...

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma

by user

on
Category: Documents
2

views

Report

Comments

Transcript

Ordine degli Ingegneri della Provincia di Roma
CONSIGLIO DI DISCIPLINA
PRESSO L’ORDINE DEGLI INGEGNERI
DELLA PROVINCIA DI ROMA
Istituito con provvedimento del Presidente del Tribunale di Roma Prot. 7044/2013 del 30.05.2013
Regolamento di procedura del Consiglio di Disciplina
Vista la L. 1395/1923
Visto il R. D. 2537/1925
Visto il D. Lgs. Lgt. 382/1944
Vista la L. 536/1949
Vista la L. 241/90 e s.m.i.
Visto il D.P.R. 328/01
Visto il D.Lgs. 196/03
Visto il D.P.R. 169/05
Visto il D.P.R. 137/2012
Visto il Regolamento per la Designazione dei componenti i Consigli di Disciplina territoriale
degli Ordini degli Ingegneri, pubblicato sul Bollettino Ufficiale del Ministero di Giustizia n. 22
del 30/11/2012;
Vista la designazione dei componenti del Consiglio di Disciplina da parte del Presidente del
Tribunale Ordinario di Roma, prot. 6019 del 30/05/2013 ed il verbale di insediamento del
17.6.2013;
Viste le indicazioni generali per la trattazione dei giudizi disciplinari, fornite dal CNI nel
28.4.2014 con Circolare 366/XVIII Sess., ove, nel fornire indicazioni di carattere pratico, viene
espressamente specificato che rimane ferma “l’autonomia dei Consigli di Disciplina in materia
disciplinare”;
Vista la necessità di regolamentare aspetti procedurali del Consiglio di Disciplina, non previsti
in alcun modo dalle vigenti disposizioni di legge e dalle stesse indicazioni generali del CNI,
anche coerentemente con la giurisprudenza della Corte di Cassazione relativa ad aspetti
disciplinari;
tutto ciò premesso,
Il Consiglio di Disciplina dell’Ordine degli Ingegneri nella seduta del 10 dicembre 2014
approva il seguente
Pag. 1
00185 Roma – Piazza della Repubblica 59
Tel. 06 48.79.311 – Fax 06 48.79.31.223
e-mail: [email protected] – www.ording.roma.it
CONSIGLIO DI DISCIPLINA
PRESSO L’ORDINE DEGLI INGEGNERI
DELLA PROVINCIA DI ROMA
Istituito con provvedimento del Presidente del Tribunale di Roma Prot. 7044/2013 del 30.05.2013
Regolamento
per il funzionamento del Consiglio di Disciplina e dei Collegi
Art. 1 - Giudizio Disciplinare
1.Il Consiglio di Disciplina, attraverso i Collegi, è chiamato a esprimersi sui comportamenti
non conformi alle norme del Codice Deontologico vigente all'epoca degli illeciti che gli iscritti
abbiano commesso nell’esercizio della professione.
2.L’azione disciplinare può trarre origine su iniziativa delle parti che vi abbiano interesse, su
richiesta del Pubblico Ministero o comunque d’ufficio in seguito a notizie di abusi e mancanze
commessi dagli iscritti, su iniziativa del Presidente del Consiglio di Disciplina, su indicazioni
del Presidente dell’Ordine o su decisione del Consiglio di disciplina.
Art. 2 - Consiglio e Collegi di disciplina
1.Le funzioni di Presidente del Consiglio di disciplina sono svolte dal componente
con
maggiore anzianità d'iscrizione all’Albo o, quando vi sia anche un solo componente non
iscritto all’Albo, dal componente con maggiore anzianità anagrafica.
2.Le funzioni di Segretario del Consiglio di disciplina sono svolte dal componente con minore
anzianità d'iscrizione all'albo o, quando vi sia anche un solo componente non iscritto all’Albo,
dal componente con minore anzianità anagrafica.
3.Nel Consiglio di disciplina è prevista l’articolazione interna in Collegi di disciplina, composti
ciascuno da tre Consiglieri, la cui assegnazione è stabilita dal Presidente del Consiglio di
disciplina.
4.Ogni Collegio di disciplina è presieduto dal Consigliere con maggiore anzianità d’iscrizione
all’Ordine, ovvero, quando siano presenti membri non iscritti all’Ordine, dal Consigliere con
maggiore anzianità anagrafica.
