...

La creazione di valore nelleconomia dimpresa

by user

on
Category: Documents
6

views

Report

Comments

Transcript

La creazione di valore nelleconomia dimpresa
LA CREAZIONE DI VALORE
PER L’IMPRESA
L’ottica tradizionale
1
L’impresa si trova al centro di una complessa catena di
giudizi di valore:
Costo
• Clienti
• Fornitori
• Dipendenti
• Finanziatori
• Stato
Qualità
dei prodotti
Sopravvivenza dell’impresa
Sacrifici richiesti
Ricompense Adeguate a
ricevute
ROE
vale
Impegno profuso
RISCHIO loro richiesto
Etica
funzione
Sociale
Ambientale
dell’azienda
2
CREARE VALORE
Significa:
realizzare qualche cosa che
“valga la pena”, cioè che
meriti gli sforzi, le energie, le
risorse impiegate per
ottenerla
3
Principi fondamentali della
Creazione di Valore
3
1
La creazione di
valore vale per
qualsiasi tipo di
azienda
La creazione di valore è
istanza che manifestano tutti
i suoi interlocutori
(stakeholders)
2
La creazione di
valore è la
ragion d’essere
dell’azienda
4
ORIGINI della teoria della
Creazione di Valore
ANNI ‘80
USA
Motivo:
Critica al sistema delle Public Companies
Per:
Perdita di
competitività
1
2
Insoddisfacente
livello di
redditività
5
ORIGINI della teoria della
Creazione di Valore
Perchè in tante imprese i meccanismi e
gli strumenti decisionali non erano
indirizzati verso l’obiettivo di creare
valore per gli azionisti?
1
Inadeguatezza del metodo
tradizionale di misura
delle prestazioni (ROE)
2
Errati sistemi di
incentivazione al
management
3
Ricerca della crescita
a tutti i costi
6
ORIGINI della teoria della
Creazione di Valore
...CONSEGUENZE
Sviluppo di principi di governo delle imprese orientati a:
• Creazione
• Implementazione
• Perseguimento
Mercatistico
del VALORE
Economico
Finanziario
7
VALORE MERCATISTICO
Soddisfacimento delle esigenze
del cliente/ utente per
PREZZO
QUALITA’
FUNZIONALITA’
C.R.M.
8
VALORE PER GLI AZIONISTI
(finanziario)
CONCETTO
Capacità di soddisfare
MEGLIO delle altre imprese le
esigenze degli azionisti
NON
MASSIMIZZAZIONE
MA:
OTTIMIZZAZIONE
9
VALORE PER GLI AZIONISTI/
VALORE ECONOMICO
MAX UTILE + ∆ VALORE AZIONI
Ottica di breve periodo
Ottica di lungo periodo
OTTICA
FINANZIARIA
Unità di misura EVA
10
Il VALORE DEL CAPITALE ECONOMICO
IRVING FISHER:
“Per il proprietario di un
certo capitale il reddito
totale è pari alla somma tra:
Il reddito realizzato
L’apprezzamento del
capitale”
11
Il VALORE DEL CAPITALE ECONOMICO
REDDITO PER L’AZIONISTA:
DIVIDENDO
+
VARIAZIONE DI VALORE
DEL CAPITALE
Necessità di misurare in modo
corretto il VALORE
ECONOMICO del capitale
12
Il VALORE DEL CAPITALE ECONOMICO
PRINCIPI
Il VALORE del capitale economico deve essere
• Razionale
Assicurare la sopravvivenza dell’impresa
• Condiviso
Soddisfare le esigenze degli stakeholders
• Stimolante
Stimolare mentalità aggressiva (benchmarking)
• Misurabile
L’azienda e i suoi risultati possono essere valutati
13
Misure del CAPITALE
ECONOMICO
Grandezza fondamentale:
REDDITO
VANTAGGI:
misura di sintesi
Fatti interni
Fatti esterni
 identifica componenti
di gestione
Ricavi
Costi
 collegamento con determinanti del valore
- Volumi, mix, prezzi
- Efficienza personale
- Efficienza impianti ecc.
collega il risultato economico con la dinamica finanziaria
14
I FATTORI CHIAVE DETERMINANTI DEL VALORE
W
Valore potenziale cap. ec.
i
W
∆W
Valore odierno del cap. ec.
Valore delle opportunità di crescita
R
n
Legenda:
ROE = tasso di rendimento del capitale
investito
i = costo del capitale
(ROE - i) = tasso di profitto (spread)
g
ROE-i
n
R = reddito medio atteso (valore annuale)
p = tasso di ritenzione dell’utile (1 – p =
payout)
n = durata delle spread
15
C = capitale investito
I fattori chiave determinanti del
valore
Valore potenziale del CAPITALE ECONOMICO
Dimensione
statica
Valore odierno del
CAPITALE ECONOMICO
(W)
W
Dimensione
dinamica
Potenzialità di crescita del
CAPITALE ECONOMICO
(ΔW)
16
Valore attuale del
CAPITALE ECONOMICO
(W)
COMPONENTI DI SINTESI:
1)
2)
TASSO DI CAPITALIZZAZIONE (i) Costo del capitale
RENDIMENTO MEDIO ATTESO (R)
Tasso di rendimento del capitale proprio
(ROE)
Capitale investito (C)
3)
DURATA attribuibile al reddito atteso (n)
17
Potenzialità di crescita del
CAPITALE ECONOMICO
(ΔW)
DETERMINANTI DEGLI INDIRIZZI STRATEGICI
Si ricollegano ai
DETERMINANTI DELLA CREAZIONE DI VALORE
TASSO DI
PROFITTO Tp
(ROE-i)
DURATA DEL
PROFITTO n
TASSO DI
CRESCITA DEL
CAPITALE
PROPRIO g 18
REGOLE DI COMPORTAMENTO
-Al crescere del tasso di profitto (ROE – i) cresce
il valore del capitale economico
-Più alto è il tasso g di crescita più alto è il valore
del capitale economico se (ROE – i) è positivo.
Più basso se (ROE – i) è negativo
- Maggiore è la durata del profitto (n) maggiore è
il valore del capitale economico se (ROE – i) è
positivo. Minore se esso è negativo
19
Misura del valore economico
creato dall’impresa
FORMULA DI BASE
n
Rn   ds Vs  Wn Vn  Wo   Cs Vs
1
Legenda:
Rn
ds
= dividendi dell’anno S
Wn
Wo
C
= ricchezza (valore) prodotta nel periodo t – tn
= valore finale (al tempo n) dell’impresa
= valore attuale (al tempo 0) dell’impresa
s
Vs Vn
= aumento del capitale a pagamento nel tempo S
= fattori di attualizzazione (al tasso i)
20
Politiche e strategie influenti sui fattori chiave del valore
Ricerca del
VANTAGGIO
COMPETITIVO
Strategie di LEADERSHIP
COSTO
:
Politiche di risk
management
Politiche di
marketing
Δ
Quota di
mercato
FOCALIZZAZIONE
Vendite
Tasso di
capitalizzazione
i
DIFFERENZIAZIONE
21
Fly UP