...

Benvenuti 03-09.indd - Trento

by user

on
Category: Documents
8

views

Report

Comments

Transcript

Benvenuti 03-09.indd - Trento
Servizio per lo sviluppo e l'innovazione
del sistema scolastico e formativo
Ufficio di coordinamento pedagogico generale
Benvenuti
Benvenuti
F.I.O.R.E.
F.I.O.R.E.
FAMIGLIA, INFANZIA,
ORIENTAMENTI,
RIFLESSIONI EDUCATIVE
FAMIGLIA, INFANZIA,
ORIENTAMENTI,
RIFLESSIONI EDUCATIVE
PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO
Servizio per lo sviluppo e l’innovazione
del sistema scolastico e formativo
Benvenuti
PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO
Trento, 2009
© Provincia autonoma di Trento - 2009
Servizio per lo sviluppo e l’innovazione del sistema scolastico e formativo
A cura dell’Ufficio di coordinamento pedagogico generale
Miriam Pintarelli, Anna Tava
Collaborazione Ufficio Stampa
Coordinamento editoriale Silvia Vernaccini
Referenze fotografiche Scuole dell’infanzia provinciali:
Calavino - Palù di Giovo - Roveré della Luna - S. Michele a/Adige-Faedo - Terlago Trento-Madonna Bianca - Trento-S. Giuseppe - Trento-Solteri - Verla di Giovo
Progetto grafico ed impaginazione Palma & Associati
Stampa Litotipografia Alcione
BENVENUTI
/ a [cura dell’Ufficio di
coordinamento pedagogico generale, Miriam
Pintarelli, Anna Tava]. – Trento : Provincia
autonoma di Trento, 2009. – 96 p. : ill. ; 24
cm. – (FIORE)
Nome dei cur. dal verso del front.
ISBN 978-88-7702-239-4
1. Bambini - Educazione - Scuola materna
I Trento (Provincia). Ufficio di coordinamento
pedagogico generale I. Pintarelli, Miriam II.
Tava, Anna
372.218
Benvenuti è un saluto cordiale
ed è un modo di accogliere
che, anche nella vita di tutti i giorni,
sottolinea il piacere di un incontro,
di una conoscenza,
mette a proprio agio chi lo riceve
e dispone al piacere del mettersi in relazione.
Benvenuti è il titolo
che si è voluto mantenere
in questa nuova edizione del testo
perché è un messaggio
che apre un rapporto,
che qui riguarda i genitori
di bambini e bambine
che entrano per la prima volta
nella scuola dell’infanzia,
iniziando un percorso
di crescita
e di condivisione.
Sommario
Presentazione
8
Cominciamo a parlarne
11
Una tappa importante del diventare grandi
entrare a far parte di un ambiente nuovo
Le domande più frequenti sul separarsi e ritrovarsi
17
Dove il giorno scorre diverso che a casa
fatto di momenti vari e riconoscibili
Le domande più frequenti sul benessere
23
Si fa parte di una grande organizzazione
in cui comunicare e condividere
Le domande più frequenti sui comportamenti dei bambini
29
In un tempo che assume senso
accompagnati da rassicuranti routines
Le domande più frequenti sulla giornata a scuola
35
Dove i bambini imparano giocando
seriamente e divertendosi
Le domande più frequenti sul giocare
41
Nella cornice di un progetto educativo
coniugando il piacere al sapere
Le domande più frequenti sulla progettazione
47
Gestito da persone competenti e sensibili
professionisti affettuosi
Le domande più frequenti sulle relazioni adulto-bambino
53
Che conoscono i momenti più “fragili”
del sentirsi grandi oppure piccoli
Le domande più frequenti sul pasto e il sonno
59
Come il rimanere a scuola più a lungo
in quel tempo prolungato che è speciale
Le domande più frequenti sul tempo prolungato
65
Tutto questo e molto altro dentro
la grande organizzazione
della scuola dell’infanzia provinciale trentina
71
Appunti sulla scuola dell’infanzia
del mio bambino/bambina
nomi e numeri a portata di mano
87
Spazio alle note personali
88
20
26
32
38
44
50
56
62
68
Presentazione
Il primo Benvenuti
Era il 2002 quando venne l’idea di predisporre un
nacque nel 2002
opuscolo tutto centrato sull’esperienza di primo ingresso
dei bambini nella scuola dell’infanzia, sia come avvio
dell’anno scolastico, dove è tutta la scuola che si mette
in movimento, sia in corso d’anno, dove il bambino
trova un luogo già caratterizzato. Situazioni diverse, ma
pur sempre necessarie di attenzione e gradualità.
Ci stava a cuore l’obiettivo di far conoscere ai genitori
questo mondo prima ancora di farne realmente parte,
un po’ preparando il terreno, un po’ facilitando questa
nuova fase, che in alcuni casi rappresenta la prima
uscita dei bambini dal nucleo familiare, in altri di
passaggio dal nido verso un altro ambiente.
Da allora, Benvenuti è passato nelle mani di molti
genitori, è stato sfogliato, letto, commentato insieme
con gli insegnanti.
e oggi rinnova il
Oggi, Benvenuti arriva alla sua terza edizione, quella
proprio abito
che lo porta dentro la Collana F.I.O.R.E. nel frattempo
nata con lo stesso intento, quello di parlare di
argomenti che riguardano la crescita dei bambini.
Benvenuti è arrivato dunque nel suo posto ideale,
preceduto da altri lavori che hanno trattato temi
importanti - come l’alimentazione, l’autonomia, la
scoperta e l’esplorazione degli spazi, dentro e fuori la
scuola - e sicuramente seguito da altri che toccheranno
tematiche diverse.
Dentro F.I.O.R.E. non c’è un ordine stabilito, ogni testo
è a sé e al tempo stesso concatenato in una sorta
8
di discorso che continua, fatto di immagini e parole
che si incontrano con la potenza delle emozioni, delle
suggestioni, dei pensieri.
mantenendo però
Lo spirito che anima Benvenuti è quello di allora: dare
lo stesso spirito
un messaggio di accoglienza. Non sfiora neppure,
infatti, l’idea di esaurire l’universo delle possibili
questioni, ma rimane intatto il desiderio di far nascere
nei genitori, anche nel momento di primo incontro con
la scuola, la voglia di fare quella domanda in più che a
volte formulano solo dopo un po’ di tempo.
Benvenuti parla quindi della scuola, per come è,
pensa, si struttura, senza entrare nel dettaglio di
organizzazioni costruite e adattate sui particolari
contesti. Con la concretezza degli esempi e della
quotidianità ne dà un’immagine e va a cogliere le
domande più frequentemente poste dai genitori.
9
in un racconto
Il racconto inizia cercando di inquadrare che tipo di
che unisce la
esperienza è l’inserimento, quali dimensioni mette in
quotidianità e il
gioco. Spiega dunque situazioni e atteggiamenti ed
sistema-scuola
entra nel vivo di quei processi che inevitabilmente
accadono durante questa fase.
L’attenzione va poi alla descrizione di una giornata tipo,
con le ritualità che la rendono serena, l’organizzazione
che sa accogliere anche qualche imprevisto, le
esperienze e gli accorgimenti adottati, le proposte che
qualificano la scuola e, intorno a tutto ciò, le relazioni
che creano il piacere dello stare insieme.
Da ultimo, prospetta il quadro di riferimento, quella
cornice entro cui le scuole dell’infanzia si inseriscono.
Benvenuti procede così tra descrizione di momenti
e riflessioni che vogliono dare il senso del confronto
aperto tra scuola e famiglia. Alla fine, è uno strumento,
accanto agli altri pensati da ogni scuola, per alimentare
il dialogo attorno alle questioni che premono, l’inizio di
una conversazione che continuerà nella propria realtà
scolastica.
10
Cominciamo a parlarne...
L’inserimento
L’esperienza di primo inserimento nella scuola
riguarda bambini
dell’infanzia è qualcosa che riguarda solo i bambini?
e adulti
La fatica è unicamente loro?
Tutte quelle emozioni, anche contrastanti, lasciano
indenni gli adulti che li accompagnano?
Il nostro punto di vista è no!
Non è solo il bambino che comincia un percorso,
a volte atteso perché segna il diventare grandi;
c’è anche il genitore.
Il bambino scopre e in fondo si impadronisce di questo
luogo a mano a mano che lo esplora e lo fa suo, si lascia
trasportare gradualmente dal clima di piacere, di interesse
che trova attorno, ma anche il genitore ha bisogno fin da
subito di capire, di comprendere, di sapere.
E non è solo il genitore ad esserne coinvolto, ci sono
anche gli educatori in gioco.
in un processo
Parte allora da lontano quel lento “lavoro” di preparazione
di conoscenza
che porta a questa tappa; comincia con i primi contatti
che è base del
ancora nella fase di iscrizione, si rinforza nelle iniziative
camminare insieme
messe in atto dalla scuola per conoscere il nuovo gruppo
in ingresso, si concretizza nelle molte situazioni che in
qualche modo anticipano quello che sarà.
Da sempre, l’inserimento è nella mente degli adulti insegnanti e genitori - come un momento delicato, a cui
prestare la massima cura.
Un genitore sente il bisogno di fidarsi della scuola, che
viene percepita anche da come questa si presenta,
si lascia avvicinare. E la scuola sente il bisogno di
11
conoscere i genitori perché sono principalmente loro il
mondo che i bambini si portano appresso.
con obiettivi
Su queste premesse comuni partono le azioni: la scuola
comuni
si attiva verso i genitori dando vita a quegli incontri
che hanno il valore dello scambio, i genitori stessi si
muovono verso la scuola, chiedono le prime informazioni,
quelle basilari e partecipano agli appuntamenti promossi.
Da ambo le parti è centrale l’obiettivo di far vivere ai
bambini con serenità l’ingresso a scuola.
Il ripetersi ogni anno di questi appuntamenti mostra il
lento e reciproco capirsi tra scuola e famiglia. Sembrano
perciò non bastare mai gli strumenti e le occasioni che
danno una mano in tal senso.
Certo, in parte è il tempo che porta alla conoscenza
e alla familiarità, attraverso quel progressivo
aggiustamento dei rapporti sulle situazioni che si
presentano, ma in altra parte è anche il modo con cui si
comincia e si entra in contatto che aiuta a comprendersi.
e la volontà di
Lungo questo cammino lentamente si abbattono le
costruire relazioni
naturali incertezze dettate dal timore reciproco di
significative
fare passi falsi e si fa invece spazio l’abitudine alla
relazione quotidiana. Famiglia e scuola, che prima
non si conoscevano, ora arrivano a stringere legami
importanti. Nulla è però scontato dentro questo
percorso; c’è la difficoltà a “svelare” valori, scelte,
aspettative e ad armonizzare possibili diversità ancora
da scoprire fino in fondo. Anche nella relazione tra adulti
serve allora un “investimento”, allo stesso modo con cui
ci si fa carico del rapporto con i bambini. Dentro questo
gioco a tre si svolge l’intera esperienza di inserimento a
scuola: così come il bambino sta e fa, di pari passo gli
adulti vivono gli eventi e tessono i rapporti.
12
in un tempo di
Il periodo della scuola dell’infanzia rappresenta una
apertura alla
svolta importante per la famiglia: cambiano i ritmi e
socialità
le frequentazioni, si aprono domande che si sentono
comuni ad altri e cresce la possibilità di condividere
idee e posizioni.
Il bambino pian piano intreccia rapporti personali
con amici che ama incontrare anche fuori dell’orario
scolastico, ad esempio al parco giochi, portando anche
i suoi cari verso nuove conoscenze. Il piccolo universo
familiare si espande e si arricchisce.