5.Le funzioni di Segretario del Collegio di disciplina sono svolte dal Consigliere con minore
anzianità d’iscrizione all’Ordine ovvero, quando siano presenti membri non iscritti all’Ordine,
dal Consigliere con minore anzianità anagrafica.
Pag. 2
00185 Roma – Piazza della Repubblica 59
Tel. 06 48.79.311 – Fax 06 48.79.31.223
e-mail: [email protected] – www.ording.roma.it
CONSIGLIO DI DISCIPLINA
PRESSO L’ORDINE DEGLI INGEGNERI
DELLA PROVINCIA DI ROMA
Istituito con provvedimento del Presidente del Tribunale di Roma Prot. 7044/2013 del 30.05.2013
6.Le funzioni di Presidente e di Segretario del Consiglio e dei Collegi vengono formalizzate,
oltre che nel verbale di insediamento del Consiglio di Disciplina, dal Presidente del Consiglio
di Disciplina in caso di subentro di un componente supplente.
7.In caso di impedimento temporaneo di un componente di un Collegio di Disciplina, esso può
essere sostituito da un componente di un altro Collegio, ed in questo caso la composizione del
Collegio dovrà tener conto dei principi di cui ai precedenti commi per l'individuazione del
Presidente e del Segretario.
8.Per tutto il procedimento disciplinare, fin dalla fase preliminare dell’audizione informale e
dalla convocazione per morosità, non può essere mutata la composizione del Collegio di
Disciplina.
Art. 3 - Sanzioni
1.Il Collegio può pronunciare contro gli iscritti all’albo, tenuto conto della gravità del fatto,
una delle seguenti sanzioni, adeguata e proporzionata alla violazione delle norme
deontologiche:
a) avvertimento;
b) censura;
c) sospensione dall’esercizio della professione per un tempo non maggiore di mesi sei;
d) sospensione a tempo indeterminato per morosità;
e) cancellazione dall’albo.
a) – Avvertimento
La sanzione dell’avvertimento consiste in un richiamo scritto comunicato
all’interessato
sull’osservanza dei suoi doveri ed in un invito a non ripetere quanto commesso. Viene inflitta
nei casi di abusi o mancanze di lieve entità che non hanno comportato riflessi negativi sul
decoro e sulla dignità della professione.
b) – Censura
La sanzione della censura consiste in una formale dichiarazione di biasimo, notificata al
colpevole a mezzo di ufficiale giudiziario. E’ inflitta nei casi di abusi o di mancanze lesivi del
decoro e della dignità della professione.
Pag. 3
00185 Roma – Piazza della Repubblica 59
Tel. 06 48.79.311 – Fax 06 48.79.31.223
e-mail: [email protected] – www.ording.roma.it
CONSIGLIO DI DISCIPLINA
PRESSO L’ORDINE DEGLI INGEGNERI
DELLA PROVINCIA DI ROMA
Istituito con provvedimento del Presidente del Tribunale di Roma Prot. 7044/2013 del 30.05.2013
c) – Sospensione
La sospensione consiste nell’inibizione all’esercizio della professione e consegue di diritto nel
caso previsto e regolato dagli articoli 19 e 35 del Codice Penale per tutto il tempo stabilito nel
provvedimento del giudice che l’ha comminata. La sanzione della sospensione dall’esercizio
della professione è, invece, inflitta fino al massimo di sei mesi per violazioni del codice
deontologico, che possano arrecare grave nocumento ad utenti/clienti o ad altro iscritto all’albo.
d) – Sospensione a tempo indeterminato per morosità
La sanzione della sospensione dall’esercizio della professione è inflitta a tempo indeterminato
ex art. 2 L. 3 agosto 1949 n. 536, in caso di procedimento disciplinare per mancato pagamento
di una o più annualità di iscrizione all'albo, fino a che l’iscritto non provveda a sanare la propria
posizione, versando i contributi non pagati.
e) – Cancellazione
La cancellazione dall’albo consegue di diritto nel caso di interdizione dalla professione previsto
e regolato dagli artt. 19 comma 1. n. 2, 30 e 31 del Codice Penale per l’intera durata
dell’interdizione stabilita nel provvedimento del giudice che l’ha comminata. La sanzione della
cancellazione dall’albo viene, altresì, inflitta nei casi di violazione del codice deontologico e/o
di comportamento non conforme al decoro ed alla dignità della professione, di gravità tali da
rendere incompatibile la permanenza nell’albo. In caso di cancellazione rimane fermo l’obbligo
per l’incolpato di corrispondere i contributi dovuti per il periodo in cui è stato iscritto all’albo.
