentarsi nella
mente della gente.
Siamo tutti colpiti da sindrome da stress
post-traumatico?
Marco Tyrolt
VOLONTARIATO E DISTURBI DA
STRESS POSTPOST-TRAUMATICO:
COSA FARE?
Per il soccorritore sottoposto a situazioni
post-traumatiche, un utile difesa è:
L’autoprotezione è una regola
fondamentale da tenere sempre
presente: bisogna proteggere sé stessi
e salvaguardare la propria incolumità
mentale per tutelarsi,tutelare i colleghi
ed operare nei confronti della
collettività.
Marco Tyrolt
VOLONTARIATO E DISTURBI DA
STRESS POSTPOST-TRAUMATICO:
COSA FARE?
E’ quindi necessario condividere le proprie
esperienze con altri,
altri apprendere sia dai
propri che dagli altrui successi e fallimenti,
confidare nelle proprie capacità
conoscendone i limiti e, nelle situazioni
difficili, non vergognarsi di chiedere aiuto
perché è naturale che i soccorritori prima
d’incoraggiare e sostenere le vittime di
disastri hanno bisogno di rafforzare sé
stessi.
Marco Tyrolt
I SOSTEGNI OFFERTI DAL VOLONTARIO
I volontari di protezione civile esplicano un servizio verso la
popolazione attraverso l’offerta di quattro tipi di sostegni.
Il sostegno cognitivo è fornito da una pertinente e
tempestiva offerta delle informazioni di cui l’utente ha
bisogno per capire e per prendere decisioni che lo
riguardano (consenso informato).
Il sostegno cognitivo è caratterizzato da:
- attenzione e cura sul contenuto da trasmettere.
Bisogna dare una chiara definizione del
problema: natura, gravità, serietà, durata, estensione.
- rispetto delle regole di cooperazione e di cortesia.
Marco Tyrolt
Regole di cooperazione conversazionale
Regole di quantità: dare informazioni sufficienti affinché
l’interlocutore comprenda la situazione
Regole di qualità: affermare cose credibili, veritiere,
basate su dati certi e conosciuti
Regole di relazione: essere pertinenti, rispondere alle
domande, rimanere nel tema che si sta trattando senza
cambiare argomento, divagare o generalizzare
Regole di modo: parlare in modo conciso, semplice e
chiaro, comprensibile per l’utente
Marco Tyrolt
Regole di cortesia
Non ti imporre
Metti l’interlocutore a suo agio
Lascia all’interlocutore una via
d’uscita
Marco Tyrolt
Il sostegno valutativo
Il sostegno valutativo è dato
dall’osservazione esperta della gravità di
quanto sta per accadere e delle azioni da
intraprendere.
Per fornire questo sostegno è importante
rimanere lucidi nel valutare le distorsioni
cognitive, gli errori logici, i pregiudizi.
Marco Tyrolt
IL SOSTEGNO STRUMENTALE
Il sostegno strumentale chiede ai volontari
di protezione civile di suggerire o di
fornire agli utenti gli strumenti necessari per
affrontare quanto sta per accadere
Marco Tyrolt
IL SOSTEGNO EMOTIVO
Il sostegno emotivo è indispensabile per
comprendere gli stati d'animo, le emozioni delle
persone e aiutarle a gestire l’ansia.
I fattori ansiogeni possono essere valutati o come
minaccia o come sfida, secondo le opzioni di
gestione a disposizione.
I sostegni emotivi tendono a stimolare le energie
per affrontare ciò che si può e deve affrontare ed
a dare sollievo quando l’evento catastrofico non
può essere né modificato né controllato.
Marco Tyrolt
GRAZIE
DELL’ATTENZIONE
Dott. Marco Tyrolt
[email protected]
Fly UP