13
Una tappa importante del diventare grandi
...dove il giorno scorre diverso che a casa
...si fa parte di una grande organizzazione
...in un tempo che assume senso
...dove i bambini imparano giocando
...nella cornice di un progetto educativo
...insieme a persone competenti e sensibili
...che conoscono i momenti piu “fragili”
...come il rimanere a scuola piu a lungo
...tutto questo e molto altro
dentro la grande organizzazione
14
entrare a far parte di un ambiente nuovo
fatto di momenti vari e riconoscibili
in cui comunicare e condividere
accompagnati da rassicuranti routines
seriamente e divertendosi
coniu gando il sapere al piacere
professionisti affettuosi
del sentirsi grandi oppure piccoli
in quel tempo prolungato che e speciale
della scuola dell’infanzia provinciale trentina
15
16
Una tappa importante del
diventare grandi
entrare a far parte di un
ambiente nuovo
Dalla casa o dal
Il periodo iniziale in cui il bambino si ambienta e
nido verso nuove
conosce la scuola viene chiamato inserimento.
sfide
Inserirsi in una situazione nuova, con persone e azioni
diverse da quelle di casa propria, implica un processo
che porta ad una graduale adesione e partecipazione
alla vita di gruppo. Non si tratta perciò solo di una fase
circoscritta ai primi giorni, ma di un percorso vissuto
dai bambini in modo personale e richiede agli adulti di
essere pensato nei modi e nelle forme più idonee ad
ognuno e al gruppo.
Arrivando da casa o dal nido d’infanzia il bambino
si trova in una vita di gruppo più complessa, dove
diventano più numerosi i bambini con cui interagire e
vari gli adulti con cui stare. Metterà dunque in gioco
le capacità sociali che ha già acquisito e ne svilupperà
di nuove, facendo un grande passo in avanti nella sua
crescita psicologica.
da affrontare con
Se qualche bambino manifesta rapidamente di essersi
tempi personali
inserito nella nuova realtà, dimostrando piacere di
partecipare, affetto per gli insegnanti e preferenza per
qualche amico del cuore, è normale che per qualcun
altro serva più tempo. Ci sono, infatti, bambini che
hanno bisogno di osservare a lungo prima di lasciarsi
andare ai giochi con i coetanei o di riuscire ad avere
rapporti più stretti con le persone.
I bambini sono diversi e diverso è il loro modo di
affrontare il nuovo: c’è chi preferisce stare vicino all’adulto,
chi in disparte, chi si tuffa nelle cose, chi le prova tutte...
17
Anche trovando un accordo con la famiglia si cercano
pertanto i tempi e i modi più adatti perché il bambino si
ambienti e crei legami di fiducia.
La scuola considera con attenzione i bisogni dei bambini
e ancor più quelli dei nuovi arrivati, predisponendo
spazi e piccole attività e pensando che ogni bambino o
bambina ha una propria storia familiare e di esperienza
precedente nel sociale, di cui certamente tener conto.
Gli insegnanti hanno perciò cura di riconoscere i
segnali di fatica, di cercare i motivi delle ritrosie e
sanno accogliere le normali espressioni di agitazione o
sconforto e anche crisi più forti.
I comportamenti
A volte i bambini spiazzano i genitori con
dei bambini sono
comportamenti che loro non si aspettavano, ma
osservati con
l’esperienza degli educatori può aiutare grandi e piccoli
attenzione
a far tornare il sereno perché hanno visto succedere
molte volte fatti simili e possono “tradurre” il senso
di quel comportamento e proporre un modo di fare
che aiuta a trovare soluzioni. Ci si accorda fra scuola
e famiglia su alcuni comportamenti da adottare e in
questo modo non si danno messaggi contrastanti.
In qualche caso una piccola crisi può anche
inaspettatamente arrivare proprio quando sembrava
che tutto andasse per il meglio. Non è strano e il motivo
è che il bambino esaurisce la carica di curiosità ed
entusiasmo che l’aveva sostenuto nei primi giorni, quella
voglia di “essere grande” che lo rendeva spavaldo, e d’un
tratto si accorge che le cose da affrontare sono tante e
sente il desiderio di “essere piccolo”. Sono sentimenti
conosciuti che trovano comprensione e braccia per
essere accolti, così in poco tempo tutto rientra nella
consuetudine e la scuola torna ad essere la “mia scuola”.
18
L’inizio della scuola
L’entrata nella scuola è anche il momento in cui i
è un passaggio
genitori affidano parte dell’educazione e della crescita
“forte” per tutta la
del proprio figlio ad altri adulti con cui il bambino passa
famiglia
gran parte della giornata. Si avvia dunque una delicata
fase in cui l’insegnante si affianca al genitore per
conoscere a fondo il bambino e aiutarlo nel separarsi
portando in sé l’immagine dei propri cari e la garanzia
di tornare da loro dopo un tempo passato insieme con
altre figure.
Per la scuola ogni anno è nuovo perché tutti i bambini
sono particolari nella loro unicità e in quella delle
proprie famiglie, e diverse sono anche le dinamiche dei
gruppi che si formano e le ideazioni dentro cui giocare.
La mia scuola è bella di dentro e di fuori.
Ludovica
19
Le domande piu frequenti
sul separarsi e ritrovarsi
Che fare se il
È normale che capiti, non è facile staccarsi dai genitori
bambino o la
o almeno non sempre. Quando succede, l’insegnante
bambina piange?
sta con lui, lo prende in braccio, se accetta, o
comunque gli è vicino; poi ci sono i compagni, specie
quelli più grandi che lo rassicurano, lo distraggono, lo
invitano a fare delle cose insieme. Solitamente, più
presto di quanto si pensi, il pianto passa, lasciando
spazio alle cose da fare, al rapporto con gli amici, ad un
gioco simpatico o a una storia coinvolgente. Nel caso il
pianto persistesse, genitori e insegnanti ne parleranno
insieme approfonditamente cercando cause e modi per
aiutare il bambino.
E se non vuole
Aspettare il momento in cui il bambino è distratto per
staccarsi da me?
staccarsi da lui non è solitamente il modo più efficace,
perché può sentirsi imbrogliato e scoppiare poi a
piangere per il senso di abbandono provato. È meglio
invece scegliere il momento giusto per staccarsi, aiutati
in questo dall’insegnante. È preferibile avere un saluto
sicuro, con frasi che danno certezza del ritorno, di
un legame che non si perde. Non servono promesse
di cose da portare, ma dare l’idea di un tempo che
si passa in posti diversi per poi ritrovarsi. Le frasi
ripetute nei giorni restano nella mente del bambino
come garanzia: “Io vado al lavoro e tu giochi con i
tuoi compagni, dopo la nanna vengo a prenderti e mi
racconti cosa hai fatto di bello”. I fatti gli dimostreranno
che va proprio così.
20
E se mi chiede di
Nei primi giorni i genitori si fermano con il bambino un
rimanere?
po’ più a lungo: questo lo rassicura e gli permette di
guardarsi in giro sentendosi protetto dalla presenza di
un familiare; così può “buttarsi” in qualche attività e
lasciarsi andare in qualcosa che gli piace. Ma quando
gli adulti decidono che quello può essere il momento
giusto, è importante che il genitore consegni il bambino
all’insegnante con fare sicuro. Egli compie un atto fisico
ma ancor più è simbolico e che significa “sono certo
che starai bene con lui/lei”, è un’azione di fiducia che il
bambino comprende.
È un problema se
Un oggetto portato da casa rende più facile il distacco
vuole portarsi un
perché diventa quasi una garanzia che la casa
proprio gioco da
“rimane”. Avere con sé il proprio orsetto o macchinina
casa?
dà tranquillità al bambino; diverso è, invece, quando
mostra di stare troppo legato ai giochi di casa, senza
accettare, quando è passato un po’ di tempo, di riporli
nell’armadietto o di condividerli un po’ con i compagni.
Ciò potrebbe significare una fatica a lasciarsi andare
alla nuova realtà. Più avanti, la proposta di portare un
libro o qualcos’altro legato al tema trattato a scuola
è solitamente un modo per ricavare soddisfazione dal
partecipare con qualcosa di proprio.
21
22
...dove il giorno scorre
diverso che a casa
fatto di momenti vari e
riconoscibili
Il bambino
Nei primi giorni è utile che la permanenza del bambino
conosce la scuola
a scuola sia graduale in modo che egli riesca a
gradualmente
riconoscere e poi padroneggiare i diversi momenti che
la compongono.
Anche le proposte di gioco sono inizialmente assai
semplici e hanno principalmente il valore di un primo
avvicinamento e conoscenza tra i bambini e gli adulti.
L’attenzione dell’educatore, in questa fase, non è rivolta
tanto al “fare” del bambino quanto allo “stare” con
lui e gli obiettivi educativi riguardano la creazione di
un benessere comune, la formazione del gruppo e la
capacità di muoversi all’interno delle principali regole
che governano la vita scolastica.
Appena arrivati ci
Appena arrivati a scuola i bambini si cambiano le scarpe
si mette comodi
e si mettono una calzatura comoda, che indossano
tutto il giorno, ma che pure tolgono più e più volte, per
esempio per entrare in uno spazio con tappeto e cuscini
o per uscire in giardino.
Alcune scuole consigliano le pantofole di panno, altre
preferiscono invece i calzini antiscivolo, nella maggior
parte dei casi la decisione rispetto al tipo di calzatura
viene lasciata ai genitori, ricordando loro che la cosa
fondamentale è la salubrità e la praticità della scarpa.
Un fattore importante di cui tener conto è la possibilità
per il bambino di gestire le calzature autonomamente,
perciò è bene che siano facilmente infilabili e
allacciabili.
23
con un
Alcune realtà scolastiche adottano il grembiulino,
abbigliamento
altre utilizzano i grembiuli da lavoro soltanto per
adatto a fare
certe attività, come la pittura, e per il resto chiedono
e giocare
che i bambini siano vestiti con un abbigliamento “da
gioco”, che non intralci nei movimenti e che non dia
preoccupazione se per caso si dovesse sporcare. È
molto facile, infatti, che una pennellata scappi al
compagno vicino o che un po’ di plastilina si appiccichi
sul ginocchio...
Ciò che è fondamentale, per il bambino, così come
per l’adulto che si veste adeguatamente per il proprio
lavoro, è di sentirsi a proprio agio e poter essere
autonomo, perciò è bene che il grembiule abbia
un’allacciatura gestibile senza sforzo, gli abiti non
facciano sudare e non abbiano cerniere e bottoni duri;
meglio anche evitare complicate bretelle, cinture o altri
accessori belli ma difficilmente gestibili.
e poi inizia una
Nel momento dell’entrata i bambini entrano in uno
giornata di giochi
spazio di gioco che offre varie opportunità d’azione e
e attività
di incontro. Il bambino può quindi scegliere secondo
i propri interessi e relazioni, quale gioco fare e con
quali amici, può accoccolarsi in posti più “nascosti”
(ma controllabili dall’adulto), fare tranquillamente un
disegno o un gioco al tavolino o impegnarsi in una
grande costruzione con alcuni compagni.
Lo spazio, delimitato e organizzato, aiuta il bambino a
stare dentro il gioco, ad organizzarsi, a concentrarsi o
ad aggregarsi con i compagni rispettando gli altri.
per esplorare,
I tanti e vari materiali che sono collocati in spazi di
sperimentare,
gioco diversi invitano ad esplorare varie possibilità
scoprire e dire
dando spunti per la creatività, la logica e l’espressività.
dentro uno spazio
L’ambiente della scuola dà al bambino la sicurezza delle
pensato
certezze in cui ognuno presto impara qual è la propria
sezione e gruppo di riferimento per arrivi e partenze.
Pian piano viene poi coinvolto anche nella possibilità
di trasformare spazi e regole, ad esempio costruendo
24
una pista per le macchinine, un’ambientazione per gli
animali di plastica, segnali per giocare meglio...
Collaborare alla definizione degli spazi di gioco permette
al bambino di sentirsi coinvolto nel definire una realtà
che di giorno in giorno sarà sempre più partecipata.
dove rimane
È importante per i bambini che rimanga traccia di
memoria di ciò
ciò che è stato fatto, di cosa è cambiato e perché.
che si fa
Cartelloni, teche, libretti, cd vanno a formare una
documentazione che dà modo di ripercorrere un
percorso, di riappropriarsene da un altro punto
di vista, riconoscendo la strada fatta ed anche le
capacità acquisite.