2. Le sanzioni di sospensione dall’esercizio della professione e di cancellazione dall’albo, a
seguito del provvedimento disciplinare per motivi deontologici, comportano la cessazione
dell’attività professionale in corso.
3.Nel caso di condanna alla reclusione e alla detenzione, il Consiglio di disciplina, a seconda
delle circostanze, previa assegnazione della questione ad un Collegio, comunica al Presidente
dell’Ordine di disporre la cancellazione dall’albo o pronunciare la sospensione; quest’ultima ha
sempre luogo ove sia stato emesso ordine di custodia cautelare o arresti domiciliari e fino alla
loro revoca.
4.Qualora si tratti di condanna che impedirebbe l’iscrizione nell’albo, è sempre ordinata la
cancellazione dal medesimo.
Pag. 4
00185 Roma – Piazza della Repubblica 59
Tel. 06 48.79.311 – Fax 06 48.79.31.223
e-mail: [email protected] – www.ording.roma.it
CONSIGLIO DI DISCIPLINA
PRESSO L’ORDINE DEGLI INGEGNERI
DELLA PROVINCIA DI ROMA
Istituito con provvedimento del Presidente del Tribunale di Roma Prot. 7044/2013 del 30.05.2013
5.Nei casi di sospensione obbligatoria e di condanna che impedirebbero l’iscrizione, i relativi
provvedimenti sono adottati d’ufficio dal Consiglio di disciplina, previa assegnazione della
questione ad un Collegio, anche su segnalazione dell’Ordine, senza attivare apposito
procedimento disciplinare.
Art. 4 – Pubblicità
1.L’avvertimento è comunicato all’iscritto dal Presidente del Collegio, con mezzi idonei aventi
piena ed effettiva efficacia relativamente alla ricevibilità, ed inviata, per conoscenza, al
Presidente del Consiglio di Disciplina ed al Presidente dell’Ordine.
2.La censura, la sospensione e la cancellazione dall’albo sono notificate all’iscritto dal
Presidente del Collegio per mezzo dell’ufficiale giudiziario ed inviate, per conoscenza, al
Presidente del Consiglio di Disciplina ed al Presidente dell’Ordine. I provvedimenti definitivi di
sospensione dall’esercizio professionale e di cancellazione dall’albo vengono inviati,
dall’Ordine, agli Enti ai quali viene trasmesso l’Albo.
3.La sospensione dall’esercizio della professione e la cancellazione dall’albo sono rese
pubbliche dall’Ordine mediante annotazione sull’Albo Unico nazionale, previsto dal DPR
137/2012.
Art. 5 – Contributo iscrizione all’Ordine
1.Il contributo annuo dovuto dagli iscritti all’albo è determinato dal Consiglio dell'Ordine ai
sensi degli artt. 18 e 37 del R. D. 2537/1925.
Art. 6 – Morosità
1.A seguito della procedura amministrativa dell’Ordine relativa alla morosità, ed a seguito del
deferimento dell'iscritto al Consiglio di Disciplina per l’apertura del procedimento disciplinare,
il Presidente del Collegio comunica all'incolpato, a mezzo di ufficiale giudiziario, con almeno
15 gg di preavviso, l’apertura del procedimento disciplinare, avvisandolo delle modalità di
presa visione degli atti e della possibilità di farsi assistere da un difensore, comunicando la data
in cui dovrà comparire dinanzi al Collegio.
Pag. 5
00185 Roma – Piazza della Repubblica 59
Tel. 06 48.79.311 – Fax 06 48.79.31.223
e-mail: [email protected] – www.ording.roma.it
CONSIGLIO DI DISCIPLINA
PRESSO L’ORDINE DEGLI INGEGNERI
DELLA PROVINCIA DI ROMA
Istituito con provvedimento del Presidente del Tribunale di Roma Prot. 7044/2013 del 30.05.2013
2.Qualora la comunicazione risulti infruttuosa, si verifica se sia valida l’applicabilità della
presunzione di arrivo a destinazione per compiuta giacenza ed, in difetto, si procede a notifica
con le modalità indicate dagli artt. 140 e seguenti del c.p.c.
3.Il procedimento disciplinare, nel caso in cui persista la morosità al momento della
convocazione dell'iscritto, si conclude con la sospensione dell’iscritto medesimo a tempo
indeterminato ex art. 2 legge 3 agosto 1949 n. 536, e fino a che l’iscritto non provveda a sanare
la propria posizione, versando i contributi non pagati.
4.L'esito del procedimento disciplinare viene trasmesso all'Ordine, per poter procedere agli
adempimenti amministrativi legati alla comunicazione della sospensione.
5.In caso di richiesta di rateazione del contributo di iscrizione all'Albo, nel caso di mancato
pagamento di più annualità, la richiesta di rateazione viene comunicata al Tesoriere dell'Ordine
per valutare la richiesta; in caso di esito favorevole della richiesta di rateazione, il procedimento
disciplinare rimane sospeso fino all'avvenuto pagamento delle rate. In caso di mancato
pagamento di una o più rate, l'iscritto viene deferito nuovamente al Consiglio di Disciplina, che
commina, senza concedere altre rateazioni, la misura della sospensione a tempo indeterminato
ex art. 2 legge 3 agosto 1949 n. 536, e fino a che l’iscritto non provveda a sanare la propria
posizione.
6.In caso di cancellazione, ove l’interessato richieda nuova iscrizione, oltre ad avere sanato la
morosità per il periodo che ha dato luogo alla cancellazione, deve anche dimostrare il possesso
di tutti i requisiti previsti dalla normativa vigente al momento della richiesta.
7.I contributi non versati, le relative penalità e gli eventuali costi aggiuntivi costituiscono crediti
dell’Ordine esigibili nelle forme di legge anche in caso di trasferimento dell’interessato ad altro
Ordine, di sospensione, di cancellazione.
Art. 7 - Competenza territoriale
1.Il procedimento disciplinare è di competenza del Consiglio di Disciplina presso l’Ordine nel
cui albo il professionista è iscritto.
Pag. 6
00185 Roma – Piazza della Repubblica 59
Tel. 06 48.79.311 – Fax 06 48.79.31.223
e-mail: [email protected] – www.ording.roma.it
CONSIGLIO DI DISCIPLINA
PRESSO L’ORDINE DEGLI INGEGNERI
DELLA PROVINCIA DI ROMA
Istituito con provvedimento del Presidente del Tribunale di Roma Prot. 7044/2013 del 30.05.2013
Art. 8 - Incompatibilità
1.Le incompatibilità dei componenti del Consiglio di Disciplina sono quelle regolate all'art. 3
del Regolamento per la Designazione dei componenti i Consigli di Disciplina territoriale degli
Ordini degli Ingegneri, pubblicato sul Bollettino Ufficiale del Ministero di Giustizia n. 22 del
30/11/2012, cui si rinvia.
2.Qualora l’incolpato sia un Consigliere dell’Ordine o un componente del Consiglio di
Disciplina, ovvero il denunciante sia un Consigliere dell’Ordine o un componente del Consiglio
di Disciplina e l’interessato sia iscritto al medesimo Ordine, il procedimento disciplinare rimane
di competenza del Consiglio di Disciplina presso il medesimo Ordine; qualora il procedimento
riguardi un componente del Consiglio di Disciplina, la questione verrà esaminata da un
Collegio diverso da quello ove sia presente l’incolpato.
Art. 9 - Struttura e uffici del Consiglio di Disciplina
1.I compiti di segreteria e di assistenza all’attività del Consiglio di disciplina sono svolti dal
personale dei Consiglio dell’Ordine.
2.I componenti del Consiglio di Disciplina dovranno attenersi agli orari ed alle regole
organizzative dell’Ordine relativamente agli uffici ed ai dipendenti.
Art. 10 - Impulso dell'azione disciplinare e assegnazione della pratica
1.L’azione disciplinare, avente origine su iniziativa delle parti che vi abbiano interesse, su
richiesta del Pubblico Ministero o comunque d’ufficio in seguito a notizie di abusi e mancanze,
viene verificata preliminarmente dal Presidente del Consiglio di Disciplina.