Io vado a scuola col pulmino e tutti i giorni
faccio due bei viaggetti.
Antonio
25
Le domande piu frequenti
sul benessere
Vedo la mia
Molti bambini preferiscono osservare bene le cose
bambina che
prima di entrarci completamente: non è così facile
sembra non
inserirsi nel gioco di molti bambini e alcuni sentono
voler far nulla,
il bisogno di accumulare varie informazioni prima
rimane vicino alla
di agire. Solitamente poi avviano un gioco restando
maestra e guarda
vicini all’adulto, ma molto presto arriva un compagno
gli altri. Devo
più grande che, in un naturale spirito di fratellanza,
preoccuparmi?
prende per mano il piccolo e lo introduce nei giochi più
complessi. Queste “coppie” formate da grande e piccolo
sono molto solide, solidali e simpatiche da vedere.
Il mio bambino non
Ogni bambino ha i suoi tempi nell’apprendere i piccoli
sa ancora andare
gesti necessari a rendersi autonomo, dal rimboccarsi le
in bagno da solo e
maniche a sistemarsi la canottiera negli slip. I bambini
a volte capita che
vengono aiutati e solo in un secondo momento sono
si faccia la pipì
invitati a provare a sistemarsi da soli. Un po’ per volta
addosso...
ognuno sviluppa le proprie capacità, ma se capita
qualche imprevisto non c’è problema, sarà risolto con
parole di consolazione: il benessere emotivo è un
fattore primario. Gli aspetti pratici, legati all’assistenza
fisica dei bambini, si “mescolano” sempre con
l’attenzione alla sfera emotiva. Tutto torna presto a
posto, in tutti i sensi.
A che serve
Molte scuole chiedono di lasciare a scuola un cambio
lasciare a scuola
d’abiti completo perché a volte capita che i bambini,
un cambio di abiti?
troppo intenti a giocare o ancora timidi nel muoversi
nello spazio nuovo, arrivino in bagno un attimo troppo
tardi oppure può succedere che possano bagnarsi in
26
un’attività con l’acqua o i colori e allora è bene poter
disporre di un cambio con cui rivestire il bambino.
Così non c’è nessun problema se qualcuno si rovescia
addosso il bicchiere o se è scappata la pipì: il bambino
viene cambiato con altri vestiti suoi, che erano lì, a
disposizione per ogni evenienza, anche quella di arrivare
a scuola con i pantaloni bagnati a causa della pioggia.
Il mio bambino
Affrontare esperienze con i materiali e i colori
quando gioca si
implica anche sporcarsi un po’. Certo nel tempo il
sporca molto,
bambino sviluppa capacità manuali e di attenzione,
chissà a scuola!
ma “immergersi” in un’attività porta comunque a
qualche piccolo inconveniente, come una macchia
o uno strappo. I colori scelti dalle scuole sono del
tipo lavabile, ma a volte quelli scuri lasciano aloni, e
l’uso delle colle o della creta può lasciare dei segni.
Nonostante i grembiuli e i copri abiti da lavoro
bisogna mettere in conto che qualcosa sfugge, perciò
è importante che il bambino non si debba preoccupare
troppo del vestito che indossa; per questo è bene
scegliere per la vita scolastica abiti semplici, comodi e
non preziosi.
27
28
...si fa parte di una grande
organizzazione
in cui comunicare e condividere
La sensazione di
Ben presto il bambino trova sicurezza nella normalità
appartenenza si
dello scorrere delle giornate, fatte di appuntamenti
costruisce giorno
che può prefigurarsi: lo spuntino di metà mattina, la
per giorno
conversazione, l’andare in bagno, il pranzo, prepararsi
per tornare a casa...
Dopo l’arrivo di tutti, insegnante e bambini si ritrovano
a conversare e, contandosi o vedendo chi c’è o manca,
si riannodano i fili di un discorso comune che va a
dipanarsi nel tempo creando senso di appartenenza.
Ogni scuola ha modi diversi, ma ovunque il momento
dell’appello crea l’idea di essere insieme e di far parte
di un gruppo. “Ci siamo tutti?” non è solo un bisogno
di contarsi ma di riconoscersi come comunità. Infatti,
anche chi non c’è diventa presente nell’interesse che
viene dimostrato per la sua mancanza.
e inizia anche
Conoscere la storia del bambino o della bambina, le
conoscendo
problematiche che può aver vissuto, le sue particolari
la storia e le
necessità, permette di rendere il rapporto con lui/lei più
necessità di ogni
profondo, trovando i modi per aiutarlo.
bambino
Se il bambino avesse bisogno di qualche attenzione
particolare è bene parlarne subito con gli insegnanti,
segnalare le necessità, verificando insieme cosa la
scuola può fare per il suo benessere.
Ci sono poi certe giornate e momenti in cui qualcuno
sente il bisogno di attenzioni mirate, sono quelle
situazioni passeggere che però richiedono quel qualcosa
in più. Parlarne fra genitori e insegnante dà misura
alle cose, spesso ridimensiona, solitamente risolve.
29
Il bambino “sente” come prima cosa l’accordo che si
instaura fra gli adulti che si occupano di lui, la stima
reciproca forma un cerchio protettivo intorno a lui.
Ci sono regole che
La scuola fornisce ai genitori i moduli per indicare le
garantiscono la
persone preposte al ritiro del bambino nel caso non
sicurezza di tutti:
fossero i genitori a farlo. È una modalità per garantire
per la consegna del
maggiore controllo perché la consegna del bambino
bambino
deve avvenire sempre verso persone autorizzate e
idonee a vigilare sulla sua sicurezza.
per le
Si chiede cortesemente di avvisare gli insegnanti
comunicazioni
dell’assenza con una telefonata o facendo arrivare
urgenti
una comunicazione scritta. Il bambino fa parte di un
gruppo che lo attende e perciò gli amici e gli adulti
hanno piacere di sapere come sta e cosa fa. Se invece
il bambino non si sentisse bene a scuola, è sicuramente
premura degli insegnanti di avvisare i genitori e perciò
è utile lasciare alla scuola i recapiti telefonici utili.
per gli incidenti
A volte possono capitare piccoli incidenti, come cadere
durante un gioco prendendo una botta o sbucciarsi
un ginocchio in giardino. È una conseguenza naturale
della vivacità dell’età. Solitamente basta un po’ d’acqua
fredda, un cerotto e un bacino, ma se il fatto è un po’
più serio e c’è un minimo dubbio sulla necessità di
un controllo più approfondito, gli insegnanti avvisano
immediatamente i genitori. Per gli infortuni è prevista
una copertura assicurativa e, all’occorrenza gli
insegnanti forniscono l’apposito modulo alla famiglia.
per gli imprevisti
Può capitare che il genitore abbia bisogno di venire
del genitore
a prendere il bambino prima dell’orario previsto, in
tal caso è bene che avvisi la scuola, così l’insegnante
può evitare di far iniziare un’attività lunga al bambino
ed egli saprà che la sua giornata sarà diversa e
tranquillamente si preparerà per uscire.
30
per capirsi
La comunicazione fra genitori e insegnanti è
fondamentale, per questo vengono organizzate riunioni
in cui si presentano i progetti educativi e le attività
didattiche. Ci sono poi gli incontri individuali in cui
si parla del singolo bambino, delle sue esperienze a
scuola, degli amici e giochi che preferisce, dei suoi
passi avanti nella crescita. Sono momenti importanti
per condividere le scelte educative, capire il senso dei
regolamenti e delle attività portate avanti dalla scuola.
Io col mio gruppo mi diverto un sacco!
Silvia
31
Le domande piu frequenti
sui comportamenti dei
bambini
Ma se il mio
Capita che il bambino esprima il desiderio di rimanere
bambino dicesse
a casa, dicendo che è stanco o ha male non si sa bene
che non vuole
dove... Lasciare i genitori è difficile e a volte il bambino
venire a scuola?
si sente piccolo e incerto e quindi in difficoltà rispetto
a qualcosa di nuovo. Raccogliendo informazioni dagli
insegnanti, mamma e papà possono sapere come
procede l’esperienza scolastica del figlio e, se tutto sta
andando bene, possono riconoscere che quelle parole
del mattino rivelano solo la voglia di coccole e il bisogno
di essere sostenuto nel diventare grande. L’adulto
trasmette sicurezza solo se la sente davvero dentro di sé.
È bene tenere il
Naturalmente un genitore sa valutare lo stato di salute
bambino a casa
del proprio figlio, ma una frequenza irregolare non aiuta
ogni tanto quando
a rafforzare il senso di appartenenza e a comprendere
lo chiede e sembra
il perché delle cose che succedono. Una presenza
stanco?
regolare, invece, permette al bambino di costruirsi un
ritmo e di partecipare pienamente alla progettazione
della scuola. Spesso i percorsi didattici seguono un
filo conduttore, come una storia o una ricerca sui
materiali, che dà senso e logica al procedere: poterlo
comprendere man mano permette al bambino un
maggiore coinvolgimento.
32
Può succedere che
Le persone autorizzate al ritiro dei bambini sono
non veniamo noi
segnalate dai genitori ad inizio anno su un apposito
genitori a prenderlo,
modulo. Se invece capita che una nuova persona debba
ma i nonni o la baby
prendere il bambino occorre che il genitore lo comunichi
sitter…
all’insegnante in modo che ci sia sicurezza sulla consegna.
Se ho bisogno
Gli insegnanti dedicano parte del loro tempo al
di parlare con
rapporto con i genitori ed è facile accordare con loro
tranquillità con
un momento personale di confronto in cui il bambino
l’insegnante,
non sia presente e si possano approfondire con serenità
quando potrò farlo?
tutti gli aspetti che premono.
Il bambino se si fa
Il rapporto con gli insegnanti e il personale della scuola
male vorrà la sua
si fa ben presto molto stretto, con un affetto che
mamma, anche
sostiene il bambino nei momenti di crisi o nei piccoli
se non è niente
fatti dolorosi, sia a livello fisico che emotivo.
di grave. Non è
Il genitore può stare tranquillo che gli insegnanti lo
meglio che mi
chiameranno senz’altro qualora ce ne fosse veramente
chiamino sempre?
bisogno.
33
34
...in un tempo che assume
senso
accompagnati da rassicuranti
routines
Arrivare e partire
Quando la mamma o il papà, i nonni o le persone
sono due momenti
incaricate, consegnano il bambino alla scuola e lo ritirano
molto importanti
a fine giornata svolgono un’azione semplice eppure
carica di emozioni, perché il bambino in quei momenti
“diventa di” qualcun altro ed entra in un mondo diverso,
con altre regole, altri riferimenti affettivi; viceversa poi
torna ad essere il bambino della famiglia.
che investono
Sono sentimenti che riguardano la stabilità dei rapporti
molte emozioni
e per questo i passaggi, fino a che non diventano
consueti, necessitano di sostegno, di parole che
garantiscono il ritorno dei cari e delineano la misura
al tempo: “dopo il pranzo”, “dopo la nanna”... Si
crea una specie di rituale in cui le frasi diventano
atto di impegno: l’insegnante accoglie con un saluto
personalizzato che crea familiarità e dà il senso di
essere attesi e di collegarsi a qualcosa che procede, nel
contempo il bambino coglie la fiducia che il genitore ha
nei confronti degli educatori e la fa propria.
Scegliere cosa
L’insegnante, che è un attento osservatore, può essere
fare insieme ad
di aiuto al genitore nell’accompagnare il bambino verso
ogni bambino dà
qualcosa che lo può interessare, ma è soprattutto la
un buon avvio alla
serenità degli adulti che contribuisce a rafforzare il
giornata
senso di sicurezza nel bambino, che man mano si avvia
alla conquista degli spazi, dei giochi e dei compagni.
Dopo pochi giorni i bambini si aspettano fra loro e
incontrarsi diventa la cosa più importante.