2.In caso di richieste generiche, ove non siano precisati il nominativo dell'iscritto o l'esposto
pervenga attraverso email non certificata, il Presidente del Collegio di Disciplina, attraverso la
segreteria del Consiglio di Disciplina, richiede all'esponente gli elementi necessari per poter
avere una provenienza certa dei dati dell'esponente e le generalità dell'incolpato, e comunque
ogni ulteriore informazione ritenuta necessaria.
Pag. 7
00185 Roma – Piazza della Repubblica 59
Tel. 06 48.79.311 – Fax 06 48.79.31.223
e-mail: [email protected] – www.ording.roma.it
CONSIGLIO DI DISCIPLINA
PRESSO L’ORDINE DEGLI INGEGNERI
DELLA PROVINCIA DI ROMA
Istituito con provvedimento del Presidente del Tribunale di Roma Prot. 7044/2013 del 30.05.2013
3.Qualora si apprenda che a carico dell’iscritto sia stata adottata una sentenza di condanna,
spetterà al Presidente del Collegio di disciplina esperire le iniziative più opportune per
verificare l’esattezza della notizia ai fini di una sua valutazione in sede disciplinare.
4.Il Presidente del Consiglio di Disciplina, esaminati gli elementi su cui si fonda l'azione
disciplinare, assegna la pratica ad uno dei Collegi.
Art. 11 – Presentazione degli esposti
Gli esposti possono essere inviati dai ricorrenti al Consiglio di Disciplina a mano, per posta
raccomandata o preferibilmente per email ordinaria o certificata.
Art. 12 -Apertura della pratica e fase preliminare
1.A seguito dell’assegnazione della questione disciplinare, il Presidente del Collegio di
disciplina è il titolare del potere esercitato nella fase preliminare dell’istruttoria.
2.L’azione del Collegio di Disciplina deve tendere all’accertamento dei fatti e delle circostanze
che costituiscono violazione alle norme deontologiche.
3.Il Collegio assumerà tutte le informazioni che reputerà opportune per lo svolgimento delle
indagini stesse e, se necessario, potrà accedere ad uffici pubblici per estrazione della
documentazione utile e, se del caso, ricorrendo, attraverso l’intervento del Procuratore della
Repubblica, agli organi di polizia giudiziaria. In questa fase può anche sentire il professionista
indagato al fine di trarre utili elementi, ed tal fine convoca a mezzo raccomandata a/r il
professionista, comunicando l’oggetto della vertenza, la parte attrice e la data di presentazione
dell’esposto, avvisandolo della possibilità di prendere visione del fascicolo che lo riguarda ed,
eventualmente, di presentarsi all’incontro fissato accompagnato da un difensore.
4.Qualora la comunicazione risulti infruttuosa per mancata ricezione della lettera raccomandata
da parte dell’interessato, si verifica se sia valida l’applicabilità della presunzione di arrivo a
destinazione per compiuta giacenza ed, in difetto, si procede a notifica con le modalità indicate
dagli artt.140 e seguenti del c.p.c.
5.Dell’audizione deve essere redatto verbale sottoscritto da tutti i presenti.
Pag. 8
00185 Roma – Piazza della Repubblica 59
Tel. 06 48.79.311 – Fax 06 48.79.31.223
e-mail: [email protected] – www.ording.roma.it
CONSIGLIO DI DISCIPLINA
PRESSO L’ORDINE DEGLI INGEGNERI
DELLA PROVINCIA DI ROMA
Istituito con provvedimento del Presidente del Tribunale di Roma Prot. 7044/2013 del 30.05.2013
6.L’incolpato ha possibilità di produrre ulteriore documentazione e memorie difensive. A tal
fine gli viene assegnato un termine non superiore a trenta giorni.
Art. 13 - Contumacia incolpato
1.Nel caso in cui l’incolpato non si presenti senza giustificato motivo, si procederà in sua
assenza, una volta accertata la regolarità della comunicazione nei suoi confronti e l’iscritto
risulti irreperibile al domicilio/residenza comunicati all’Ordine.
Art. 14 - Deliberazioni del Collegio
1.Il Collegio di Disciplina, alla luce dell’istruttoria effettuata provvede a deliberare il “non
luogo a procedere” e l'archiviazione ovvero l’apertura del procedimento disciplinare,
individuando tra i componenti del Collegio un relatore, e, attraverso gli uffici dell'Ordine,
citando formalmente l’incolpato, a mezzo di ufficiale giudiziario.