35
che poi si dipana
Le routines a scuola sono una necessità organizzativa,
in situazioni
ma non solo, sono infatti tappe che definiscono
riconosciute
la giornata e aiutano il bambino a padroneggiarla
mentalmente. Sono quelle situazioni di passaggio da
un momento all’altro in cui lo scorrere si compone
di atti conosciuti che rassicurano. Ci si riunisce sulle
panchine perché è ora di andare in bagno a lavarsi le
mani, di preparasi per il pranzo o di andare in giardino;
si riordina per concludere la mattinata o un’attività fatta
in quel gruppo... La giornata diviene così “prevedibile”,
il bambino sa cosa c’è prima, cosa viene dopo, come un
certo momento del giorno si apre, come si chiude. Si
costruisce così il senso del tempo e la “cornice” dentro
cui stare e agire in modo sempre più partecipato.
Fare da soli e fare
A scuola i bambini sono aiutati a diventare
insieme è la vita
gradualmente più autonomi, per crescere in autostima e
della scuola
nel piacere di far da sé. Svolgono quindi piccoli incarichi
come lavare i pennelli o apparecchiare. Certo chi ne ha
bisogno viene accompagnato e aiutato dall’insegnante
o dall’ausiliaria, che rappresenta una figura affettiva
molto forte, ma l’invito è a provare, magari con
l’appoggio di un compagno esperto.
fatta di molti
Ci sono poi i momenti comuni, ad esempio quando è
momenti comuni
ora di prepararsi per il sonno o per il pranzo e, a piccoli
gruppi, si svolgono delle azioni che vanno a sviluppare
le buone abitudini acquisite anche all’interno della
propria famiglia: riordinare, lavarsi le mani, i denti,
andare in bagno. Semplici azioni che diventano parte
della capacità di aver cura di sé e rispetto per gli altri.
Mentre si aspetta il proprio turno si fa un piccolo gioco
e si impara ad avere un po’ di pazienza.
36
ed è naturale che
“Lasciare” e “ritrovare” la famiglia sono momenti
qualche volta
che in qualche giornata possono risultare più faticosi
ci siano anche
perché è emersa un po’ di insicurezza anche se il primo
momenti di
periodo di inserimento è già trascorso. E c’è anche la
insicurezza
giornata “storta”, come capita anche all’adulto, quella
in cui sembra vada tutto malamente… o il giorno dei
“capricci”, che possono essere un modo per richiedere
più attenzione o la dimostrazione di qualche tensione.
Per tutto questo, piccole azioni del genitore spesso
bastano a rasserenare: fermarsi un attimo di più con
il bambino, entrare in sezione insieme a lui per farsi
mostrare le sue produzioni, farsi presentare gli amici,
lasciare un oggetto di casa da tenere in tasca...
Se faccio una torre alta alta
mica la voglio subito disfare!
Corrado
37
Le domande piu frequenti
sulla giornata a scuola
Al mattino so già
È vero che anche l’adulto fa fatica a lasciare il figlio che
che se mi dice
mostra tristezza, ma pensarlo presto affaccendato in
“Voglio stare con
cose belle aiuta ad essere tranquilli. Le parole di saluto
te”, io farò fatica
danno un sicuro appuntamento per ricongiungersi nel
a lasciarlo. Come
pomeriggio e pian piano il bambino saprà raccontare
fare?
momenti della giornata. L’interesse da parte del
genitore per ciò che il bambino fa, per i prodotti
che porta a casa, l’ascolto delle poesie e canzoni
che impara, gli rimandano il valore che il genitore
dà a quello che vive in sua assenza e gli dà molta
soddisfazione.
L’altro mio figlio
Nella fase iniziale il bambino è attratto dalla curiosità
ha avuto una crisi
verso un ambiente nuovo perciò così può capitare
di rifiuto molto più
che la crisi di nostalgia si presenti dopo diversi giorni,
avanti, quando
ma non c’è da allarmarsi, solitamente non è legata
ormai non me
a qualche problema, ma solo da un calo di energia
l’aspettavo...
e di motivazioni, che viene presto recuperato. Altre
volte piccoli fatti sembrano al bambino insormontabili
questioni, ma basterà accennarne agli insegnanti per
aiutarlo a trovare una soluzione che lo rassereni.
La mia bambina è
I bambini più timidi scelgono inizialmente di stare
timida e quando
vicino all’insegnante, la/lo guardano spesso per
vede tanti bambini
sentirsi protetti e l’educatore accoglie questo bisogno
insieme si ritrae,
di protezione mentre crea piccole situazioni di gioco
farà fatica a stare
in cui inserire il bambino andando a costituire rapporti
in gruppo?
con qualche compagno che presto fa da riferimento,
amico preferito. Anche i momenti di ritrovo routinario
38
permettono di conoscere gli altri, che diventano presto
come una famiglia dentro cui muoversi senza titubanze.
Ma se il mio
La giornata scolastica è pensata in modo che si
bambino con
alternino momenti più attivi ad altri più tranquilli.
tutto quel fare si
Nelle attività programmate l’insegnante tiene conto
stancasse troppo?
dei diversi tempi di ognuno e calibra le proposte
anche in modo personalizzato; durante il gioco libero i
bambini possono scegliere in cosa impegnarsi oppure
frequentare spazi dove rilassarsi, ad esempio sfogliando
libretti o chiacchierando con un amico. Dunque, se il
bambino fosse stanco avrà modo di riposare e anche di
trovare un abbraccio dentro cui rifugiarsi.
39
40
...dove i bambini imparano
giocando
seriamente e divertendosi
A scuola si gioca in
Il gioco è il modo più autentico di vivere del bambino.
molti modi
Attraverso i vari giochi fa esperienza, costruisce rapporti
affettivi, si mette alla prova, conosce se stesso, le cose e
gli altri, insomma cresce in consapevolezza e capacità.
Nella scuola dell’infanzia si impara principalmente
giocando: giochi diversi, creativi o con regole, di piccolo
o grande gruppo, nuovi o antichi e anche inventati con
la partecipazione dei bambini stessi.
e nel giocare si
Così capita che i genitori ritrovino qualche ritornello sentito
conquista la realtà
quand’erano piccoli a loro volta, amato in ugual modo
dai loro figli; altre volte vedono giochi nuovi e particolari,
magari nati da un’idea, da una storia, oppure esperienze
che hanno a che fare con la scienza o la tecnologia.
Tanti tipi di gioco permettono di fare esperienze molto
variegate: da quelle logiche a quelli di costruzione,
da quelle di sperimentazione con diversi materiali che
permettono di scoprire aspetti cognitivi, sensoriali,
creativi e le capacità del proprio corpo in azione.
si esprime se stessi
C’è il gioco del “far finta”, che si svolge tutte le
volte che i bambini rappresentano la realtà o la loro
fantasia attraverso personaggi o persone familiari:
nell’angolo della casetta impersonano mamma e papà,
nel negozio fanno i commessi, sull’auto costruita con
i mattoni diventano piloti... Nel gioco del teatro, dei
travestimenti o dei burattini i bambini danno vita sia a
personaggi che conoscono, come la “bella signora” o il
vigile, sia a quelli immaginari, dando così voce ai loro
41
pensieri e desideri. Imitando le attività della vita degli
adulti mettono in gioco anche i primi riconoscimenti
dell’identità di genere maschile e femminile. Gli intrecci
tra verità e finzione, tipici di questi giochi, favoriscono
amicizie e alleanze sia tra i pari d’età che con gli amici
più “grandi”, riconosciuti nel loro essere “più capaci”.
si fanno
Nei giochi di tipo laboratoriale i bambini manipolano e
ragionamenti e vari
scoprono caratteristiche degli oggetti, come la durezza,
esperimenti
l’equilibrio, il galleggiamento... fanno relazioni e
combinazioni, compiono scelte e cercano soluzioni per dar
forma a piccoli progetti individuali o di gruppo.
I diversi materiali utilizzati possono essere inconsueti
o di recupero e invitano ad esplorarli in vari modi,
aprendo la strada della creatività e sollecitando
interessanti processi di trasformazioni delle cose.
dove il corpo è il
Si dice che nella prima infanzia il bambino “impara
primo protagonista
con il corpo”, intendendo che la conoscenza passa per
esperienze corporee prima di diventare capacità di
ragionamento astratto. Nelle attività di manipolazione
e nei giochi di movimento i bambini mettono alla
prova le proprie capacità fisiche ed emotive in cui il
divertimento è il vestito di una ricerca molto seria. Le
mani si specializzano in azioni sempre più attente, il corpo
conquista lo spazio in corse, salti, superamento di ostacoli;
il bambino apprende le proprie possibilità ma anche i limiti
e accorda il proprio muoversi con quello degli altri.
I giochi hanno una
Dentro i vari spazi preparati nelle sezioni e nei diversi
loro organizzazione
momenti della giornata, i bambini hanno l’opportunità
di fare esperienze ludiche, da quelle scelte liberamente
nelle zone di gioco a quelle proposte dagli adulti.
Ogni spazio di gioco è regolato da alcune semplici
regole concordate, come l’essere non più di un certo
numero di giocatori o il riporre, alla fine del gioco, i
materiali nei contenitori predisposti. In alcuni orari
e spazi il gioco segue un tema che offre stimoli per
un percorso che si sviluppa in progetti. I bambini
42
si ritrovano in gruppi prestabiliti, per età oppure
appositamente costituiti per portare avanti un certo
“lavoro”, con degli obiettivi didattici che gli insegnanti
si sono prefissati e che verificano per rilanciare le
proposte, avendo sempre presente i bisogni dei
bambini, per uno sviluppo armonico, e tenendo in
considerazione le loro dimostrazioni di interesse.
e fanno parte
Fra le attività ci sono quelle di continuità educativa con
di progettazioni
il nido e la scuola primaria, in cui si mettono in contatto
proiettate anche
i bambini con i compagni più grandi. Sono incontri che
verso il futuro
scelgono qualche tema come cornice, ma che hanno
come scopo principale quello di rendere fluidi i passaggi
con la conoscenza dei nuovi ambienti. Così i bambini
riescono anche a prefigurarsi il loro percorso di crescita.
Nella buca della sabbia io lavoro tantissimo.
Ivana
43
Le domande piu frequenti
sul giocare
E se un bambino
Certo è necessario capire il perché, dato che il gioco
non gioca?
è l’espressione naturale dei bambini. Può darsi che
il bambino abbia qualche difficoltà a entrare in un
gruppo di gioco o a scegliere fra le tante cose da fare
o a lasciarsi andare. Il non giocare è un segnale da
raccogliere, senza sottovalutarlo né ingigantirlo. A
scuola il bambino viene aiutato dall’insegnante ad
avvicinare i diversi giochi e ad inserirsi nei gruppetti
attivi, cercando di riconoscere quali siano i suoi
interessi preferiti. Solitamente basta un po’ di tempo e
di conoscenza delle cose o un compagno più grande che
dice “Vieni con me”...
Mia figlia passa dei
Giocare da soli può dimostrare la capacità di
lunghi momenti
concentrazione, l’interesse verso un prodotto in cui il
giocando da sola, a
bambino ha piacere di mettere tanta energia oppure
scuola chissà come
il disagio di non sapersi aggregare ai compagni.
si comporterà?
L’insegnante sa valutare quando un comportamento è
espressione di un temperamento da rispettare o indice di
malessere. A scuola ci sono tanti giochi, momenti e spazi
diversi in cui i bambini possono fare autonomamente
oppure condividere con un amico o con un gruppetto di
compagni. L’esperienza del fare in tanti o collaborare con
altri è cosa che si impara gradualmente e che si continua
a perfezionare, anche da adulti.
44
Al mio bambino
È vero che i bambini hanno le loro preferenze rispetto
piace solo un tipo
ai tipi di giochi, ma a scuola ci sono molte proposte
di giochi:
di gioco accattivanti. Chi ama costruire può farlo
le costruzioni.
cambiando materiale, ad esempio usando carta e
Chissà come
scotch, scoprendo altre abilità e possibilità di divertirsi.
faranno gli
Ci sono poi i compagni che invitano a fare partite con i
insegnanti a
semplici giochi da tavolo, a travestirsi con gli abiti dei
convincerlo a fare
travestimenti, ad interpretare mamma e papà nel gioco
altro?
in casetta... Nell’ambiente della scuola le possibilità
di gioco si moltiplicano rispetto a quelle di casa per la
presenza dei compagni e per gli stimoli proposti.