Art. 15 - Merito tecnico
1.Nel valutare se ricorrano i presupposti per procedere all’apertura del procedimento
disciplinare il Collegio di disciplina, non entra nel merito tecnico della prestazione resa dal
professionista oggetto dell’esposto, mentre sussiste piena libertà di valutare i medesimi
accadimenti nell'ottica dell'illecito disciplinare.
Art. 16 – Denuncia di inizio attività in materia edilizia
1.Nel caso in cui il procedimento disciplinare debba essere aperto in seguito a comunicazioni
del Comune denuncianti l’irregolarità nella sottoscrizione di una D.I.A. ex D.P.R. 380/01, si
osservano le norme indicate nel presente regolamento ma, ove possibile, semplificate.
2.In particolare, può essere ritenuta sufficiente, a giudizio del Collegio, la trasmissione via
posta, fax o e-mail di documenti giustificativi da parte del professionista interessato ed idonei a
definire la questione disciplinare.
Pag. 9
00185 Roma – Piazza della Repubblica 59
Tel. 06 48.79.311 – Fax 06 48.79.31.223
e-mail: [email protected] – www.ording.roma.it
CONSIGLIO DI DISCIPLINA
PRESSO L’ORDINE DEGLI INGEGNERI
DELLA PROVINCIA DI ROMA
Istituito con provvedimento del Presidente del Tribunale di Roma Prot. 7044/2013 del 30.05.2013
Art. 17 - Pendenza di altro procedimento giudiziario
1.Nel caso in cui per gli stessi fatti oggetto della vertenza deontologica penda un procedimento
penale, il Collegio, ai sensi dell’art. 653 del c.p.p., può deliberare di sospendere l’esame della
pratica in attesa di conoscere l’esito del relativo procedimento.
2. Anche nel caso in cui penda procedimento civile o amministrativo tale sospensione è
facoltativa.
Art. 18 - Astensione e ricusazione
Ogni componente del Collegio di disciplina che si trovi in una condizione di conflitto di
interessi, anche ai sensi degli artt. 51 e 52 del Codice di procedura civile, ha l’obbligo di
astenersi dalla trattazione del procedimento che determina tale condizione, dandone immediata
comunicazione al Presidente del Consiglio di disciplina; quest’ultimo procederà alla
assegnazione della pratica ad altro Collegio, al fine di eliminare il conflitto di interesse.
Art. 19 - Comunicazioni all’incolpato
1.Il Presidente del Collegio comunica all'incolpato, a mezzo di ufficiale giudiziario, con almeno
15 gg di preavviso, l’apertura del procedimento disciplinare, riassumendo i fatti che gli
vengono addebitati e gli articoli del codice deontologico che si assumono violati, avvisandolo
delle modalità di presa visione degli atti e della possibilità di farsi assistere da un difensore,
comunicando il nome del relatore e la data in cui dovrà comparire dinanzi al Collegio.
2.Qualora la notifica risulti infruttuosa, si verifica se siano valida l’applicabilità della
presunzione di arrivo a destinazione per compiuta giacenza ed, in difetto, si procede a notifica
con le modalità indicate dagli artt.140 e seguenti del c.p.c.
Art. 20 - Udienza
1.Nel giorno stabilito e indicato nel decreto di citazione si svolge la discussione in ordine ai
fatti oggetto del procedimento, con verbalizzazione della seduta, e con l’intervento del Relatore
ed Incolpato oppure un suo legale di fiducia, con la modalità dei procedimenti in camera di
consiglio.
Pag. 10
00185 Roma – Piazza della Repubblica 59
Tel. 06 48.79.311 – Fax 06 48.79.31.223
e-mail: d[email protected] – www.ording.roma.it
CONSIGLIO DI DISCIPLINA
PRESSO L’ORDINE DEGLI INGEGNERI
DELLA PROVINCIA DI ROMA
Istituito con provvedimento del Presidente del Tribunale di Roma Prot. 7044/2013 del 30.05.2013
2.Terminata la discussione, il Collegio di disciplina adotta la decisione sul merito, subito
oppure in un secondo tempo, eventualmente anche per l’esigenza sopravvenuta di nuovi
accertamenti.