Può essere che il
La scuola e la casa sono ambienti molto diversi e perciò
bambino giochi in
possono produrre nel bambino risposte differenti ed
maniera diversa da
anche nuove. Essere in tanti può costare un po’ di
casa a scuola?
fatica, ma dà anche molti stimoli da accogliere. Alcuni
bambini inizialmente possono mostrare comportamenti
addirittura opposti nei due luoghi, che hanno regole
diverse da capire e far proprie. Ma via via cresce
la capacità di stare nelle cose, finché casa e scuola
diventano parte di una continuità di vita in cui crescere
esprimendo se stessi in molti modi.
45
46
...nella cornice di un
progetto educativo
coniu gando il sapere al piacere
Il progetto
Dietro ad ogni organizzazione c’è sempre un impegno
educativo della
e una riflessione sui modi di impostare i vari momenti
scuola è una
della giornata, di stare con i bambini, di conoscerli, di
“costruzione”
proporre le esperienze.
Si può vedere il progetto come una “costruzione”,
composta di tanti mattoni: i mattoni sono le attività,
i percorsi di lavoro, l’organizzazione degli spazi, dei
tempi, le iniziative… ma anche gli incontri in programma
con le famiglie, con le altre istituzioni scolastiche.
Insomma tutto ciò che la scuola è e fa.
Il progetto si
La costruzione deve essere solida, per mettere al riparo
sviluppa durante
da possibili errori, ma non chiusa; le “finestre” sono
l’arco dell’anno
importanti, consentono di spaziare con lo sguardo, di
accorgersi di tante cose, di sfruttare le occasioni che si
presentano e quindi di modificare le azioni.
Il progetto parte da punti fondamentali: l’analisi degli
spazi, l’osservazione dei bambini, alcuni agganci con
l’anno precedente, qualche proposta dal territorio, e poi
si sviluppa, tenendo conto dell’interesse dei bambini.
Nella fase di avvio della scuola, il progetto è di
“orientamento”: serve a fissare le prime linee, poi il
percorso stesso mostra se la direzione intrapresa è valida.
Interventi di “manutenzione” sono quei momenti di
verifica che permettono di modificare, aggiungere,
riconfermare il senso del procedere.
47
e coinvolge più
L’organizzazione della scuola, infatti, non è terreno
persone interne
esclusivo di singole figure, ma luogo condiviso di
ed esterne
tanti apporti, dati da ciascuno per il suo ruolo e la
sua funzione. Coinvolge quindi insegnanti e personale
ausiliario, alcuni momenti della giornata sono gestiti in
collaborazione, come l’ingresso e l’uscita dei bambini, le
cure igieniche, il pasto.
Anche la cura degli ambienti, le quotidiane azioni che
qualificano la scuola nel suo modo di presentarsi, sono
parte della complessiva progettazione della scuola. Le
situazioni della giornata si prefiggono obiettivi diversi
e necessitano di presenze organizzate, che possono
essere di un insegnante o due, o di un’altra persona
ancora che dà una mano.
Anche i genitori
Succede in molte scuole che l’affinità fra gli intenti
entrano nel vivo
produca grandi risultati, così si vedono genitori
della progettazione
collaborare in modo molto propositivo, che aggiunge
altre emozioni alle esperienze. Nascono “gruppi di
teatro” in cui non serve essere attori, ma avere il
piacere di mettersi in gioco per far felici i bambini,
“gruppi di costruzione”, in cui competenze di sartoria
o falegnameria danno corpo a travestimenti, scenari,
cose utili per giocare... Sono preziosi interventi che
rendono visibile ai bambini alcune realtà, come fare
il pane o potare una pianta. Gruppi di musicisti e di
pittori riescono a mettere in scena commedie in cui
non si sa bene chi si diverta di più, se loro stessi o i
figli spettatori, che vedendo “all’opera” mamma e papà
nella propria scuola provano un’incredibile piacere.
La scuola è una
Dentro la scuola si tessono relazioni multiple fra adulti e
rete di relazioni,
bambini in cui sono riconosciute le competenze che già
interne ed esterne
nei primi anni di vita essi posseggono. Perciò il compito
dell’educatore non è tanto fornire un sapere predefinito
quanto predisporre situazioni che stimolano la curiosità
e lo spirito di ricerca e favoriscono lo sviluppo delle
competenze di ognuno.
48
Le relazioni con l’esterno riguardano per primo i
genitori, nella regolarità degli scambi e nelle situazioni
più particolari, ma vanno poi a comprendere anche gli
educatori del nido d’infanzia e della scuola primaria, gli
operatori dei servizi specialistici e sociali per meglio far
fronte a certi bisogni evolutivi dei bambini, e le agenzie
e le istituzioni del territorio: musei, biblioteche...
Nascono da questa rete di contatti vari progetti “scritti”
a più mani, particolarmente stimolanti e aggreganti. È
un’idea di scuola che si apre al sociale, alla comunità.
Io faccio i disegni inventati perché c’ho la fantasia.
Rinaldo
49
Le domande piu frequenti
sulla progettazione
Cosa significa che la
Gli insegnanti osservano costantemente i bambini sia
progettazione parte
nel gioco spontaneo sia nelle situazioni in cui c’è qualche
dall’osservazione
richiesta: notano le capacità, le competenze acquisite
dei bambini?
o meno, quelle da consolidare o da sostenere. Questa
capacità di “leggere” è un importante compito che
permette di progettare in modo mirato. Ma anche gli
interessi dei bambini vengono considerati in modo tale
che gli obiettivi didattici siano inseriti in tematiche verso
cui i bambini sono attratti. Ad esempio, nel progettare
un garage per le macchinine si mettono in moto processi
cognitivi con valutazioni pratiche ed estetiche, si fanno
esperienze grafiche, linguistiche, e corporee...
Se avessi un’idea
Gli insegnanti sono interessati a conoscere le offerte
per la visita ad
culturali e ricreative per l’infanzia presenti sul territorio.
una mostra o
Spettacoli per bambini o iniziative varie sono proposte
conoscessi un
che possono inserirsi nella progettazione, ma occorre
artista che produce
valutarne tutti gli aspetti: da quelli relativi all’interesse,
spettacoli per
a quelli relativi all’opportunità e agli elementi pratici e
bambini, lo si può
tecnici necessari per la realizzazione. Il Collegio degli
presentare alla
insegnanti sa valutare se la proposta può essere adatta
scuola?
e ciò che serve eventualmente per aderire e ne discute
con il proprio Coordinatore pedagogico e con il Comitato
di gestione. L’entrata nella scuola di persone estranee è
regolamentata per motivi di sicurezza dei bambini e di
tutela dell’organizzazione interna.
50
Quando i bambini
Le uscite dei bambini sono programmate e pensate
escono sul
nei minimi particolari. Si valuta quanti adulti è meglio
territorio per
siano presenti, perciò a volte, per garantire maggior
qualche iniziativa,
sicurezza, partecipa anche il personale ausiliario e in
è tutto sotto
alcuni casi anche un po’ di genitori accompagnano il
controllo?
gruppo. I luoghi in cui i bambini si recheranno in visita
sono stati preventivamente controllati dagli insegnanti
che hanno cura di accertarsi della presenza di eventuali
pericoli. L’uscita viene preventivamente valutata anche
dal Coordinatore pedagogico di competenza e in seguito
autorizzata.
Non so come potrei
La scuola organizza appuntamenti per far conoscere ai
partecipare alla
genitori la progettazione e per affrontare temi educativi
vita della scuola...
di ampio interesse, ma ci sono anche momenti di
incontro per feste con i bambini oppure occasioni
particolari per preparare qualche sorpresa. Partecipare
crea coinvolgimento e tutti possono dare una mano.
Molti genitori ricordano la scuola dell’infanzia del
proprio figlio come un tempo in cui hanno potuto con
piacere alimentare la loro capacità di giocare.
51
52
...gestito da persone
competenti e sensibili
professionisti affettuosi
Il personale
L’empatia è quella capacità di sentire le emozioni
della scuola:
dell’altro e di condividerle facendogli da supporto.
professionisti
Gli insegnanti creano con i bambini legami fatti di
dotati di empatia
comprensione e vicinanza che producono quelle
classiche frasi assolute “L’ha detto la maestra!” che
indicano la fiducia e l’affetto dentro cui il bambino vive.
Gli Orientamenti educativi parlano della professionalità
degli insegnanti, che “sta nel saper accogliere e
sostenere i bambini e le loro famiglie e saper rispondere
ai loro bisogni di conoscenza”.
e di competenze
Le competenze degli insegnanti e la loro sensibilità
costantemente
sono elementi essenziali per la qualità della scuola.
aggiornate
Una formazione costante permette di sviluppare
una professionalità che si espande in percorsi di
ricerca, aggiornamento, approfondimenti tematici.
È uno strumento per consolidare le conoscenze e
renderle attuali, anche in rapporto ai mutamenti
nel sistema delle relazioni sociali e della ricerca in
campo pedagogico. È una possibilità per riflettere sul
proprio operato, per esplorare e sperimentare nuove
strategie didattiche e verificare i risultati dei processi
messi in atto. È una “strategia di rinnovamento” e di
crescita di una professionalità che richiede di essere
costantemente al passo con i tempi.
in un esteso
La formazione del personale insegnante è gestita a
programma di
livello provinciale attraverso le strutture competenti.
formazione
Nell’attuazione dei percorsi sono coinvolti tutti gli
53
insegnanti in servizio sul territorio e una puntuale
attività di programmazione e verifica permette di
rispondere ad esigenze diverse, proprie di alcune scuole
o di un Circolo di coordinamento, condividendo però un
orizzonte comune.
dalle molte forme
Sono molteplici le iniziative formative: corsi, laboratori,
seminari, giornate di studio... Ciascuna di esse ha
finalità e articolazioni proprie, ma insieme costituiscono
il mosaico nel quale vi è promozione di cultura che si
espande nel sociale e dialoga con i suoi interlocutori,
primo fra tutti la famiglia.
Tutto il personale
Anche le figure professionali di cucina e d’appoggio
scolastico ha una
che operano nella scuola sono aggiornate sugli aspetti
professionalità
sanitari da osservare, sulle modalità di conservazione
specifica
e cottura degli alimenti e su altri fattori legati alla
pulizia e alla funzionalità della scuola. Ma la scuola
dell’infanzia è anche una grande famiglia, in cui le
competenze professionali si associano all’interesse per
la personalizzazione del rapporto con i bambini. Ciò
dà vita a frasi di attenzione e accoglienza come “Ciao,
Marco, menomale che sei guarito!”, “Elisa, ti ho vista
arrivare in bicicletta...”
e sa instaurare
Il mondo relazionale del bambino si allarga e diventa
rapporti di
importante ciò che ha detto il cuoco, il commento fatto
vicinanza affettiva
dall’autista del pulmino, i complimenti dell’ausiliaria.
e complicità
Sono persone che consolano e aiutano, che ricordano di
prendere il foglietto con la comunicazione per i genitori,
conoscono gusti e caratteri e spesso anche qualche
segreto. Sono presenti a compleanni, feste, gite e
spesso hanno contatti diretti anche con Babbo Natale...
54
Con la scuola il
Per i genitori ci saranno incontri di livello generale,
genitore apre un
di sezione, di piccolo gruppo per momenti riservati
dialogo continuo
alla descrizione di cosa si fa e perché, in quale modo,
con quali strumenti... Le scelte didattiche fanno da
sfondo per “avvicinare” temi educativi più ampi, legati
all’evoluzione e alla crescita dei bambini.
Nei colloqui individuali c’è poi lo spazio più diretto del
confronto tra educatori e genitori in cui, in una cornice
di relazione più individualizzata, l’attenzione è rivolta al
singolo bambino, al suo percorso, ma anche agli adulti,
alle difficoltà incontrate, alle domande che possono
nascere via via.
La mia maestra è gentile che
perde la pazienza solo un poco.
Giovanna
55
Le domande piu frequenti
sulle relazioni
adulto-bambino
A volte il mio
Se il genitore ha un rapporto così stretto con il
bambino mi sembra
proprio figlio da non considerare positiva l’entrata in
di poterlo capire
relazione di altre persone, e, ad esempio, lo consola
solo io...
in modo esclusivo senza lasciare spazio all’intervento
dell’insegnante, difficilmente il bambino riuscirà ad
andare verso altri. Disporsi a condividere con altre
persone le emozioni del bambino crea il ponte per
entrare serenamente nella situazione sociale.
Ma il personale
Il primo obiettivo degli insegnanti è conoscere il
della scuola saprà
bambino con la sua personalità e le sue particolarità.
conoscere il mio
Il primo colloquio tra insegnanti e genitori dà modo
bambino nella sua
di sapere la storia del bambino e di attrezzarsi per il
unicità?
suo arrivo. Ma è un momento importante anche per
gli adulti in cui si comincia a dare corpo alla comune
responsabilità educativa.
È possibile che
I bambini nel corso della giornata vedono più insegnanti
il mio bambino
ed è possibile che si affezionino più ad uno che ad
preferisca una
un’altro, ma stare con diverse persone è una capacità
maestra ad altre...
relazionale che si costruisce nel tempo e che permette
che gli devo dire?
di modularsi in rapporti diversi.
A volte mi sento
L’apprezzamento che il bambino ha per le persone e
un po’ gelosa: la
le cose della scuola dimostra il suo coinvolgimento e
pappa è più buona,
questo è un fatto positivo, accetta di assumere regole,
la maestra ha
di far parte di un gruppo di cui l’insegnante è un leader
ragione...
riconosciuto.
Il bambino percepisce di avere una propria vita con
56
margini di autonomia che servono per crescere.
L’affetto per i genitori non è in discussione, né le loro
regole, ma dimostrare di saper stare in altre situazioni
è un segnale di crescita. Si può sorridere sulle
esagerazioni... e chiedere simpaticamente la ricetta
al cuoco!
Mi rendo conto che
Il mestiere di ogni educatore è fatto di convinzioni, ma
non ho abbastanza
anche di aggiustamenti “in corso d’opera”. I genitori si
“polso” con mio
interrogano spesso su cosa sia meglio fare e vogliono
figlio. Mi chiedo:
comprendere cosa significano i comportamenti dei figli.
è meglio essere
Ad esempio, a volte i bambini assumono atteggiamenti
più severi o più
provocatori perché cercano nell’adulto sicurezza anche
comprensivi?
nel porre limiti, mentre in altri momenti hanno bisogno
di sostegno e tenerezza. Proficuo perciò è il confronto
con gli insegnanti, che conoscono sia il bambino sia le
caratteristiche specifiche dell’età.
57
58
...che conoscono i
momenti piu “fragili”
del sentirsi grandi oppure piccoli
Per stare bene
Ci sono momenti che sanno particolarmente “di
come a casa, c’è
famiglia“, soprattutto i pasti e l’andare a letto, per
molta cura che
questo su di essi viene posta particolare attenzione.
cresce in alcune
Da un punto di vista nutrizionale le tabelle dietetiche,
situazioni
fornite dall’Azienda sanitaria provinciale, sono il punto
di riferimento: le pietanze sono combinate e alternate
con criteri precisi che i dietisti hanno stilato. Ma si sa
che la parte affettiva si aggiunge a quella materiale,
per questo lo spazio in cui si pranza è particolarmente
curato e accogliente in cui sono presenti, oltre agli
insegnanti, il personale ausiliario e, a volte, lo stesso/a
cuoco/a. Nel tempo ognuno può costruire relazioni “a
tu per tu” per cui, pur dentro le regole comuni ogni
bambino percepisce di essere capito.
come quello del
Il modo di porgere le pietanze consente a volte di
pranzo
superare certe “barriere” e favorisce l’approccio a cibi
inizialmente rifiutati.
Grazie alla possibilità di sperimentare forme di
autonomia - quali il servirsi da soli o l’assunzione di
ruoli, come il fare i “camerieri” o essere di aiuto ad
altri - i bambini vivono spinte motivazionali che portano
a provare ad assaggiare alimenti che magari a casa
risultano ostici.
I genitori sono
Il menu viene esposto nella bacheca della scuola, così
tenuti informati
il genitore è informato e può regolarsi rispetto al pasto
serale. Il menu è steso settimanalmente, a volte anche
per l’intero mese e fa riferimento ai periodi dell’anno
59
con la scelta prioritaria di frutta e ortaggi di stagione.
La famiglia viene informata rispetto ai pasti serviti
secondo modalità diverse che ogni scuola adotta, ma
che garantiscono la conoscenza dei menu proposti. Nei
colloqui individuali i genitori possono poi sapere più
approfonditamente come il bambino vive il momento
del pasto e il suo rapporto con il cibo.
e la scuola è messa
Se il bambino è affetto da qualche allergia è sufficiente
a conoscenza di
presentare il certificato medico alla scuola e la pietanza
problematiche
può essere variata. Se invece il rifiuto di un alimento
alimentari
dipende solo da una resistenza verso certi cibi è facile
che venga superata nel tempo. Lo stare in gruppo
favorisce, infatti, comportamenti emulativi, inoltre il
personale ha varie strategie, non forzose, per aiutare il
bambino a provare i gusti nuovi. In casi più complicati
è opportuno accordare il da farsi direttamente con gli
insegnanti perché è importante che scuola e famiglia
condividano la linea da assumere. Fa parte della
crescita del bambino anche accostare con gradualità
cose non conosciute ed è facile che partendo da una
fogliolina di insalata arrivi a mangiarne con piacere un
piatto intero.
Il momento della
Quando è stanco il bambino è come se si sentisse più
nanna è un’altra
piccolo. Prova quindi il bisogno di essere rassicurato, di
situazione delicata
un po’ di coccole e di qualche oggetto dal sapore di casa.
Nelle scuole dove è a disposizione la stanza per il
sonno i bambini che ne usufruiscono si preparano in
gruppetto, con un adulto che li porta in bagno e li
aiuta ad addormentarsi compiendo azioni routinarie
che tranquillizzano. Ciascun bambino ha un suo modo
di vivere questo momento, molti scelgono un oggetto
da tenere vicino, da toccare, da strofinare sul viso.
L’oggetto rappresenta un legame affettivo e allenta i
timori della separazione.
La vigilanza è assicurata, anche tramite la
collaborazione del personale ausiliario.
60
in cui sono
Via via vengono conosciute anche le piccole sfumature
riconosciuti i
del comportamento dei bambini per cui l’adulto sa come
particolari bisogni
accostarsi o se rimanere distante e i piccoli gesti cari ad
di ognuno
ognuno, in un clima sereno per tutti.
Anche il momento del risveglio è dolce e viene dato
al bambino il tempo di rimettersi tranquillamente in
contatto con la realtà. Nelle scuole in cui non c’è la
stanza apposita per il sonno a volte si predispongono
dei lettini o dei cuscini in una “zona protetta” oppure
si propone un’attività di rilassamento che toglie la
stanchezza. Si ascolta una musica, si sta sdraiati e si
“pisola” un po’ per riprendere energia.
Quando mi sveglio vado dai miei amici
che erano già più svegli.
Paul
61
Le domande piu frequenti
sul pasto e il sonno
Il mio bambino
Certamente il momento del sonno ha per ogni bambino
senza ciuccio
rituali che gli permettono di lasciarsi andare in quel
non dorme, potrà
“non esserci” che è il sonno. La famiglia è quindi
usarlo e avere
invitata a far portare il succhiotto, se ancora usato, e il
con sé il suo
peluche cui il bambino è affezionato. Anche a scuola si
orsacchiotto?
creano dei modi speciali, le persone che curano questo
momento sono attente a rispondere alle necessità
di ogni bambino che ben presto assume anche le
consuetudini del gruppo, in cui non si ha l’adulto
esclusivamente per sé.
A casa si
Ogni bambino avrà senz’altro tutto per sé un momento
addormenta solo
di vicinanza dell’adulto, ma presto assumerà in modo
se gli tengo la
naturale anche i gesti rivolti all’intero gruppo.
manina, a scuola
Se serve, i bambini vengono svegliati perché la scuola
come farà? E poi
ha degli orari da rispettare, ma lo si fa con calma e
è un dormiglione
ognuno avrà il tempo di riprendersi gradualmente
perciò lo dovranno
per essere poi accompagnato in sezione a ritrovare i
svegliare...
compagni.
Mia figlia non
A scuola il bambino fa parte di un gruppo e per questo
vuol saperne di
gli risulta più facile che a casa aderire alle proposte,
riposare, diventa
compresa quella della nanna. I bambini che sono nel
nervosa ma “non
“gruppo che va a riposare” o quelli del “gruppo che
molla”, come si
si ferma al posticipo” ben presto seguono volentieri
convincerà?
i rituali che portano verso quel momento. A volte
questi gruppi prendono nomi simpatici, come “Pisoli”
o “Merendini”, e così sembra loro di far parte di un
piccolo club esclusivo.
62
La mia bambina è
Mangiare in compagnia permette di lasciarsi
poco abituata ai
favorevolmente condizionare dai compagni che hanno
sapori diversi dal
più appetito e meno resistenze. Anche il fatto di
solito, a mangiare
avere tutti nel piatto piccole porzioni di ogni alimento
farà fatica...
permette di superare le ritrosie conquistando il gusto di
assaporare i cibi.
Vengono poi proposte varie attività di assaggio di
alimenti che diventano un gioco di scoperta di odori e
sapori.
E se non volesse
Se dopo un po’ di tempo il bambino non mangia
proprio mangiare?
serenamente con i compagni, si può pensare che forse
non sia il pasto il vero problema. Il comportamento
potrebbe segnalare una fatica del bambino ad elaborare
la separazione dai propri cari oppure nascondere un
malessere le cui motivazioni vanno cercate in un’analisi
più generale con un fiducioso dialogo fra genitori e
insegnanti.
63
64
...come il rimanere a
scuola piu a lungo
in quel tempo prolungato che e
speciale
La giornata della
La scuola dell’infanzia ha un orario di sette ore
scuola è di sette ore
giornaliere, il cui inizio e fine vengono annualmente
stabiliti dal Comitato di Gestione della scuola tenendo
conto delle esigenze delle famiglie. Alcune formule di
orario, ad esempio, sono: apertura alle 8 e chiusura alle
15 oppure dalle 8.30 alle 15.30 o anche dalle 9 alle 16.
ma può arrivare
Il tempo prolungato nella scuola dell’infanzia è nato
fino a dieci ore di
come risposta alle esigenze sociali e lavorative delle
apertura
famiglie ed ha ampliato l’orario di apertura fino alle
10 ore giornaliere. Si parla di tempo prolungato sia
per le ore del mattino: l’anticipo, che per le ore del
pomeriggio: il posticipo.
secondo le richieste
Ogni anno scolastico la Giunta provinciale stabilisce
presentate dalle
il concorso economico a carico delle famiglie e il
famiglie.
raggiungimento del numero minimo per attivare l’orario
prolungato in ogni realtà scolastica. In relazione alle
ore richieste per il prolungamento e in conseguenza alle
iscrizioni accolte, ogni scuola organizza quindi gli orari
della giornata. L’assegnazione di personale per il tempo
prolungato viene individuata nel “Programma annuale
delle scuole dell’infanzia” predisposto dalla Provincia
autonoma di Trento in base all’orario di apertura e al
numero di bambini iscritti nelle varie fasce orarie.
Sono ore di un
Questo tempo è diverso dalla normale giornata
tempo particolare
educativa, ma certamente di pari valore sul piano
educativo. Per molti bambini rappresenta il momento di
65
avvio e di chiusura di una giornata e porta quindi con sé
le dinamiche legate al distacco dalle figure familiari e al
ricongiungimento con le stesse dopo varie ore.
in cui i bambini
Al mattino chi arriva per primo a scuola trova un
hanno bisogni
ambiente non ancora “in movimento”, più silenzioso,
diversi rispetto ad
in cui avviare giochi con i pochi amici presenti, ma ben
altri momenti
presto entrano tutti gli altri bambini, che si aggregano
man mano. Nel tardo pomeriggio, invece, i bambini che
rimangono più a lungo allentano il ritmo e svolgono
attività appositamente pensate per un tempo conclusivo
della giornata scolastica; hanno inoltre la possibilità di
avere con l’adulto un rapporto molto più ravvicinato.