Art. 21 - Deliberazioni finali
1.Le sanzioni sono deliberate dal Collegio all’esito del procedimento disciplinare.
2.Il Collegio, con voto espresso, delibera l’archiviazione se gli addebiti risultano infondati,
ovvero l’eventuale sanzione da infliggere.
3.Il provvedimento va preso su fatti accertati e non su convincimenti o sospetti.
4.Il provvedimento deve contenere il nome dell'Autorità emanante, del Professionista incolpato,
l'oggetto dell’imputazione, contestazione degli addebiti ed elementi a discolpa portati
dall’interessato, i motivi su cui si fonda l’atto, il dispositivo con la specificazione della sanzione
inflitta,giorno, mese e anno in cui è stata pronunciata e sottoscrizione del Presidente e del
Segretario del Collegio.
5.Il verbale della seduta decisoria, nel caso in cui uno dei tre componenti del Collegio sia
dissenziente, potrà far verbalizzare il suo dissenso, e la decisione sarà presa comunque a
maggioranza.
6.Il provvedimento deve essere adeguatamente motivato con indicazione dei presupposti di
fatto e delle ragioni di diritto che lo hanno determinato, in relazione alle risultanze
dell’istruttoria.
Art. 22 - Impugnazioni
1.Contro il provvedimento di irrogazione della sanzione l’incolpato può proporre ricorso al
Consiglio Nazionale ai sensi delle vigenti disposizioni.
Art. 23 -Pubblicità e comunicazioni
1.La deliberazione che definisce il procedimento disciplinare viene comunicata al professionista
interessato entro 30 giorni dalla sua adozione dal Presidente del Collegio a mezzo lettera
raccomandata con ricevuta di ritorno indirizzata al domicilio risultante all’albo o al diverso
Pag. 11
00185 Roma – Piazza della Repubblica 59
Tel. 06 48.79.311 – Fax 06 48.79.31.223
e-mail: [email protected] – www.ording.roma.it
CONSIGLIO DI DISCIPLINA
PRESSO L’ORDINE DEGLI INGEGNERI
DELLA PROVINCIA DI ROMA
Istituito con provvedimento del Presidente del Tribunale di Roma Prot. 7044/2013 del 30.05.2013
domicilio a tale scopo indicato dal professionista, e inviate per conoscenza al Presidente del
Consiglio di Disciplina ed al Presidente del Consiglio dell’Ordine.
2.La comunicazione deve contenere l’esplicito avvertimento che il provvedimento può essere
impugnato con ricorso al Consiglio Nazionale entro 30 giorni dal ricevimento della
comunicazione.
3.Qualora la comunicazione risulti infruttuosa per mancata ricezione della lettera di
raccomandata da parte dell’interessato, si verifica se siano valida l’applicabilità della
presunzione di arrivo a destinazione per compiuta giacenza ed, in difetto, si procede a notifica
con le modalità indicate dagli artt.140 e seguenti del c.p.c.
Art. 24 - Custodia documenti e tutela della privacy
1.Tutti gli atti relativi ai procedimenti disciplinari sono custoditi presso l'Ordine secondo le
norme previste dal D.Lgs. 196/2003 e successive modificazioni.
Art. 25 - Ingegneri iscritti alla sez. B dell’Albo
1.Le norme del presente regolamento si applicano anche in caso di violazioni del Codice
Deontologico ad opera di professionisti iscritti alla sezione B dell’albo degli Ingegneri (ex
D.P.R. 328/01), e l’incolpato deve essere giudicato dal Collegio ove sia presente l'iscritto alla
sez. B dell’albo, in ossequio alle disposizioni dell’art. 9 del D.P.R. 169/05.
Art. 26 - Norme finali
1.Il presente Regolamento entra in vigore alla data della sua approvazione, abroga ogni
Regolamento precedente, e si applica a tutti i procedimenti disciplinari, compresi quelli
pendenti.
2.Il Consiglio di Disciplina trasmette il presente testo al Consiglio dell'Ordine, al fine di darne
opportuna conoscenza agli iscritti all’Albo.
Pag. 12
00185 Roma – Piazza della Repubblica 59
Tel. 06 48.79.311 – Fax 06 48.79.31.223
e-mail: [email protected] – www.ording.roma.it
Fly UP