Le attività quindi
Si formano nuovi gruppi e a volte si frequentano nuovi
sono pensate in
spazi che diventano altri luoghi di appartenenza, in cui
modo appropriato
si lasciano e si ritrovano le tracce dei percorsi svolti e
qualche gioco diverso.
Nelle proposte acquista ancor più rilevanza l’affettività e
i contenuti di “lavoro” rispondono ai bisogni dei bambini
con attività gradevoli e diversificate.
spesso collegate a
Dedicare del tempo alla conversazione, alla narrazione
quelle del mattino,
delle esperienze fatte nel corso della giornata, è un
ma senza forzatura
modo importante anche per consolidare le conoscenze
già affrontate dai bambini e per dare il senso di una
continuità, ma senza l’ansia di un procedere forzato.
Non è infatti nell’accumulo di esperienze che si impara,
ma attraverso occasioni che consentono di riorganizzare
le conoscenze stesse.
oppure diverse, per
Fare cose diverse non vuol dire perdere il rapporto con
avere un progetto
gli altri momenti della giornata, perché la continuità è
“solo per noi”
data soprattutto dallo stile educativo della scuola, dagli
atteggiamenti, dal tipo di richieste poste ai bambini.
Il giorno è fatto anche di tempi diversi che assumono
un loro significato particolare e perciò anche le attività
possono iniziare e finire con una propria motivazione:
66
una certa storia, una sperimentazione con i materiali,
un progetto tematico...
che è bello
È poi una gran soddisfazione mostrare qualcosa ai
presentare agli altri
compagni del mattino, spiegare loro un gioco o una
canzone nuova, narrare il racconto che è diventato libro
illustrato... Come in una famiglia, in cui si va e si viene
e ci si racconta, anche a scuola un filo unisce le cose e
fa sentire parte di una stessa comunità.
Quando siamo pochi aspetto di meno
e dondolo di più!
Martina
67
Le domande piu frequenti
sul tempo prolungato
E se il mio
Sono i genitori a decidere i tempi della famiglia, certo
bambino non
tenendo conto dei bisogni di tutti i componenti, ma
volesse rimanere
anche delle oggettive necessità organizzative e degli
nell’orario
stili di vita in cui credono. Per i bambini è importante
prolungato?
non cogliere incertezza o sensi di colpa nelle figure
di riferimento. Presto le giornate prendono un ritmo
conosciuto, il bambino sa che ogni giorno sarà accolto
nel gruppo del posticipo, dove i giochi e le iniziative
intraprese cattureranno il suo interesse.
Per le piccole crisi basteranno poche parole che
rimarranno in mente: “Non ti preoccupare, il papà
viene all’ora giusta e ti pensa”. Non è bene invece
promettere un dolcetto o un regalino: è fuorviante
“premiare” la normalità.
Mi spiace, ma il
Chi arriva per primo trova l’insegnante tutto per sé
mio bambino arriva
e i giochi a sua completa disposizione: una piccola
fra i primi e nel
situazione di privilegio.
pomeriggio è fra
Per l’uscita dopo il pranzo o nel pomeriggio la scuola si
gli ultimi ad uscire.
organizza in modo che i bambini si sentano tranquilli,
Sarà dispiaciuto
gli insegnanti li preparano in gruppi divisi per andare
nel vedere gli altri
a giocare o per prepararsi a tornare a casa, ma anche
che vanno via...
quando lo stesso spazio è lo stesso le situazioni sono
ben distinte. E se ci fosse bisogno di una consolazione
particolare, anche quella non mancherà.
68
Ma se fosse troppo
Le proposte del pomeriggio sono pensate per essere
stanco per fare
leggere e accattivanti e il passaggio nel gruppo
altre attività?
solitamente prevede anche un breve momento rituale
che serve a ritrovarsi con quel gruppo, che ha poi le
proprie attività da portare avanti.
Ho visto qualche
La gestione delle emozioni che emergono quando ci
bambino arrabbiato
si lascia o ci si riprende può risultare difficile per un
con il genitore che
bambino, che a volte è pervaso da forti sentimenti
viene a prenderlo,
che si confondono: c’è il piacere di rivedere i cari ma
come mai? E se il
anche l’accorgersi di essere stato molto tempo senza
bambino fa così
di loro. Nell’incapacità di esprimere ciò che prova può
come è meglio
dimostrarsi scontroso; occorre perciò che l’adulto
comportarsi?
trovi le parole e i gesti giusti, semplici, rassicuranti
e non creda nemmeno per un attimo “che non ci si
voglia più bene”, ma solo che ritrovarsi è un passaggio
di appartenenza che ha bisogno principalmente di
conferme e “dosi extra” d’affetto.
69
70
...tutto questo e molto altro
dentro la grande organizzazione
della scuola dell’infanzia
provinciale trentina
In sintesi, compiti e
finalità
Legge Provinciale
La legge n. 13 del ‘77, con le successive modifiche
n. 13 - 21 marzo
intervenute, è la legge di ordinamento della scuola
1977 e ss.mm.
dell’infanzia trentina, che tra le finalità educative
indica il “pieno sviluppo della personalità del bambino
in un’educazione integrale che permette l’effettiva
eguaglianza di opportunità educative, superando i
condizionamenti sociali, culturali ed ambientali per
assicurare ad ognuno una concreta realizzazione del
diritto allo studio e l’acquisizione di un comune livello
culturale di base che superi concretamente ogni tipo di
discriminazione”.
Gli “Orientamenti
Gli “Orientamenti dell’attività educativa della scuola
dell’attività
dell’infanzia” sono un documento programmatico
educativa
adottato con Decreto del Presidente della Giunta
della scuola
provinciale n. 5-19/ Leg. dd. 15 marzo 1995, in cui
dell’infanzia”
sono riconosciute alla scuola dell’infanzia importanti
funzione educative:
presentano le sue
assicurare lo sviluppo delle potenzialità individuali:
funzioni educative
tutti i bambini e le bambine devono poter sviluppare le
proprie capacità e competenze cognitive, relazionali,
affettive, espressive e sociali ed è compito della scuola
rimuovere eventuali difficoltà e creare le condizioni
perché ciò accada;
71
sostenere il dialogo e promuovere il confronto con altri
sistemi di senso, con le credenze religiose diverse e con
le nuove espressioni di significato;
far crescere impegno e responsabilità e sviluppare
valori etici come la solidarietà, la cooperazione, il senso
di responsabilità, l’impegno volontario, la comprensione
e l’accoglienza dell’altro e del diverso;
promuovere la valorizzazione delle differenze e
dell’identità e le differenze socio-culturali in quanto
segno della pluralità con la quale gli stessi valori
possono essere interpretati e vissuti in diversi gruppi
sociali. È sostenuta l’identità dei gruppi linguistici
e delle culture locali e straniere attraverso percorsi
appositamente ideati e strutturati.
Tra legge e
La legge 13 e gli Orientamenti delineano una scuola
Orientamenti
dell’infanzia con una propria specificità e inserita
nel panorama scolastico, non intesa come grado
preparatorio della scuola primaria o come sostituto
della famiglia, ma che “persegue la piena valorizzazione
della personalità infantile nella unitarietà e integralità
delle sue dimensioni, promuovendo un processo
intenzionalmente finalizzato alla conquista dell’identità
e dell’autonomia”.
emerge l’idea di
Fin da piccolo il bambino, al quale viene riconosciuto
bambino attivo e
un bagaglio di esperienza e di emozioni, è considerato
capace
capace di leggere la realtà e di darsi delle spiegazioni.
Il fare insieme all’adulto dà senso alle esperienze
vissute e lo aiuta ad appropriarsi di quelle capacità che
favoriscono la maturazione dell’identità e lo sviluppo
delle competenze.
e la condivisione
Il compito educativo coinvolge la famiglia quale luogo
con la famiglia
primario di crescita e di sviluppo, soprattutto per la
specificità delle sue relazioni formative. L’indispensabile
collaborazione dei genitori e degli adulti più prossimi
apre una circolarità di comunicazione della scuola con
l’ambiente di vita dei bambini.
72
73
L’organizzazione
Lo spazio-tempo
La scuola dell’infanzia è aperta per non meno di 10
scuola
mesi all’anno, 5 giorni alla settimana, per un massimo
di 10 ore al giorno.
Articolazione
La scuola è organizzata per sezioni, che di norma
interna
accolgono 25 bambini e non meno di 15. Nell’arco della
giornata sono previste anche attività che coinvolgono
i bambini di sezioni diverse, in gruppi per età o di
laboratorio, per giochi, sperimentazioni e attività molto
articolate.
Il personale della
Gli insegnanti sono due per sezione, ma nei casi in cui
scuola
la scuola sia aperta per più di 7 ore al giorno viene
assegnato ulteriore personale per il numero di ore
giornaliere necessarie e per il periodo di attivazione del
prolungamento d’orario. Il personale non insegnante
- il/la cuoco/a e il personale d’appoggio - svolge
all’interno della scuola importanti compiti legati al
funzionamento del servizio di mensa, alle operazioni di
pulizia e del servizio trasporto, all’assistenza durante
ingresso e uscita, alla cura dell’igiene individuale
e collettiva, alla cura degli ambienti e degli arredi.
Sono figure affettive che i bambini incontrano in vari
momenti della giornata e che a volte partecipano alle
attività didattiche e a varie iniziative.
Il servizio di mensa
A scuola i bambini consumano il pasto di mezzogiorno,
per questo servizio di mensa ogni anno la Giunta
provinciale definisce le tariffe a carico delle famiglie.
74
Diritti dei bambini
I bambini in situazione di handicap sono inseriti
diversamente abili
e integrati nelle scuole dell’infanzia, le cui sezioni
o che presentano
possono essere dotate di insegnanti supplementari per
problematiche
favorire la partecipazione dei bambini alle attività o
percorsi individualizzati mirati alle esigenze dei soggetti
diversamente abili.
75
Gli organismi
rappresentativi
Il Comitato di
Presso ogni scuola dell’infanzia è istituito un Comitato
gestione (Art. 11,
di gestione composto da una rappresentanza di tutte
12 L.P. n. 13/77)
le componenti, scolastiche e non:
si compone
- personale insegnante
- un rappresentante del personale non insegnante
- due rappresentanti del Comune dove ha sede la scuola
- rappresentanti dei genitori in numero pari agli altri membri.
i suoi compiti
Il Comitato di gestione definisce gli orientamenti
dell’attività educativa con eventuali integrazioni per
adeguarli alle esigenze della comunità per il miglior
conseguimento degli obiettivi generali fissati dalla
Legge 13 e in tal senso fa proposte al Collegio del
personale. Vigila sul funzionamento del servizio mensa,
delibera su orari, calendari e iscrizioni, secondo quanto
previsto dalle disposizioni provinciali e avanza proposte
nei campi indicati dalla legge.
Il Collegio del
Tutto il personale, insegnante e ausiliario,
personale (Art. 15
che presta servizio in una
L.P. n. 13/77)
scuola dell’infanzia compone
si compone
il Collegio del personale.
i suoi compiti
Ad esso spetta organizzare l’attività della scuola e del
personale e curare i rapporti con i genitori. Si occupa
della programmazione dell’azione educativa e adotta
ogni opportuna iniziativa per lo scambio di informazioni.
76
L’Assemblea dei
Le mamme e i papà dei bambini e delle bambine che
genitori (Art. 16
frequentano una scuola dell’infanzia costituiscono un
L.P. n. 13/77)
organismo definito Assemblea dei genitori.
si compone
Il Presidente dell’Assemblea è un genitore, che viene
eletto durante il primo incontro, dura in carica un
anno e convoca l’Assemblea nei locali della scuola ogni
qualvolta lo ritenga opportuno.
i suoi compiti
L’Assemblea dei genitori fa proposte al Comitato di
gestione e al Collegio del personale, in ordine alle
rispettive funzioni, con particolare riguardo
all’azione educativa.
Il Collegio dei
Gli insegnanti a tempo indeterminato e determinato,
docenti (Artt. 59,
com’è ad esempio il personale supplente, vanno a
60 L.P. n. 13/77)
formare il Collegio dei Docenti, che è presieduto dal
si compone
Coordinatore pedagogico.
i suoi compiti
Al Collegio Docenti spetta di definire i tempi e i criteri
dell’azione educativa e valutarne l’andamento, i criteri
generali di distribuzione degli orari del personale
insegnante e lo svolgimento dell’attività scolastica,
comprese le modalità d’integrazione e prevenzione,
del tempo prolungato e di iniziative di collegamento
con altre istituzioni. È suo compito formulare proposte
per la formazione delle sezioni e per le scelte di
attrezzature, del materiale didattico e di gioco. Formula
proposte ai Servizi competenti in materia di formazione
del personale per l’aggiornamento degli insegnanti del
Circolo e per iniziative di sperimentazione metodologica
e di ricerca educativa e programma annualmente
le attività non di insegnamento connesse con il
funzionamento della scuola.
77
La struttura
I Servizi
Le competenze in materia di scuola dell’infanzia
provinciale fanno riferimento a due Servizi provinciali:
il Servizio scuola dell’infanzia, istruzione
e formazione professionale, che si occupa
prevalentemente della parte programmatoria e
gestionale;
il Servizio per lo sviluppo e l’innovazione del
sistema scolastico e formativo, che si occupa in
particolare delle azioni di promozione educativa,
della formazione degli insegnanti, della ricerca,
innovazione e sperimentazione, del coordinamento
pedagogico generale.
Le figure di
Dirigente Generale del Dipartimento Istruzione
riferimento dei
Carlo Basani
Servizi
Dirigente Servizio per lo sviluppo e l’innovazione
del sistema scolastico e formativo
Paolo Antonio Renna
Direttore Ufficio di coordinamento pedagogico generale
Miriam Pintarelli
Dirigente Servizio scuola dell’infanzia, istruzione
e formazione professionale
Roberto Ceccato
Direttore Ufficio servizi per l’infanzia
Emanuela Maino
78
I Circoli di
Le scuole dell’infanzia provinciali sono raggruppate
coordinamento
sul territorio in 12 Circoli di coordinamento e ad
ogni Circolo è preposta la figura del Coordinatore
pedagogico.
Inoltre per le scuole ladine è istituito il Coordinamento
pedagogico scuole provinciali dell’infanzia ladine.
Il Coordinatore
Il Coordinatore pedagogico svolge funzioni di
pedagogico
consulenza pedagogico-didattica a favore delle
scuole e cura l’esecuzione delle norme giuridiche
e amministrative assumendo i provvedimenti
necessari, anche quelli di emergenza, per assicurare il
funzionamento e la sicurezza nelle sedi scolastiche.
I Comuni
I Comuni forniscono gli edifici con i locali idonei per
la scuola dell’infanzia, provvedono alle attrezzature,
all’arredamento e ai giochi nonché alla loro
manutenzione e rinnovo. Utilizzando i finanziamenti
della Provincia provvedono all’assunzione del personale
non insegnante, all’organizzazione del servizio di mensa
e al funzionamento anche didattico e amministrativo
della scuola.
79
80
I circoli di
coordinamento
Circolo n. 1
Circolo n. 1 BASELGA DI PINÉ
Via del 26 Maggio, 8/1 - 38042
tel. 0461.558849 - fax 0461.553980
[email protected]
Coordinatore pedagogico Giuliana Battisti
Scuole dell’infanzia: M. Maddalena Lazzeri-Capriana,
Casatta, Daiano, Baselga di Piné, Miola, Rizzolaga,
Molina di Fiemme, Piazze-Bedollo, Grumés, Varena.
Circolo n. 2
Circolo n. 2 BORGO VALSUGANA
Via Temanza, 4 - 38051
tel. 0461.755804 - fax 0461.755805
[email protected]
Coordinatore pedagogico Riccarda Simoni
Scuole dell’infanzia: Natale alpino-Agnedo di Villa Agnedo,
Bieno, Canal San Bovo, Caoria, Castello Tesino, Imèr,
Taita Marcos-Levico Terme, Novaledo, Prade.
Circolo n. 3
Circolo n. 3 PERGINE VALSUGANA
Viale Dante, 5 - 38057
tel. 0461.501808 - fax 0461.501809
[email protected]
Coordinatore pedagogico Antonella Giurato
Scuole dell’infanzia: Bosentino, Civezzano, Fierozzo,
Sant’Agnese, Il Girotondo-Sant’Orsola, Seregnano, Tenna,
Vattaro, Vigolo Vattaro.
81
Circolo n. 4
Circolo n. 4 TRENTO
Via Gilli, 3 - 38100
tel. 0461.496954 - fax 0461.496950
[email protected]
Coordinatore pedagogico Patrizia Fellin
Scuole dell’infanzia: Mamma Teresa-Cimone,
Trento: Carlo Collodi, Maso Ginocchio-San Giuseppe,
Il castello-Mattarello, Torrione, Girotondo-Ravina,
Gli gnomi del bosco-Romagnano.
Circolo n. 5
Circolo n. 5 TRENTO
Via Gilli, 3 - 38100
tel. 0461.496955 - fax 0461.497257
[email protected]
Sostituto Coordinatore pedagogico Katia Pegoretti
Scuole dell’infanzia: Calavino, Lasino, Terlago,
Trento: Il Melograno-Cadine, Piccolo Principe-Cristo Re,
Biancaneve-Gardolo, Piedicastello,
Margit Levinson-Roncafort, San Martino, Sardagna.
Circolo n. 6
Circolo n. 6 TRENTO
Via Gilli, 3 - 38100
tel. 0461.496956 - fax 0461.496950
[email protected]
Coordinatore pedagogico Flavia Ioris
Scuole dell’infanzia: L’Albero azzurro-Cavedago,
Fai della Paganella, Arcobaleno-Martignano,
don Partellon-Meano, Roveré della Luna;
Il Germoglio-San Michele all’Adige-Faedo,
Il giardino del sole-Grumo;
Trento: Il girasole-Melta, Il quadrifoglio-Solteri.
82
Circolo n. 7
Circolo n. 7 CLES
Viale Degasperi, 10 - 38023
tel. 0463. 425230 - fax 0463.421679
[email protected]
Coordinatore pedagogico Laura Bertoldi
Scuole dell’infanzia: Castelfondo, Peter Pan-Cavareno,
Casa del sole-Cles, Cunevo, Livo-Varollo, Mione-Rumo,
Rallo-Tassullo, Il nuovo germoglio-Revò, La città della
gioia-Romeno, Ruffrè, Giardino dei sogni-Sarnonico,
f.lli Remondini-Sporminore, Bosco degli gnomi-Vervò.
Circolo n. 8
Circolo n. 8 TIONE
Edificio ‘Il centro’ Via Circonvallazione - 38079
tel. 0465.343312 - fax 0465.343313
[email protected]
Coordinatore pedagogico Giuseppe Pesenti
Scuole dell’infanzia: Bezzecca, Cimego, Darzo, Dro,
Filippo Serafini-Preore, Rione 2 Giugno-Riva, Romarzollo,
Tiarno di Sopra, Tiarno di Sotto, Zuclo-Bolbeno.
Circolo n. 9
Circolo n. 9 ROVERETO
Complesso ‘Intercity’ Viale Trento, 37/E - 38068
tel. 0464.493116 - fax 0464.493117
[email protected]
Coordinatore pedagogico Loredana Michellini
Scuole dell’infanzia: Rovereto: Cesare Battisti, Fucine,
Lizzana, Noriglio, Il giardino incantato-Rione Sud,
don Antonio Rossaro-San Giorgio;
Isera, Raossi-Vallarsa, Sant’Anna-Vallarsa,
Il Girasole-Tierno di Mori, Piazza-Terragnolo.
83
Circolo n. 10
Circolo n. 10 ROVERETO
Complesso ‘Intercity’
Viale Trento, 37/E - 38068
tel. 0464.493114 - fax 0464.493115
[email protected]
Coordinatore pedagogico Paola Barberi
Scuole dell’infanzia: Rovereto: Brione, Rione Nord,
Amici della scuola-Sant’Ilario; Besenello, Calliano,
Giuseppe Boschetti-Folgaria, Chiesa-Lavarone, Luserna,
Nogaredo, Nosellari, don Andrea Rainoldi-Pomarolo.
Circolo n. 11
CIRCOLO n. 11 MALÈ
Via 4 Novembre, 4 - 38027
tel. 0463.909700 - 909714 - fax 0463.909701
[email protected]
Coordinatore pedagogico Lucia Cova
Scuole dell’infanzia: Cogolo, Croviana, MestriagoCommezzadura, Agostino Ravelli-Mezzana, Monclassico,
Peio, Antonio Bontempelli-Pellizzano, Piazzola-Rabbi,
Pracorno-Rabbi, Caterina Greifenberg Rizzi-Terzolas.
Circolo n. 12
CIRCOLO n. 12 TRENTO
Via Gilli, 3 - 38100
tel. 0461.496952 - fax 0461.497257
[email protected]
Coordinatore pedagogico Ruth Maria Stankowski
Scuole dell’infanzia: Trento: Crosina Sartori, G. Rodari,
L’albero del sole-Madonna Bianca, Piccolo Mondo-Clarina,
Povo, L’officina degli gnomi-Villazzano 3;
Arcobaleno-Palù di Giovo, Verla di Giovo,
Girotondo-Zambana.
84
Circolo scuole
COORDINAMENTO PEDAGOGICO
ladine
SCUOLE PROVINCIALI DELL’INFANZIA LADINE
Strada G. Soraperra, 6 - 38036 Pozza di Fassa
tel. 0462.760340 - fax 0462.760001
[email protected]
Sorastant de la scola ladines Mirella Florian
Svolge funzioni di coordinamento pedagogico
Tatiana Soraperra
Scuole dell’infanzia: Canazei, Pera di Fassa, Soraga.
85
86
Appunti sulla scuola dell’infanzia del
mio bambino/bambina
Nomi e numeri a portata di mano
Nome della scuola
Indirizzo
Numero di telefono
Numero di fax
Numero bambini iscritti
Numero sezioni
Orario di apertura
Orari di uscita dei bambini
Coordinatore pedagogico
Numero telefono
Gli insegnanti del mio bambino
Il personale d’appoggio di cucina e gli addetti d’appoggio
Presidente del Comitato di Gestione
Presidente dell’Assemblea dei genitori
87
spazio alle note personali
Queste pagine sono per voi, per qualche vostro appunto, per scriverci
qualcosa di particolare sulla scuola del vostro bambino, per metterci
un pensiero, un ricordo di questo tempo speciale in cui la scuola
entra un po’ a casa vostra, con il suo mondo di creazioni, canzoni,
re gole, storie e fantasia, e voi entrate in essa partecipando, insieme a
vostro figlio, a questa seria e giocosa comunita.
88
89
90
91
92
93
94
La Collana F.I.O.R.E.
Anno
Titolo
Tema
2005
Sentirsi a casa
Gli spazi della scuola dell’infanzia
2006
A cielo aperto
Gli spazi esterni della scuola dell’infanzia
2006
Faccio io!
L’autonomia del bambino
2007
Assaggio
L’alimentazione del bambino
2002
Benvenuti
La scuola dell’infanzia accoglie la famiglia
2008 II ed.
Servizio per lo sviluppo e l’innovazione del sistema scolastico e formativo
Dirigente Paolo Antonio Renna
Ufficio di coordinamento pedagogico generale
Direttore Miriam Pintarelli
Trento - Via Gilli, 3 - Tel. 0461.496998 - Fax 0461.496999
E-mail: [email protected]
95
Finito di stampare nel mese di marzo 2009
Fly UP